Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Il Covid pesa

Peso, insoddisfazione, diete specifiche - tendenza: in aumento. Uno studio dell'Università di San Gallo mostra gli effetti della pandemia sulle nostre abitudini alimentari.

Per la sesta volta, il Centro di ricerca per la gestione del commercio al dettaglio dell'Università di San Gallo ha condotto un sondaggio rappresentativo sulle abitudini alimentari e di consumo della popolazione. Il «Food Consumption Study 2021» ha evidenziato che il Covid influenza il nostro comportamento alimentare.

Più peso, meno soddisfazione

Il peso indicato dalla bilancia potrebbe essere salito per alcuni: durante la pandemia, gli svizzeri sono in media ingrassati di 3,3 chilogrammi in tutte le fasce d'età. Per le persone di 45-64 anni, l'aumento era di addirittura 6,7 chilogrammi. È interessante notare che l'aumento di peso totale rispetto al 2014 è stato di 3,4 chilogrammi. Siamo ingrassati di 3,3 chilogrammi solo negli ultimi due anni. Ciò indica che l'aumento di peso è chiaramente dovuto al Covid.

Quando il peso sale, la soddisfazione scende. Non sorprende quindi che meno della metà (47%) della popolazione sia attualmente soddisfatta del proprio peso. Solo due anni fa erano ancora due terzi. Anche la percentuale delle persone soddisfatte della propria alimentazione è diminuita: dal 69% nel 2008 all'attuale 59%.

Lavorando da casa si mangia più spesso

Un quarto dei partecipanti al sondaggio ha cambiato le proprie abitudini alimentari e di consumo durante la pandemia. Le persone che lavorano da casa sono quelle che hanno maggiormente riscontrato un grande cambiamento: mangiano più spesso e fanno regolarmente spuntini. In assenza di pasti fuori casa, le persone che lavorano da casa cucinano spesso. Ma anche pietanze già pronte consegnate a domicilio vengono ordinate più frequentemente. Di conseguenza si può affermare che l'aumento di peso è soprattutto dovuto al lavoro da casa.

Contenuti collegati

Regionale, sostenibile e conveniente

Formaggio del contadino, uova o prodotti a base di carne nel negozio della fattoria, frutta e verdura locale nel negozio. - Durante la pandemia di COVID-19 abbiamo acquistato più generi alimentari locali e regionali. Un numero significativamente maggiore di svizzeri associa i prodotti regionali a un gusto migliore, a una maggiore freschezza e a maggiori benefici per la salute. Il ritorno ai prodotti regionali ha a che fare con la fiducia e la sicurezza.

Dall'avvento del Covid, un terzo delle persone intervistate ha prestato maggiore attenzione alla sostenibilità negli acquisti. Allo stesso tempo, un altro terzo (32%) si concentra sul prezzo a causa della pandemia.

Mancanza di disciplina, mancanza di reddito

La soddisfazione relativa alla propria alimentazione si attesta sotto il 60%. Perché non mangiamo meglio? Le ragioni principali sono la mancanza di disciplina (44%) e la mancanza di idee (26%). Durante la pandemia, l'argomento – «non ho tempo» – è sceso dal 31% al 24%. D'altra parte, più di un quarto (27%) degli intervistati afferma ora che non ha i soldi per mangiare più sano. Due anni fa questa percentuale si attestava al 16%.

Integrale, a basso contenuto di grassi, vegetariano

Idee per (ri)appropriarsi del proprio peso forma
  • Qual è il tuo peso? Calcola il tuo BMI, il tuo fabbisogno calorico personale e il tuo consumo di calorie.
  • Tutto sull'alimentazione - conoscenze nutrizionali, ricette, diete specifiche e molto altro - qui.
  • Dal low carb al vegetarismo. Ispirazioni culinarie nel corso di cucina.
  • Vuoi perdere qualche chilo? Leggi il nostro dossier sul «Peso ideale».
  • Oppure lasciati accompagnare nella tua vita quotidiana dai nostri programmi gratuiti iMpuls Coach.
  • Desideri cambiare la tua alimentazione nel lungo periodo? Potrebbe esserti utile una consultazione personale presso Medbase.
  • Anche l'esercizio fisico è un pilastro importante per tenere il peso sotto controllo. Cosa ti piace maggiormente? Potenziamento muscolare Fitness di gruppo Danza? Pilates I parchi fitness e Activfitness così come la Scuola Club Migros offrono una vasta gamma di attività.

Qual è quindi la nostra alimentazione? La tendenza verso diete specifiche si è intensificata. Il 57% degli svizzeri svolge una o più diete specifiche. Due anni fa era solo un terzo. Le diete più popolari sono: alimenti integrali (18%), a basso contenuto di grassi (15%), vegetariani (12%), ad alto contenuto proteico (12%), a basso contenuto di carboidrati (11%), a digiuno a intervalli (9%), senza lattosio (7%), a basso contenuto di colesterolo (6%), semivegetariani (6%) e vegani (4%). Soprattutto la fascia d'età più giovane (16-24 anni) rinuncia più spesso alla carne e ai prodotti animali.

I motivi di un cambiamento nel comportamento alimentare sono i cambiamenti personali, la sostenibilità sociale e la consapevolezza della salute, il diverso ambiente sociale o tematiche nutrizionali nei media o nella scienza. È interessante notare, tuttavia, che sono proprio questi fattori di influenza che hanno perso importanza. Si potrebbe concludere che la pandemia e i conseguenti cambiamenti nello stile di vita sono i nuovi motori di un diverso comportamento alimentare.

* Lo studio «Food Consumption Studie 2021» si fonda su un sondaggio online condotto dal Centro di ricerca per la gestione del commercio al dettaglio dell'Università di San Gallo. I consumatori in Svizzera e, per la prima volta, in Germania e Austria sono stati intervistati a metà giugno 2021. L'indagine è rappresentativa della distribuzione per sesso ed età della popolazione.

di Petra Koci,

pubblicato in data 21.10.2021


Potrebbe interessarti anche:

Posta di natale Migros: non lasciamo nessuno da solo

Iscriviti ora
Desktop_2880x1260.jpg