Un croccante toccasana

È vero che la frutta secca fa ingrassare? No. È ricca di grassi senza essere un pericolo per la linea, ed è anche una straordinaria fonte di vitamine e proteine.

La piramide alimentare non è clemente con la frutta secca, che insieme a burro e olio occupa le posizioni più elevate. Anche se alcune sue varietà rientrano propriamente nella categoria frutta o legumi, la frutta secca si piazza diversi livelli più in alto rispetto a cibi che dal punto di vista botanico le sono molto simili.

La raccomandazione sarebbe quindi quella di consumarla con moderazione a causa dell’alto contenuto di grassi e proteine.

Dimagrire con le mandorle?

Consigli
  • Consumare la frutta secca preferibilmente non tostata e non salata.
  • Meglio mangiare la frutta secca con il guscio, che contiene importanti sostanze nutritive.
  • L’ideale è comprare la frutta secca intera e macinarla personalmente prima dell’uso per ridurre al minimo la perdita di preziosi componenti.
  • La frutta secca contribuisce a soddisfare il fabbisogno di ferro. Per questo soprattutto chi segue una dieta vegetariana dovrebbe mangiarne ogni giorno una porzione.

Dobbiamo quindi evitare di mangiarne una o due porzioni al giorno, come raccomandato per frutta e verdura? No, perché la frutta secca è almeno altrettanto salutare.

Gli studi dimostrano inoltre che la frutta secca al naturale non rappresenta un pericolo per la linea. Anzi, le mandorle in particolare possono addirittura aiutare a perdere peso. E questo effetto si verifica nonostante la frutta secca abbia più calorie delle patatine fritte, che già di per sé non sono un alimento dimagrante.

Rispetto a queste, la frutta secca presenta però un vantaggio decisivo: il nostro corpo sfrutta solo una parte dell’energia in essa contenuta, mentre il resto viene espulso senza essere digerito.

Il motivo? Molte cellule della frutta a guscio non rilasciano il loro grasso. L’effetto saziante è inoltre maggiore rispetto a patatine e simili, e ciò ci consente di assumere una quantità minore di altri cibi o bevande.

walnuesse.jpg
walnuesse.jpg

Noci

Le noci contengono molto acido folico. 100 g coprono quasi la metà del fabbisogno quotidiano di un adulto.

mandeln-in-schale.jpg
mandeln-in-schale.jpg

Mandorle

Le mandorle sono una buona fonte di calcio. 100 g di prodotto ne contengono 270 mg, pari a un quarto del fabbisogno giornaliero di un adulto.

haselnuesse.jpg
haselnuesse.jpg

Nocciole

Anche le nocciole forniscono molto calcio: 100 g ne contengono 160 mg, pari a un sesto del fabbisogno giornaliero di un adulto. Anche il loro contenuto di potassio è notevole.

erdnuesse-auf-holztisch.jpg
erdnuesse-auf-holztisch.jpg

Aracidi

Gli aracidi contengono molto acido folico e calcio. 100 grammi coprono tre quarti del tuo fabbisogno giornaliero di acido folico.

pistazien.jpg
pistazien.jpg

Pistacchi

I pistacchi sono ricchi di ferro e potassio. 100 g soddisfano quasi tre quarti del fabbisogno giornaliero di un uomo adulto.

Noci

Le noci contengono molto acido folico. 100 g coprono quasi la metà del fabbisogno quotidiano di un adulto.

Una preziosa fonte di proteine

Anche la quota proteica relativamente elevata della frutta a guscio è apprezzata da chi sta attento alla linea. Il corpo non è infatti in grado di sfruttare a pieno le proteine come fonte di energia: una parte delle calorie in esse contenute viene dissipata sotto forma di calore corporeo, un’altra viene eliminata sotto forma di urea. Anche i grassi fanno la loro parte: contrariamente ai lipidi contenuti nei cibi fritti e impanati, il corpo consuma preferibilmente i grassi della frutta secca.

Meglio senza sale

Se viene lavorata – ovvero tostata, macinata o salata – la frutta secca perde in parte tali preziose proprietà. Il sale, ad esempio, aumenta l’appetito e la sete. La macinatura e soprattutto la tostatura distruggono invece le pareti cellulari, rendendo i grassi più accessibili. Il burro di arachidi, ad esempio, contiene molte più calorie disponibili rispetto alla stessa quantità di arachidi.

Chi non vuole rinunciare alle proprietà della frutta secca benefiche per la linea farà quindi meglio a mangiarla al naturale. Già solo l’attività di sgusciarle rallenta il ritmo di ingestione e aumenta il potere saziante.

Snack salutare alla Migros

Pubblicato il 28.06.2017


Potrebbe interessarti anche: