Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Dolore addominale: le 10 domande più importanti sulle cause & Rimedi

Il dolore addominale può avere decine di cause. Chi ne soffre regolarmente dovrebbe sottoporsi ad indagini mediche.

Quali sono le cause del dolore addominale?

Il dolore addominale può essere innocuo ed essere causato «solo» da flatulenza o stitichezza. Circa un adulto su dieci soffre della sindrome del colon irritabile. Le cause più gravi sono le intolleranze alimentari, le infezioni o le infiammazioni intestinali, il cancro all'intestino e i disturbi circolatori. Anche altri organi dell'addome, per esempio la cistifellea, il pancreas, la vescica o i reni, possono causare forti dolori addominali quando sono infiammati o se sono presenti dei calcoli. Inoltre a volte il dolore addominale può essere causato anche da organi più lontani: un esempio sono la polmonite, le cisti ovariche, la gravidanza tubarica o l'epididimite.

Christina Marti-Camenzind
Chi soffre di dolore addominale ricorrente dovrebbe sottoporsi a indagini mediche approfondite.
Dottoressa Christina Marti-Camenzind, specialista in medicina interna generale FMH, medicina dello sport SEMS e sonografia addominale SGUM

Quando ci si deve rivolgere al medico?

Se hai questi sintomi rivolgiti al medico:
  • Dolore addominale acuto
  • Dolore addominale insolitamente intenso
  • Parete addominale tesa, addome «duro»
  • Forte dolore in caso di scuotimento, ad esempio se si salta giù da una sedia o si batte leggermente l'addome.
  • Dolore addominale notturno che causa risvegli notturni
  • Diarrea notturna
  • Sangue nelle feci o nel vomito
  • Diarrea cronica
  • Mancanza di appetito o perdita di peso involontaria
  • Ritardo o arresto della crescita nei bambini
  • Cambiamenti nella defecazione, per esempio alternanza di stipsi e diarrea
  • Anemia, dolori articolari, afte ricorrenti all'interno della bocca

Chi soffre di dolore addominale ricorrente dovrebbe sottoporsi a indagini mediche approfondite, anche se si tratta di un disturbo relativamente innocuo. Lo stesso vale anche in presenza di sangue nelle feci, perché la prima cosa da fare è escludere le cause pericolose. Vedi anche il riquadro.

Cosa fare se compare un dolore addominale intenso e improvviso?

In questo caso ci si deve rivolgere immediatamente al medico per escludere patologie pericolose come l'appendicite o l'ostruzione intestinale.

Cosa vuole sapere il medico?

È importante descrivere con precisione i dolori addominali. Per esempio, il dolore può essere acuto o sordo, manifestarsi con contrazioni intermittenti o verificarsi in concomitanza con i pasti, l'assunzione di alcuni cibi o il movimento. Descrivi il tipo di dolore e dove lo senti maggiormente. Fai anche attenzione a quando il dolore si presenta, quanto dura ogni volta, cosa lo fa migliorare o peggiorare e se è associato ad altri sintomi, ad esempio dolori articolari o febbre. Questo aiuterà il medico a focalizzare la causa.

Jacqueline Krane-Nuber
Una routine quotidiana regolare con un numero sufficiente di ore di sonno e, soprattutto, più esercizio fisico spesso fanno miracoli.
Dottoressa Jacqueline Krane-Nuber, specialista in medicina interna generale FMH e sonografia addominale SGUM

Cosa si può fare contro il dolore addominale?

Se alla base del dolore addominale non c'è niente di grave, come nella maggior parte dei casi, si può ricorrere a rimedi casalinghi: ad esempio una borsa d'acqua calda o un impacco caldo, ad esempio con olio di cumino, possono dare sollievo. Il tè alla menta piperita può aiutare, mentre quello al finocchio è sconsigliabile perché in alcune persone causa flatulenza. Mangiare lentamente, masticare bene, fare pasti piccoli, adottare una dieta con cibi a più basso contenuto di fibre, una routine quotidiana regolare con un numero sufficiente di ore di sonno e, soprattutto, più esercizio fisico spesso fanno miracoli. Se lo stress gioca un ruolo chiave può essere utile praticare regolarmente esercizi di rilassamento. Nella sindrome del colon irritabile si possono assumere probiotici specifici per rafforzare la flora intestinale.

Quali esami sono utili in caso di dolore addominale?

Per escludere patologie pericolose come l'appendicite è importante sottoporsi a un'indagine approfondita e a un'accurata visita medica. Ad esempio, l'esame del sangue dà indicazioni sulla presenza o meno di un'infiammazione. Le analisi delle feci possono rilevare infezioni o infiammazioni intestinali. Se si sospettano calcoli biliari, infiammazioni intestinali o, ad esempio, calcoli renali, gli esami devono includere un'ecografia. Ulteriori indagini diagnostiche, ad esempio la gastroscopia o la colonscopia, sono necessarie solo se ci sono chiari segni che la causa potrebbe risiedere in questi organi.

Quando è utile la colonscopia?

Nell'ambito dello screening del cancro al colon è raccomandata per tutte le persone sopra i 50 anni, se c'è familiarità anche prima. Lo screening consente di rilevare il cancro al colon precocemente, quando è ancora facile da trattare. La colonscopia è utile anche se sono presenti i sintomi di una potenziale malattia intestinale, come il sangue nelle feci.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Di cosa si dovrebbe tenere conto riguardo all'alimentazione?

I cereali integrali, le verdure e le fibre sono salutari, ma solo in quantità moderata. Una porzione di verdure corrisponde a circa un pugno. Una o due porzioni per pasto sono sufficienti. Una quantità maggiore può sovraccaricare l'intestino e causare flatulenza e dolore addominale.

Che ruolo gioca la psiche nel dolore addominale?

L'intestino ha un proprio sistema nervoso. Si stressa molto rapidamente, di più in alcune persone e meno in altre, e se ne dovrebbe tener conto. La psicoterapia può aiutare nei casi in cui si rimugina sulle esperienze del passato o se non si riesce a «digerirle».

È utile seguire una dieta in caso di dolore addominale ricorrente?

Per scopi diagnostici è utile evitare per breve tempo gli alimenti sospettati di essere la causa. Può trattarsi di alimenti contenenti lattosio o fruttosio, per esempio.  Nel lungo periodo tuttavia le diete possono portare a carenze alimentari e sono indicate solo in casi di intolleranza provata.

di Dottoressa Jacqueline Krane-Nuber e Dottoressa Christina Marti-Camenzind,

pubblicato in data 01.12.2021


Potrebbe interessarti anche:

Approfitta del 20% sull'assortimento You fino al 24 gennaio

Vai a You
1030.044.22.png