Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Digiuno: quale scegliere?

La quaresima è ormai alle porte – un’ottima occasione per perdere qualche chilo accumulato durante il lockdown per la pandemia di Covid. Scegli il metodo più adatto a te!

Per i principianti

Chi desidera ridurre il digiuno al minimo può optare per una zuppa, ossia sostituendola a uno dei pasti principali. In tal modo, si riducono già le calorie. Un risultato ancora migliore, tuttavia, si ottiene istituendo una «giornata della zuppa» o addirittura un’intera «settimana della zuppa».

Nota bene: le zuppe devono avere un basso contenuto di carboidrati o di ingredienti ipercalorici tipo panna o formaggio. La zuppa da digiuno ideale consiste in un brodo fatto al momento o in un passato di verdure.

Per i golosi

Impossibile rinunciare ai sapori dolci? Allora l’opzione giusta potrebbero essere i succhi, ossia un’intera dieta basata su succhi di frutta e centrifugati di verdura. Quelli preparati al momento sono i più gustosi. Diluendoli con acqua, durano di più.

Nota bene: i succhi di frutta contengono molto fruttosio che può gravare a livello epatico. È dunque importante non bere più di tre decilitri di succo di frutta (senza zucchero o fruttosio aggiunto) al giorno e integrare le dosi rimanenti con centrifugati di verdura e/o acqua. Per i più delicati di stomaco occorre prestare attenzione: l’acidità dei succhi di frutta possono provocare gastriti.

(Continuazione in basso...)

Per gli appassionati di snack

Un sacchetto di patatine fritte, un po’ di noccioline, un pezzetto di formaggio o di cioccolato... Chi ama spiluccare a più riprese non si sente mai completamente sazio, mangia in vari momenti della giornata, ma assume comunque una grande quantità di calorie. Grazie al digiuno intermittente, anche gli appassionati di snack potranno imparare a resistere qualche ora senza mangiucchiare. Meglio partire con uno stop di 3/4 ore tra i pasti principali, che potrà poi essere prolungato a piacere.

Nota bene: questo intervallo di per sé non fa perdere peso; i chili sulla bilancia calano solo riducendo il quantitativo complessivo di calorie assunte e facendo più attività fisica.

Per i super impegnati

Non c’è tempo per mangiare? Perché allora non optare in questo caso per la soluzione 16:8? Digiuno quasi totale per 16 ore, durante le quali si beve solo acqua, tè o caffè non zuccherato. Sono ammessi pasti solo nell’arco delle rimanenti 8 ore della giornata. Questo digiuno intermittente modifica il metabolismo durante l’intervallo di digiuno, con ripercussioni positive su diabete, ipertensione e sovrappeso.

Nota bene: è più facile partire in giornate in cui non sono previste interrelazioni sociali, in modo da poter adeguare l’intero arco di tempo dalla colazione alla cena in base alle proprie esigenze personali. Si può iniziare con uno stop di dodici ore e allungare poi questo intervallo gradualmente.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al dossier

Per i combattenti del fine settimana

Durante la settimana necessiti della massima concentrazione ed energia? Allora forse il digiuno intermittente con formula 5:2 è ciò che fa per te, ovvero: cinque giorni a settimana con pasti normali e uno o due giorni rispettivamente da 500 chilocalorie.

Nota bene: chi è affetto da diabete deve farsi assistere da un medico durante un eventuale digiuno, in quanto il cambio di metabolismo potrebbe comportare un adattamento del dosaggio dei medicamenti assunti abitualmente.

Per gli irriducibili

Consigli per il digiuno:
  • Il digiuno consente di perdere peso a lungo termine solo cambiando anche il proprio stile di vita. Meglio porsi un obiettivo modesto, come perdere «solo» due chili e mantenere il peso raggiunto in via permanente, piuttosto che calare cinque chili in un colpo e riprenderli subito dopo.
  • Il digiuno risulta molto difficile da praticare in presenza di circostanze di vita stressanti o critiche.
  • Mangiare con gusto e lentamente, prestando attenzione al senso di sazietà.
  • Analizza i languorini che ti tormentano: si tratta davvero di morsi della fame o piuttosto di altre cause nascoste, come ad esempio noia, frustrazione, rabbia… ? Contrastarle con il cibo di fatto non aiuta.
  • Chi in caso di sovrappeso riesce a perdere il cinque percento del proprio peso può ritenersi orgoglioso del risultato raggiunto! Sta giovando notevolmente alla propria salute.
  • Bambini, ragazzi, donne in stato di gravidanza, individui affetti da tumori epatici o patologie renali e anziani devono evitare il digiuno o perlomeno richiedere preventivamente il parere di uno specialista.

Un solo giorno di preparazione da circa 1000 chilocalorie, poi fino a dieci giorni di dieta esclusivamente a base di brodi energetici, centrifugati di verdura, acqua e tisane – con il digiuno curativo ci si sbarazza dei chili di troppo, in quanto è prevista una dose minima di calorie giornaliere. Il calo ponderale permane, tuttavia, solo se al termine del periodo di digiuno si cambia anche lo stile di vita. Il digiuno curativo viene praticato anche per «purificare» corpo e spirito.

Nota bene: se si decide di optare per questa soluzione, è bene richiedere l’assistenza di un medico. Il digiuno curativo sortisce i risultati migliori se praticato durante un soggiorno di cura collettivo.

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 17.02.2021


Potrebbe interessarti anche:

Dimagrire, ritrovare la forma, vivere più sani? Avvia ora un programma e vinci

Comincia ora
geschenkkarte-gelb.jpg