Ecco cosa fa bene all’intestino

Possiamo influenzare positivamente la nostra digestione, ma dobbiamo sapere cosa fa bene all’intestino. Per esempio finocchio e tisane alle erbe non zuccherate.

haferflocken.jpg
haferflocken.jpg

Fiocchi d’avena

40 g di fiocchi d’avena contengono 3 g di beta-glucani, che migliorano notevolmente i livelli di colesterolo e glicemia. L’avena è inoltre molto ben tollerata anche dalle persone che hanno problemi con il glutine.

suppe-mit-kraeutern.jpg
suppe-mit-kraeutern.jpg

Erbe

Vari oli essenziali contenuti in finocchio, anice, carvi e levistico hanno proprietà antispastiche e promuovono la motilità del tratto gastrointestinale. Queste erbe possono essere utilizzate come spezie per preparare o accompagnare un piatto difficile da digerire (p. es. carvi per piatti a base di rösti, formaggio o stufati, oppure anice, finocchio e carvi per il pane), oppure nelle tisane (soprattutto finocchio). In caso di flatulenza o senso di gonfiore sorseggiare lentamente.

tee-einschenken.jpg
tee-einschenken.jpg

Tisane

Acqua, tisane alle erbe e tisane alla frutta non zuccherate sono bevande ottimali per l’intestino. Affinché nello stomaco le fibre assunte con il cibo si ammorbidiscano fino a diventare una poltiglia morbida e liscia c’è bisogno di molti liquidi. Perciò quante più fibre alimentari contiene un alimento, tanto più è necessario bere.

Per esempio, se si beve troppo poco quando si mangia del pane integrale le fibre «prendono» l’acqua dal tratto intestinale causando costipazione anziché favorire una corretta evacuazione. A seconda delle esigenze, possono essere necessari due o più litri di liquidi al giorno per una corretta digestione. Il nostro apparato digerente accetta inoltre meglio le bevande calde rispetto a quelle fredde.

frau-isst-apfel.jpg
frau-isst-apfel.jpg

Mele

Vari elementi contenuti nelle mele, come i polifenoli e le pectine (fibre alimentari solubili), sono molto utili all’intestino, ad esempio per riparare gli strati intestinali danneggiati dalle infezioni.

frau-isst-joghurt.jpg
frau-isst-joghurt.jpg

Yogurt

I batteri lattici dello yogurt (la scelta migliore è lo yogurt Nature) promuovono la crescita della flora intestinale naturale, stimolano il sistema immunitario e aiutano il corpo a rimanere sano. È particolarmente efficace in caso di diarrea e costipazione.

sauerkraut.jpg
sauerkraut.jpg

Crauti

Grazie ai batteri lattici i crauti hanno un’azione simile a quella dello yogurt. E sono ancora più efficaci se aromatizzati con il carvi!

zwiebel-schaelen.jpg
zwiebel-schaelen.jpg

Cipolle

Le cipolle possono causare flatulenza, ma la fibra alimentare in esse contenuta aumenta il numero e l’attività dei batteri buoni nell’intestino e quindi sostiene il sistema immunitario. Inizia con piccole quantità (per esempio nel condimento per l’insalata) e aumenta poco a poco!

ingwer-schneiden.jpg
ingwer-schneiden.jpg

Zenzero

Molti studi dimostrano che lo zenzero ha un effetto positivo sull’intestino. Contiene vari elementi con potere analgesico, antinfiammatorio, antibatterico e probabilmente anticancerogeno. Lo zenzero stimola il movimento intestinale e aiuta anche a combattere la nausea.

Grattugiato finemente si adatta a molti piatti (asiatici) o diventa un’ottima bevanda rinfrescante combinato con acqua, succo di limone e un po’ di zucchero. Più viene cotto, più il suo sapore diventa delicato.

Fiocchi d’avena

40 g di fiocchi d’avena contengono 3 g di beta-glucani, che migliorano notevolmente i livelli di colesterolo e glicemia. L’avena è inoltre molto ben tollerata anche dalle persone che hanno problemi con il glutine.

Pubblicato il 31.03.2017,

di Marianne Botta Diener


Potrebbe interessarti anche: