I lamponi: il perfetto piacere estivo

L’estate è arrivata ed è tempo di lamponi. Questi dolcissimi frutti di bosco hanno poche calorie e sono ricchi di sostanze salutari. Lo snack perfetto per le giornate torride.

I lamponi sono originari dell’Europa meridionale e pare venissero raccolti già ai tempi dell’età della pietra. Inoltre, nell’antichità gli uomini li consideravano una pianta officinale e ne utilizzavano frutti, foglie, fiori e radici per curare i disturbi più disparati. Il medicinale era impiegato soprattutto sotto forma di decotto o infuso per lenire, tra gli altri, i dolori preparto e per curare raffreddore o malattie dermatologiche.

Consigli per l’uso dei lamponi in cucina
  • I lamponi deperiscono facilmente e non si conservano a lungo: quando possibile, acquistali freschi.
  • Adagia i lamponi con cura uno accanto all’altro in un piatto dopo averli acquistati o raccolti e conservali in un luogo fresco.
  • I lamponi si conservano in frigo (idealmente a zero gradi) al massimo per tre giorni, ma possono essere tranquillamente congelati.
  • I lamponi si prestano bene ad essere combinati con fragole, ribes, ciliegie, nettarine e/o more.
  • Il sapore di vaniglia, menta, salvia, melissa, succo e buccia di limone si sposa meravigliosamente con questi frutti rossi.

I lamponi non sono bacche

Dal punto di vista botanico, il lampone è il fratello rosso della mora e appartiene come quest’ultima alla famiglia delle rosacee. Sebbene l’aspetto possa ingannare, il lampone non è una bacca, bensì una pluridrupa, costituita da tante singole drupe tenute insieme da sottilissimi peletti.

I suffrutici possono raggiungere i due metri di altezza e per arrampicarsi necessitano di fili di ferro ben tesi. A seconda del momento della raccolta è possibile distinguerne due tipi: lamponi estivi e lamponi autunnali. I primi maturano a giugno, i secondi, invece, arrivano a ottobre.

Quelli selvatici sono rossi, mentre le varietà coltivate possono assumere anche le tonalità del giallo o del nero. I lamponi sono morbidi, possono raggiungere fino a tre centimetri di lunghezza e sono composti da tante minuscole drupe. Nell’Europa centrale il periodo di raccolta va da giugno a ottobre; l’approvvigionamento nel resto dell’anno è garantito invece dalle importazioni. Dovrebbero essere colti solo i frutti maturi, perché il processo di maturazione non continua dopo il raccolto.

Contengono vitamina C

I lamponi sono poveri di calorie e sono composti principalmente da acqua, fruttosio e fibre alimentari, oltre a contenere vitamine del gruppo B. L’assunzione di 100 g di lamponi soddisfa già quasi un terzo del fabbisogno giornaliero di vitamina C. Il gusto leggermente amarognolo è dovuto agli acidi della frutta come l’acido citrico.

Il re della versatilità in cucina

I lamponi sono davvero versatili in cucina. Questi dolcissimi frutti possono essere utilizzati per preparare deliziosi dessert come dolci, torte, prodotti da forno e gelato, ma sono gustosissimi anche abbinati ai latticini, in particolare allo yogurt o al quark. Si prestano poi benissimo anche alla preparazione di confetture, gelatine, composte o sciroppi, nonché di succhi, frappè o smoothie, se si preferiscono in versione da bere. Chi ha già assaggiato almeno una volta i lamponi insieme a insalata e formaggio, sa che anche la variante più saporita è squisita.

Pubblicato il 06.07.2017


Potrebbe interessarti anche: