Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Dove arterie e polmoni fanno il pieno

Passeggiare semplicemente dove si ha voglia? Meglio di no. I polmoni e le arterie non fanno il pieno di ossigeno ovunque. Ti spieghiamo perché e dove andare per una passeggiata davvero salutare.

Per fare bene al proprio corpo è meglio non passeggiare lungo le strade principali. Da evitare anche i centri fitness e le palestre che sorgono su strade molto trafficate, a meno che al loro interno l'aria non sia adeguatamente filtrata. In effetti, per i vasi sanguigni c'è una differenza enorme se l'aria è pulita o meno.

In pista per due ore

Perfino il gruppo di ricerca internazionale è rimasto sorpreso di riscontrare effetti così diretti sulle arterie da parte dell'inquinamento atmosferico. I ricercatori hanno chiesto ai 129 partecipanti allo studio, tutti ultrasessantenni, di scendere "in pista" per una passeggiata di due ore nella città di Londra: una volta a Hyde Park e l'altra volta nella parte più occidentale di Oxford Street, dove circolano molti veicoli diesel.

Effetti misurabili anche a più di un giorno di distanza

Dopo la passeggiata nel verde di Hyde Park, gli studiosi hanno osservato un miglioramento della funzionalità polmonare, una diminuzione della resistenza polmonare e una maggiore elasticità delle pareti arteriose. Tali evidenti effetti positivi sono stati registrati sia nei partecipanti sani sia in quelli affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) o da coronaropatie. Alcuni di questi effetti sono stati riscontrati addirittura a 26 ore di distanza.

Attenzione a chi soffre di malattie polmonari

I risultati sono stati ben diversi dopo la passeggiata lungo la trafficatissima Oxford Street: tutti questi effetti benefici per la salute si sono ridotti, oppure si sono registrati addirittura effetti negativi. Dopo la passeggiata, i partecipanti allo studio affetti da BPCO tossivano ancora di più e soffrivano ancor più di dispnea.

Fonte: «The Lancet»

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato il 19.04.2018


Potrebbe interessarti anche: