«Sento un dolore all’anca»

Con l’avanzare dell’età, l’anca può farsi sentire. L’usura della cartilagine (artrosi) o le infiammazioni articolari ne sono la causa più frequente. Ecco cosa fare in questi casi.

La Svizzera è il paese con il primato mondiale di protesi all’anca. Gli esperti sono d’accordo nell’affermare che questa operazione dovrebbe essere eseguita solo dopo aver esaurito i metodi di trattamento conservativi; in molti casi è sufficiente una combinazione di fisioterapia e antidolorifici leggeri oppure cortisone.

Non tutti i disturbi che indichiamo come dolore all’anca sono causati dall’articolazione stessa; i dolori riconducibili alle parti molli della zona circostante sono molto più frequenti. Sono indubbiamente fastidiosi, ma non pericolosi. Se i problemi derivano effettivamente dall’articolazione dell’anca, come per circa il 15 percento degli ultraquarantenni, le cause sono per lo più l’usura della cartilagine (artrosi) o le infiammazioni articolari.

Quando andare dal medico?

  • Quando i disturbi all’anca determinano limitazioni alla vita quotidiana.
  • Quando i bambini e i ragazzi lamentano disturbi all’anca e nell’arco di alcuni giorni non si registrano miglioramenti.
  • Quando oltre ai dolori sono presenti sintomi come febbre, senso generale di spossatezza o palpitazioni.
martina-roffler
Dall’artrosi non si guarisce; tuttavia la malattia può essere rallentata o addirittura arrestata praticando molto movimento e attuando precocemente un trattamento.
Martina Roffler, Rheumaliga Schweiz, fisioterapista diplomata SUP, Lega svizzera contro il reumatismo

Artrosi all’anca: non solo una malattia legata all’età

broschuere-huefte-bewegen.jpg
broschuere-huefte-bewegen.jpg
Aiuto in caso di dolori all’anca

Perché l’anca fa male? Cosa si può fare per contrastare il dolore? Nel nuovo opuscolo gratuito intitolato «L’anca muove», la Lega contro il reumatismo spiega come iniziano i dolori all’anca, come possono reagire le persone colpite e quali sono i trattamenti eseguiti da medici, chirurghi e terapisti. È possibile ordinarlo gratuitamente sul sito www.rheumaliga-shop.ch oppure al numero telefonico 044 487 40 10.

L’artrosi dell’anca spesso comincia prima dei 50 anni. In questi casi, il normale processo di invecchiamento viene accelerato da fattori come lesioni precedenti, sforzi eccessivi (sport agonistico, sovrappeso ecc.), predisposizione genetica o malposizioni congenite. Anche la mancanza di movimento o farmaci con effetti collaterali negativi su cartilagini e tendini possono favorire l’insorgere di un’artrosi.

Questi sono i sintomi più frequenti di un’artrosi all’anca:

  • rigidità per alcuni minuti al mattino
  • dolore inguinale all’inizio del movimento
  • dolori da affaticamento dopo lunghe camminate

Una fitta nella regione inguinale che si intensifica sotto sforzo e costringe a camminare zoppicando indica un peggioramento. In stadio avanzato i dolori si presentano anche di notte o a riposo: l’articolazione si irrigidisce sempre di più.

Cosa aiuta in caso di artrosi?

Per contrastare l’artrosi è utile praticare attività che, grazie all’esercizio uniforme, non sollecitino troppo le articolazioni come ciclismo, ginnastica in acqua e passeggiate. La fisioterapia con terapia manuale ed esercizi mirati è un ulteriore rimedio che favorisce la percezione, la stabilizzazione e il potenziamento dell’anca. Inoltre possono apportare sollievo anche impacchi caldi o freddi, modifiche alle calzature o l’uso del bastone in caso di dolori forti.

Dall’artrosi non si guarisce; tuttavia la malattia può essere rallentata o addirittura arrestata praticando molto movimento e attuando precocemente un trattamento. La Lega contro il reumatismo raccomanda semplici esercizi allo scopo di irrobustire e tenere in movimento questa parte del corpo.

di Martina Roffler, Rheumaliga Schweiz


Das könnte Sie interessieren: