Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Esame del seno in autonomia

Una donna su otto sviluppa un cancro al seno nel corso della sua vita. Se il tumore viene scoperto prima che si sia diffuso, le possibilità di recupero sono molto buone.

L'esame del seno inizia con uno sguardo approfondito allo specchio: la pelle del seno è cambiata da qualche parte, per esempio, è rossa? Ci sono depressioni o grumi visibili sotto la pelle? Il capezzolo è lo stesso di sempre?

Poi si palpa il seno e l'ascella con la punta delle dita. Il modo migliore per farlo è mettere un braccio sopra la testa e sentire con le dita dell'altra mano. «Nuovi noduli, cambiamenti di forma, retrazioni cutanee, arrossamenti della pelle del seno o perdite dal capezzolo dovrebbero essere segnalati e approfonditi tempestivamente da ogni donna», consiglia Cornelia Leo, responsabile del Centro interdisciplinare per il seno dell'Ospedale cantonale di Baden.

Anche gli uomini possono avere il cancro al seno

Questo vale anche per gli uomini: per ogni 100 donne con il cancro al seno, c'è un uomo con questa malattia. Se il seno diventa più grande, un indurimento è palpabile o si sente un linfonodo ingrossato nell'ascella, bisogna richiedere un consulto.

L'autoesame presenta però alcuni limiti: «Alcune donne che hanno un tessuto mammario più granuloso tendono ad essere scoraggiate dall'autopalpazione. In quei casi, non è sbagliato rinunciare all'autopalpazione», dice Cornelia Leo. È anche rassicurante che i grumi palpati spesso si rivelino benigni ad un esame più attento con la mammografia, l'ecografia e/o la risonanza magnetica.

Mammografia per la diagnosi precoce del cancro al seno

Tuttavia, l'autopalpazione non è sufficiente come metodo di diagnosi precoce del cancro al seno. Inoltre non riduce la mortalità per cancro al seno. Questo perché un tumore al seno di solito può essere apprezzato solo quando è già abbastanza grande. La senologa Claudia Rauh, direttrice del reparto di Senologia presso la Clinica universitaria di Ginecologia dell'Inselspital di Berna, ritiene che la regolare palpazione del seno sia comunque indicata «in quanto rafforza la familiarità con il proprio corpo». I cambiamenti si notano più rapidamente quando una donna conosce bene il proprio seno. Un cancro su tre nelle donne colpisce il seno.

La mammografia regolare, nell'ambito di un programma di screening di qualità controllata, è molto più idonea per la diagnosi precoce. Entrambi i seni vengono radiografati. La mammografia può rilevare precocemente il cancro al seno. Questo perché i tumori spesso presentano minuscoli depositi di calcio che sono visibili sulla radiografia - e questo di solito accade molto prima che il cancro si manifesti con i relativi sintomi.

In media, lo screening mammografico rileva il cancro al seno in sei donne su 1000. In 24 donne su 1000, c'è inizialmente un sospetto di cancro al seno che non viene poi confermato dopo ulteriori esami.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al dossier

Cura possibile in quasi il 90% delle donne

«Oggi il cancro al seno può essere curato in quasi nove donne su dieci. Le possibilità che questo accada sono tanto maggiori quanto più precoce è la diagnosi», spiega Claudia Rauh, direttrice del reparto di Senologia presso la Clinica universitaria di Ginecologia dell'Inselspital di Berna. «Purtroppo, però, non è raro vedere donne che vengono da noi solo quando il cancro al seno è già molto avanzato.»

Claudia Rauh raccomanda di procedere allo screening mammografico presso un centro di qualità controllata, che vanta un team di grande esperienza e deve garantire standard qualitativi elevati. «I risultati del trattamento sono regolarmente verificati presso centri di senologia certificati», spiega la Rauh.

Il fattore di rischio che pesa di più è l'età

Da cinque a dieci su 100 tumori al seno sono di origine genetica. La nota attrice statunitense Angelina Jolie, per esempio, ha appurato di avere il suddetto «gene del cancro al seno».

In tutti i casi, comunque, diverse circostanze sfavorevoli si sommano sempre fra loro. Il fattore più importante è l'età: la stragrande maggioranza dei tumori al seno si verifica dopo i 50 anni.

Anche avere figli prima dei 25 anni e allattare per almeno sei mesi ha un effetto positivo, poiché anche gli ormoni giocano un ruolo chiave nello sviluppo del cancro al seno.

Uno stile di vita sano riduce il rischio

«Cercare di mantenere un peso corporeo equilibrato, non fumare e bere alcolici con moderazione sono fattori che riducono il rischio di cancro al seno. Questa condotta contribuisce a prevenire anche le malattie cardiovascolari e altri tipi di cancro», dice Claudia Rauh.

Ma anche lo stile di vita più sano non sempre è sufficiente a evitare il cancro al seno. «Non c'è nessuna garanzia di non contrarlo comunque.»

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 29.09.2021


Potrebbe interessarti anche:

Dimagrire, ritrovare la forma, vivere più sani? Avvia ora un programma e vinci

Comincia ora
geschenkkarte-gelb.jpg