Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Castagne: snack povero di grassi

Una fragranza seducente. Le caldarroste sono fra gli snack più poveri di grassi. Uno spezzafame perfetto per le passeggiate autunnali.

A vederle, le tonde e sode castagne sembrano grasse, e quando le si assaggia risultano piuttosto dolci. Ma questa prima impressione inganna. Quando in autunno l’aria delle città si riempie del dolce profumo delle caldarroste, anche chi è attento alla linea può lasciarsi tentare.

Ecco i segreti delle castagne

Esperienza gastronomica sublime

Il processo di cottura (arrostimento o cottura al forno) trasforma l'amido in zucchero. Le castagne sviluppano così un delicato aroma nocciolato e dolce che si combina in modo delizioso.

  • Mela
  • Pera
  • Funghi
  • Radicchio
  • Salvia
  • Selvaggina
  • Pancetta
  • Formaggio di capra
  • Patata 

Rispetto alla frutta secca (a livello botanico sono simili a noci e semi) spicca un contenuto di grassi inferiore, pari a soli 1.5 g per 100 g. Per fare un confronto: la frutta secca come mandorle o noci contiene dai 50 ai 60 g di grasso per 100 g. Le caldarroste sono quindi uno degli snack con il minor contenuto di grassi.

Le castagne sono prive di glutine e sono quindi adatte alla dieta delle persone celiache. Secondo le indicazioni della Comunità di interesse per la celiachia (IG Zöliakie) vengono spesso utilizzate per sostituire cereali contenenti glutine al fine di produrre farine speciali, pasta e pane. Inoltre, le castagne contengono molto potassio e acido folico.

Castagne: le patate del Ticino

Le preziose sostanze nutritive contenute si mantengono anche negli amati vermicelles, ma solo se ci si prende la briga di produrseli in casa, senza quindi troppi zuccheri aggiunti. Nei lunghi mesi invernali, cibi come i vermicelles un tempo facevano parte della dieta quotidiana della popolazione più povera del Canton Ticino (senza lo zucchero vanigliato, ovviamente). All’epoca le castagne erano un cibo indispensabile per la sussistenza. 

(Continua a leggere qui di seguito...)

Goditi l'autunno in tutta la sua varietà

Vai al dossier

Saziarsi durante l’inverno

Nelle povere valli del Canton Ticino, per lungo tempo valse il motto secondo cui un albero di castagno a testa consentiva di sopravvivere all’inverno, perché garantiva una quantità di frutti – e quindi di nutrimento – sufficiente per i tre mesi invernali. I piatti preparati con questi doni di alberi tanto desiderati appartengono alla cucina povera, in realtà abbastanza monotona: in Ticino al mattino presto, a mezzogiorno e per cena non si mangiava altro che castagne bollite o arrostite.

Meglio calde

Oggi le castagne sono considerate una prelibatezza. Fin dal primo morso risvegliano in quasi tutti noi il piacevole ricordo dell’inverno che si avvicina. La stagione delle castagne inizia a settembre e dura fino a marzo. Le migliori si trovano a partire da fine ottobre. Sono disponibili non solo fresche, ma anche sotto forma di purea o fiocchi, congelate oppure in conserva. Al primo posto della scala di gradimento rimangono tuttavia sempre loro: le caldarroste fresche.

Curiosità sulle castagne

Marroni e castagne (Castanea sativa) crescono sui castagni, di cui esistono centinaia di specie diverse. Quelle coltivate per il consumo umano devono soddisfare determinati requisiti qualitativi. I marroni sono più pregiati, costosi, carnosi e tondeggianti rispetto alle comuni castagne.

Raccolte personalmente o appena comprate, castagne e marroni si conservano in frigorifero anche per una settimana all’interno di un sacchetto di carta nello scomparto della verdura e possono anche essere congelate. Puoi prepararle anche al forno. Basta metterle a bagno in acqua e inciderle. Successivamente disponile su una teglia preriscaldata e cuocile dai 10 ai 15 minuti.

Tabella dei valori nutritivi

Sostanza nutritiva

Per 100 g (6 – 7 castagne)

Percentuale di copertura del fabbisogno giornaliero

Energia

198 kcal  

Carboidrati

42 g  

Proteine

3 g  

Grassi

1,5 g  

Fibre alimentari

1,4 g

5%

Vitamina B1 (tiamina)

0,02 mg

2%

Vitamina B2 (riboflavina)

0,11 mg

10% per le donne
8% per gli uomini

Vitamina B6 (piridossina)

0,35 mg

30% per le donne
23% per gli uomini

Niacina

1,1 mg

9% per le donne
7% per gli uomini

Acido folico

58 µg

20%

Vitamina C

33 mg

35% per le donne
30% per gli uomini

Potassio

380 mg

10%

Calcio

18 mg

2%

Magnesio

31 mg

10% per le donne
9% per gli uomini

Fosforo

59 mg

8,5%

Ferro

2,1 mg

14% per le donne
21% per gli uomini

Zinco

1 mg

14% per le donne
10% per gli uomini

Fomte: naehrwertdaten.ch

di Claudia Vogt e Pia Teichmann,

pubblicato in data 08.09.2017, modificato in data 24.11.2020


Potrebbe interessarti anche:

Allenarsi a casa: in modo polivalente, flessibile e mobile, come lo sei tu!

Comincia ora
migros-fitness-at-home.jpg