Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Combinazioni intelligenti

Abbinare gli spinaci con la ricotta o l’avocado con la limetta e il coriandolo non è una casualità. L’interazione tra questi alimenti è sensata anche da un punto di vista nutrizionale. Più ampie sono le combinazioni culinarie, maggiori saranno i benefici per la nostra salute.

Ti è mai capitato di riflettere sulle tue azioni preparando il condimento dell’insalata? Perché di solito si usano olio e aceto e non ketchup e brodo? Ovvio, perché i nostri genitori hanno sempre fatto così! E in particolare perché l’insalata, senza un accompagnamento di carattere, non avrebbe alcun gusto. Ma c’è una cosa che forse la maggior parte di noi non sa, ossia quante abitudini culinarie, tramandate di generazione in generazione, sono sensate dal punto di vista fisiologico-nutrizionale. L’acido dell’aceto, ad esempio, facilita l’assorbimento del ferro contenuto nelle verdure e l’olio ci aiuta ad assimilare le vitamine liposolubili, il carotene e sostanze affini attraverso l’intestino. Certi piatti originari dell’area mediterranea sono di una semplicità assolutamente geniale. Ma in questo campo anche la cucina svizzera ha parecchio da insegnare!

Ovviamente i nostri antenati non combinavano i cibi secondo principi scientifici. Eppure non mancavano certo di creatività! Erano curiosi, avevano tempo e quel pizzico di intuito e spirito di osservazione che non guasta mai. Nel corso degli anni sono nate così discipline alimentari tradizionali quali l’Ayurveda in India e i Cinque elementi in Cina. Secondo questa teoria, gli alimenti vengono suddivisi in cinque gruppi di elementi: legno (acido), fuoco (amaro), terra (dolce), metallo (piccante), acqua (salato). Un pasto ideale dovrebbe contenere tutti e cinque gli elementi; gli ingredienti devono essere possibilmente freschi e differenziarsi per gusto e colore. Consapevolmente o inconsapevolmente, gli antichi maestri cinesi ci hanno aiutato a migliorare l’assimilazione del cibo.

Combinazioni intelligenti – continua a leggere qui di seguito

birchermuesli.jpg
birchermuesli.jpg

Birchermüesli

Ebbene sì, anche noi svizzeri abbiamo qualcosa da offrire in questo campo! Il nostro birchermüesli è un esempio da manuale. I beta-glucani contenuti nell’avena rallentano l’assorbimento del fruttosio nel sangue, mantenendoci così in forma e prestanti più a lungo. La vitamina C della frutta favorisce l’assorbimento del ferro e le proteine dello yogurt integrano in maniera ottimale il valore proteico dell’avena. I batteri probiotici presenti nello yogurt stimolano la digestione e prevengono la costipazione. Esiste una colazione migliore?

kartoffel-quark.jpg
kartoffel-quark.jpg

Patate e formaggio

Che coppia! Ma chi l’ha inventata? La raclette unisce con gusto le proteine delle patate al formaggio e nutre in modo ottimale il nostro organismo. Funziona anche con le patate bollite e lo Schabziger. E la fondue è buonissima anche con le patate, anziché con il pane. Tutti possono trarre beneficio da queste combinazioni proteiche gustose e intelligenti: i vegani, ad esempio, possono spalmare sul pane burro di noccioline o hummus.

Tomatensugo.jpg
Tomatensugo.jpg

Sugo di pomodoro

L’olio d’oliva e una cottura prolungata liberano il licopene dalle cellule del pomodoro. I ricercatori ritengono che questa sostanza simile al carotene protegga dal cancro alla prostata e probabilmente anche da altre forme tumorali.

spinat-ricotta-ravioli.jpg
spinat-ricotta-ravioli.jpg

Spinaci alla panna, spinaci e ricotta

Gli spinaci sono un alimento sano, ma contengono molto ossalato, un sale di calcio che può provocare calcoli renali e inibire l’assorbimento del ferro o del calcio. È dimostrato che i latticini neutralizzano l’ossalato. Altra buona notizia: cannelloni e ravioli con un ripieno di ricotta e spinaci sono semplicemente squisiti!

Guacamole.jpg
Guacamole.jpg

Guacamole

Semplicemente geniale: il grasso dell’avocado aiuta ad assorbire le sostanze meravigliosamente salutari del pomodoro. Il succo di limetta, molto acido, migliora l’assorbimento del ferro contenuto in grandi quantità nel coriandolo e mantiene il colore di un bel verde brillante. Un abbinamento perfetto.

garnelen-tapas.jpg
garnelen-tapas.jpg

Gamberetti in olio d’oliva e tanto aglio

Gli spagnoli li gustano così, tuffati nell’olio in ciotoline di terracotta. I gamberetti sono vere e proprie bombe di colesterolo, ma questo non è un problema: l’olio d’oliva e l’aglio tengono sotto controllo i nostri valori di colesterolo nel sangue!

curry-gewuerzmischung.jpg
curry-gewuerzmischung.jpg

Curry

È una brillante miscela di tante spezie: l’effetto benefico sulla salute delle singole componenti si moltiplica grazie a questa combinazione vincente. La curcuma ad esempio contiene curcumina, una sostanza dalle spiccate proprietà antinfiammatorie e anticancerogene. Se mangiamo la curcuma da sola, ne assumiamo tuttavia soltanto deboli quantitativi attraverso l’intestino. L’associazione con la piperina, sostanza piccante del pepe nero contenuta anch’essa nel curry, aumenta a dismisura la biodisponibilità della curcumina. La capsaicina presente nel peperoncino, oltre a migliorare la conservabilità del curry, ha anche un effetto antibatterico.

mariniertes-fleisch.jpg
mariniertes-fleisch.jpg

Marinata per cibi alla griglia

Marinare la carne è una buona idea? La cottura alla griglia può provocare la formazione di sostanze cancerogene. Ma con la marinata giusta, grazie agli antiossidanti, questo rischio si riduce del 90 percento! Particolarmente efficace è un intingolo a base di rosmarino e timo, ma hanno un effetto neutralizzante anche tutte le spezie quali origano, salvia, basilico, aglio e persino la senape.

Birchermüesli

Ebbene sì, anche noi svizzeri abbiamo qualcosa da offrire in questo campo! Il nostro birchermüesli è un esempio da manuale. I beta-glucani contenuti nell’avena rallentano l’assorbimento del fruttosio nel sangue, mantenendoci così in forma e prestanti più a lungo. La vitamina C della frutta favorisce l’assorbimento del ferro e le proteine dello yogurt integrano in maniera ottimale il valore proteico dell’avena. I batteri probiotici presenti nello yogurt stimolano la digestione e prevengono la costipazione. Esiste una colazione migliore?

Effettivamente cuochi perspicaci e creativi riescono a ottenere i risultati migliori utilizzando tutta la gamma degli ingredienti e combinando alimenti tematicamente molto distanti tra di loro: frutta con carne, patate con latte, grasso con verdure. Mescolando i cibi miglioriamo l’assunzione di sostanze salutari, ma non solo: possiamo anche evitare quelle poco gradite al nostro organismo. Chi consuma contemporaneamente varie fonti proteiche di modesta qualità riesce a coprire meglio il fabbisogno del proprio corpo, poiché gli amminoacidi – i costituenti delle proteine – si completano in maniera ottimale: questo è un vantaggio soprattutto per le persone che rinunciano ai prodotti di origine animale e quindi a proteine particolarmente pregiate. Anche se ci dedichiamo all’arte della combinazione già da migliaia di anni, siamo ben lungi dall’aver sfruttato tutto il potenziale dei mix alimentari intelligenti. Il nostro mondo è diventato un villaggio globale: ora possiamo procurarci materie prime e piatti provenienti da ogni dove e compiere un viaggio alla scoperta degli abbinamenti più astuti.

di Dott. med. David Fäh


Potrebbe interessarti anche: