Chiudi

Vuoi vivere più sano?

8 «superfood» a confronto

Cosa è effettivamente più salutare? Superfood importati alla moda o vegetali e frutta di casa nostra? Li mettiamo a confronto e vi sveliamo se anche le varietà nostrane possono essere super.

Nelle palestre, nei circoli di allenamento, nei gruppi di yoga e nei corsi di cucina le fantastiche proprietà dei superfood sono sulla bocca di tutti. E sono onnipresenti: in superbowl, smoothie, barrette energetiche o snack.

Montatura propagandistica o verità

Pare che il tè giapponese Matcha attivi la combustione dei grassi e che il miele Manuka neozelandese protegga dal raffreddore. I semi di Chia messicani e le bacche di Açai dalla Cina e dall'Amazzonia devono essere delle vere meraviglie di sostanze nutritive. E anche la Quinoa delle Ande pare essere sotto molti aspetti di gran lunga superiore alle fonti di amido nostrane. Tutto soltanto una montatura propagandistica o c'è un pizzico di verità? Li mettiamo a confronto.

Il confronto

Bacche di goji vs. lamponi: frutti super a confronto

goji-beeren.jpg
goji-beeren.jpg

La bacca del Lycium barbarum ha una concentrazione relativamente elevata di sostanze nutritive e vitamine. Inoltre le bacche di Goji secche sono ricche di fibre e rappresentano una fonte di proteine vegetali. Hanno però un sapore insolito, diverso da quello delle bacche nostrane.

himbeeren.jpg
himbeeren.jpg

La versione nostrana può in parte offrire concentrazioni ancora più elevate di sostanze nutritive. Soprattutto perché questi frutti possono essere consumati freschi. Spesso le bacche esotiche hanno alle spalle un lungo viaggio. E le preziose sostanze nutritive vanno perdute.

Bacche di açai vs. mirtilli: qual è il più forte?

acai-beeren.jpg
acai-beeren.jpg

Provengono da una palma e contengono effettivamente molte sostanze nutritive, ma anche parecchie calorie. Specialmente il contenuto di grassi, proteine e fibre è relativamente elevato, con una buona capacità saziante.

heidelbeeren.jpg
heidelbeeren.jpg

I mirtilli hanno una composizione simile in termini di vitamine, ma sono decisamente meno calorici. Naturalmente, hanno un minor apporto di proteine e grassi salutari, ma possiamo facilmente coprire il fabbisogno di questi nutrienti con noci indigene.

Semi di chia vs. semi di lino: buone fonti di omega 3

chia-samen.jpg
chia-samen.jpg

I semi contengono molte fibre alimentari, hanno un elevato contenuto di grassi pregiati (acidi grassi polinsaturi) e rappresentano una fonte di proteine.

Leinsamen
Leinsamen

I semi di lino hanno una concentrazione lievemente inferiore di acidi grassi vegetali omega-3,per il resto la loro composizione è simile a quella dei semi di chia.

Quinoa vs. spelta: carboidrati da paesi vicini e lontani

Quinoa
Quinoa

I semi di questa pianta della famiglia delle Amarantacee hanno una composizione nutrizionale per molti aspetti superiore al grano.

dinkel.jpg
dinkel.jpg

Rispetto alla quinoa, il farrofornisce più fibre, altrettanto ferro e zinco, ma meno calcio, magnesio, proteine e grassi salubri. Inoltre, a differenza della quinoa, il farro contiene glutine e può anche causare problemi a chi soffre di allergie alle graminacee.

Le piante nostrane non devono temere la concorrenza

La risposta la riceve chi osserva attentamente i generi alimentari sotto la lente dei valori nutrizionali. La notizia gradita: i lamponi, i mirtilli & c. non hanno nulla da invidiare ai supercibi. In parte questi ultimi sono sopravvalutati, perché le informazioni riguardo alle sostanze nutritive in essi contenute non si basano sul prodotto non trattato bensì sugli estratti da essi ottenuti, come polvere o compresse. A queste è stata sottratta l'acqua, per cui ne consegue automaticamente una concentrazione delle sostanze. Se si essiccassero o riducessero in polvere carote e broccoli, si otterrebbe talvolta una concentrazione di sostanze nutritive persino maggiore di quella presente in molti estratti di supercibi. (Continua a leggere qui di seguito...)

I prodotti locali hanno molto da offrire

I semi di Chia contengono grassi e proteine preziosi

«Superfood»: cosa sono esattamente?

Non esiste una definizione precisa per i «superfood». Novità o vecchie conoscenze, nostrani o esotici, i superfood hanno in comune il fatto di essere alla moda e di essere percepiti come particolarmente salutari. In effetti la maggior parte di essi ha un elevato contenuto di sostanze nutritive come vitamine, sali minerali, sostanze vegetali secondarie o fibre alimentari. Le grandi aspettative risvegliate dal termine «superfood» non possono certo essere soddisfatte da un solo alimento, ma questi cibi possono aiutare a fornire al corpo preziose sostanze nutritive.

Quindi i semi di Chia non solo sembrano salutari, ma sono anche in effetti una buona fonte di fibre, grassi pregiati e proteine. La verità nel rapporto con il supercibo non sta nell’: «o - o» bensì nel «sia - che». Da quando il mondo si è trasformato in villaggio, i nuovi generi alimentari diventano velocemente parte della nostra alimentazione quotidiana. Molti supercibi non hanno grandi pretese e si adattano bene al clima svizzero.

Questo ne facilita l'integrazione come pianta da coltura. E naturalmente i frutti e le verdure nuovi, i semi e i cereali sono un arricchimento per noi. Essi ampliano la varietà culinaria, mentre si cucina ci fanno partire per un viaggio di esplorazione e rallegrano i nostri sensi con note di gusto finora sconosciute. Spezzatino alla zurighese con Quinoa? Polenta di Amarant? Una pianta di Goji nell'orto? Tutto è possibile.

Superfood alla Migros

di Dott. med. David Fäh e Pia Martin,

pubblicato il 02.11.2018


Potrebbe interessarti anche: