Allergia al sedano

Chi manifesta una reazione allergica al sedano crudo e/o cotto spesso ha problemi anche con il polline di betulla o artemisia. Attenzione: tracce di sedano possono finire accidentalmente in un prodotto anche durante il processo di lavorazione.

I prodotti aha! «senza sedano»

I prodotti aha! con la dicitura «senza sedano» sono particolarmente adatti ai soggetti interessati. Sono preparati con particolare attenzione al fenomeno dell’allergia e controllati da organi indipendenti. I prodotti aha! della Migros garantiscono la massima sicurezza possibile.

Descrizione

L'allergia al sedano è da anni l'allergia alimentare più spesso diagnosticata in Svizzera soprattutto tra gli adulti. L'allergia al sedano si manifesta spesso come allergia alimentare associata all'allergia ai pollini di betulla e ambrosia (allergia alimentare associata ai pollini).

In caso di allergia alimentare associata ai pollini di betulla non viene tollerato esclusivamente il sedano crudo, mentre non il sedano cotto non pone alcun problema. Le persone allergiche ai pollini di ambrosia possono invece subire reazioni allergiche anche dopo il consumo di sedano cotto.

Possibili sintomi

  • prurito, bruciore, sensazione di secchezza del cavo oro-faringeo (sindrome orale allergica)
  • vomito, nausea, diarrea
  • orticaria, edema di Quincke
  • rinite acquosa allergica, congiuntivite allergica
  • attacchi di asma, dispnea
  • vertigini, senso di soffocamento
  • choc anafilattico (choc che può risultare letale, collasso cardiocircolatorio)

Suggerimenti alimentari

È necessario rinunciare al consumo di sedano crudoed eventualmente anche al consumo di sedano cotto e a prodotti che ne contengono anche quantità ridotte.

Leggere sempre le avvertenze sulle confezioni. Il sedano e i prodotti a base di sedano devono sempre essere inseriti nella lista degli ingredienti, anche se sono presenti soltanto in quantità ridotte.

Tracce di sedano possono anche finire non intenzionalmente in un prodotto alimentare durante il processo di elaborazione. Questo talvolta non si può evitare. La presenza di tracce deve essere indicata, qualora venga superato il valore massimo fissato per legge (1g/kg) o possa essere superato (per esempio «Può contenere sedano»). L’indicazione della presenza di tracce inferiore al valore massimo fissato per legge è facoltativa.

Possono contenere sedano i seguenti gruppi di prodotti

  • minestre e brodo
  • salse e condimenti per insalate
  • spezie, estratti di spezie, miscele di spezie, preparati di spezie
  • prodotti pronti

Pubblicato il 28.06.2017


Potrebbe interessarti anche: