Cosa si trova dentro la corona dei Re Magi?

Il 6 gennaio si festeggia con la corona dei Re Magi, il dolce che non solo richiama un’incoronazione, ma ha anche un gusto regale. Cosa nasconde al suo interno? Come si prepara?

Non si sa con precisione da quando esiste la corona dei Re Magi, tuttavia si presume che già nell’antica Roma non mancasse questo dolce regale. Al posto della tradizionale statuina bianca del re, i cuochi nascondevano all’interno del dolce un fagiolo secco, una mandorla, una monetina o un altro piccolo oggetto.

Dal fagiolo al re

3-koenigskuchen-auf-backpapier.jpg
3-koenigskuchen-auf-backpapier.jpg

In Svizzera la tradizione risale al Medioevo. A quell’epoca si usava nascondere un fagiolo secco nell’impasto del dolce. Il fortunato a cui capitava di trovare l’oggetto nascosto veniva considerato il re della giornata. Un’usanza che finì per essere dimenticata con il passare del tempo fino al 1952, anno in cui Max Währen, storico e ricercatore nel campo del pane, decise di far rivivere quest’antica tradizione. Währen propose alla scuola per panettieri Richemond di preparare e mettere in vendita la corona dei Re Magi il 6 gennaio. Da allora non solo si è riaffermata come una delle tradizioni più diffuse in tutta la Svizzera, ma è diventata un prodotto che va letteralmente a ruba in occasione delle festività. Con l’unica differenza che i fagioli secchi nascosti all’interno del dolce in passato oggi generalmente vengono sostituiti da statuine di plastica.

Ecco cosa nasconde al suo interno

Farina di frumento, zucchero, acqua, uva sultanina, burro, lievito, uova, latte e mandorle (v. la ricetta).

Una fetta contiene circa 180 calorie (v. la tabella).

Ricetta per 1 corona di ca. 900 g

Ingredienti
  • 60 g di burro
  • 500 g di farina
  • 1 cucchiaino di sale
  • 100 g di zucchero
  • 20 g di lievito
  • 2.25 dl di latte
  • 1 uovo
  • 50 g di uva passa
  • farina per la teglia
  • 1 mandorla
  • 1 uovo per spennellare
  • 1 cucchiaio di mandorle a scaglie
  • 1 cucchiaio di granella di zucchero
  1. Sciogliete il burro. Mischiate la farina con il sale e lo zucchero e formate un incavo al centro. Sciogliete il lievito nel latte e unite il burro fuso.
  2. Versate il mix e l’uovo nell’incavo e impastate fino a ottenere una massa liscia e omogenea.
  3. Unite l’uva passa. Coprite l’impasto con un telo umido o con la pellicola trasparente. Lasciate lievitare l’impasto del doppio in un luogo caldo per ca. 2 ore. 
  4. Formate una palla di 280 g e accomodatela al centro di una teglia foderata con carta da forno. Con il resto, formate 8 palline delle stesse dimensioni. 
  5. Infilate la mandorla intera in una delle 8 palline. Disponetele intorno alla palla centrale, lasciando un poco di spazio tra una e l’altra. Coprite la corona dei re Magi e fatela lievitare ancora per 30 minuti.
  6. Scaldate il forno a 190 °C. Sbattete l’uovo e spennellatelo sulla torta.
  7. Cospargete con le mandorle a scaglie e la granella di zucchero. Cuocete al centro del forno per 25 – 30 minuti. Sfornate e fate raffreddare.
Valori nutrizionali  1 fetta 60 g %*
Energia 758 kJ (179 kcal) 9%
Grassi 3 g 4%
di cui saturi 2 g 10%
Carboidrati 32 g 12%
di cui zuccheri 9 g 10%
Fibre 2 g  
Proteine 5 g 10%
Sale 0.66 g 11%

 

* % del quantitativo di riferimento di un adulto medio

La corona dei Re Magi non è proprio un toccasana per la salute, dato che contiene farina di frumento e burro, oltre ad essere guarnita da una ricca decorazione a base di zucchero. Tuttavia chi si limita ad assaggiarne una fetta il 6 gennaio non deve preoccuparsi per la propria salute. Che siamo re o semplici mortali, conta poco: dopo questa deliziosa parentesi dolce, possiamo tornare senza rimorsi a una dieta più sana a base di verdura e pesce.

Pubblicato il 28.06.2017,

di Rüdi Steiner


Potrebbe interessarti anche: