Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Antipertensivi: si possono ridurre?

Uno studio dimostra che negli anziani non cambia quasi nulla se smettono di assumere farmaci antipertensivi. I pazienti per questo esperimento tuttavia sono stati scelti e monitorati secondo precisi criteri.

Quanto più l’età avanza, tanto più in genere aumenta il numero di medicamenti assunti. Ma sono davvero tutti necessari? - Questa è la domanda che si pongono in tanti, tra cui anche i medici.

Alcuni medici di famiglia presso 69 ambulatori inglesi hanno messo la questione sul banco di prova: nell’ambito di uno studio che ha coinvolto circa 550 pazienti, tutti di età superiore agli 80 anni e in cura per l’ipertensione, la metà di essi ha sospeso l’assunzione del relativo antipertensivo.

Valore più alto inferiore a 150

I medici avevano scelto per questo studio solo pazienti ben precisi: quelli a cui erano stati prescritti medicamenti in grandi quantità, quelli più demotivati o scarsamente collaborativi nel conformarsi a quanto prescritto e soggetti particolarmente fragili.

Un presupposto per la partecipazione, inoltre, era un valore di pressione massima pari a 149, tenuto agevolmente sotto controllo con l’assunzione di due o più antipertensivi. I pazienti che nel corso dell’anno precedente erano stati vittime di infarto cardiaco o ictus erano stati esclusi a priori.

Un rialzo di pressione minimo

Dopodiché il tutto è stato affidato alla sorte: una metà dei partecipanti allo studio ha sospeso uno dei due farmaci antipertensivi che era solita assumere, mentre l’altra metà ha continuato la terapia completa come di consueto. Tutti i membri del «gruppo di sospensione» sono stati sottoposti per motivi di sicurezza a un controllo medico dopo un intervallo di quattro settimane per accertare che il valore della pressione non superasse il tetto di 150.

Dopo dodici settimane, tutti i pazienti e i medici hanno tratto le proprie conclusioni: la qualità di vita non aveva subito modifiche in nessuno dei due gruppi; inoltre, nel gruppo dei soggetti che avevano sospeso la terapia antipertensiva, il valore della pressione massima era in media 3,4 e quello della pressione minima 2,2 punti più alto rispetto al gruppo di confronto.

(Continua a leggere qui di seguito…)

Scopri di più sulla pressione sanguigna

Dossier sul tema

Sospensione prolungata dei medicamenti ancora da verificare

Una differenza minima, dunque. Tuttavia, la possibilità che questa esigua differenza possa risultare nociva nel lungo termine o se invece addirittura si possa contemplare la sospensione di ulteriori medicamenti dovrebbero essere oggetto di studi successivi, per i quali però gli stessi autori raccomandano cautela.

La loro conclusione definitiva risulta comunque positiva: in alcuni pazienti di età avanzata i valori della pressione sanguigna non subiscono modifiche di rilievo (perlomeno a breve termine) sospendendo i farmaci antipertensivi.

Fonte: «Jama» (link in inglese)

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 17.07.2020


Potrebbe interessarti anche:

Dimagrire, ritrovare la forma, vivere più sani? Avvia ora un programma e vinci

Comincia ora
geschenkkarte-gelb.jpg