Allergie alla frutta a guscio (noci)

Un’allergia alla frutta a guscio è spesso associata a una reazione crociata, per esempio con un’allergia al polline. I pollini più allergenici provengono da piante dalla fioritura precoce, come la betulla, il nocciolo e l’ontano.

I prodotti aha! «senza noci»

I prodotti aha! con la dicitura «senza noci» sono particolarmente adatti ai soggetti interessati. Sono preparati con particolare attenzione al fenomeno dell’allergia e controllati da organi indipendenti. I prodotti aha! della Migros garantiscono la massima sicurezza possibile.

Descrizione

La frutta a guscio o noci è costituita da frutti di diverse famiglie di piante non apparentate da un punto di vista botanico. Da un punto di vista alimentare vengono considerate noci: le mandorle (Amygdalus communis L.), le nocciole (Corylus avellana), le noci (Juglans regia), gli anacardi (Anacardium occidentale), le noci pecan (Carya illinoiesis), le noci del Parà (Bertholletia excelsa), i pistacchi (Pistacia vera), le noci di Macadamia e le noci di Queensland (Macadamia ternifolia).

Sotto il profilo allergologico, questi frutti hanno potenziali diversi di scatenare reazioni allergiche.

Noci con potenziale allergico riconosciuto

  • Oltre al kiwi, le nocciole e le noci rappresentano il fattore scatenante più diffuso di una reazione incrociata alimentare associata ai pollini in caso di allergia ai pollini di betulla. I sintomi si manifestano nella maggior parte dei casi localmente nella bocca: prurito e labbra gonfie dopo il consumo di nocciole.
  • Anche le mandorle possono causare un'allergia alimentare associata all'allergia ai pollini di betulla.
  • In caso le noci pecan causino un'allergia si tratta nella maggior parte dei casi di reazioni allergiche gravi.
  • Reazioni allergiche agli anacardi/noci del Parà sono riconosciute in caso di persone allergiche ai pollini di ambrosia.
  • La noce di macadamia contiene allergeni particolarmente potenti. Siccome tale noce viene consumate raramente le allergie che questa può causare sono poco conosciute.
  • I pistacchi causano solo raramente reazioni allergiche.

Possibili sintomi

  • prurito in bocca e alle labbra
  • rinite acquosa allergica, congiuntivite allergica
  • orticaria, edema di Quincke
  • vomito, nausea, diarrea & perdita di peso
  • dispnea
  • choc anafilattico 

Suggerimenti alimentari

In caso di allergia è necessario rinunciare al consumo di noci che causano reazioni allergiche e prodotti contenenti noci.
Gli oli alle noci raffinati vengono ben tollerati dalla maggior parte delle persone allergiche; quelli pressati a freddo sono sconsigliati.

Leggere sempre le avvertenze sulle confezioni. La frutta a guscio (noci) e i prodotti a base di tale frutta devono sempre essere inseriti nella lista degli ingredienti, anche se sono presenti in quantità ridotte.

Tracce di frutta a guscio (noci) possono anche finire non intenzionalmente in un prodotto alimentare durante il processo di elaborazione. Questo talvolta non si può evitare. La presenza di tracce deve essere indicata, qualora venga superato il valore massimo fissato per legge (1 g/kg) o possa essere superato (per esempio «Può contenere mandorle»). L’indicazione della presenza di tracce inferiore al valore massimo fissato per legge è facoltativa. In questo caso non occorre indicare i singoli tipi di noci, ma è possibile inserire un’indicazione generica («Può contenere noci» oppure «Può contenere frutta a guscio»).

Occorre prendere in considerazione la presenza di tracce di noci nei seguenti gruppi di prodotti

  • fiocchi di cereali, preparati per müesli, barrette di cereali
  • prodotti di panetteria e pasticceria (torte, biscotti ecc.)
  • cioccolato
  • dolci
  • prodotti pronti

Pubblicato il 31.05.2017


Potrebbe interessarti anche: