Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

"Prima o poi, ogni persona non vaccinata sarà colpita dal Covid".

Cosa possiamo aspettarci nelle prossime settimane, quanto è pericolosa la nuova variante Delta Plus ed è utile una vaccinazione booster (di richiamo)? L'infettivologo Manuel Battegay risponde alle domande più importanti.

È autunno, il numero di infezioni sta aumentando di nuovo. Cosa possiamo aspettarci nelle prossime settimane?

È difficile prevederlo. Ma se non riusciremo ad aumentare il tasso di vaccinazione in Svizzera, le infezioni continueranno ad aumentare e sempre più pazienti richiederanno cure ospedaliere, anche in unità di terapia intensiva.

Quale tasso di vaccinazione dovrebbe raggiungere la Svizzera affinché il numero di malattie diminuisse di nuovo?

Un tasso di vaccinazione dell'80% della popolazione totale sarebbe eccellente; al momento, poco meno del 66% è stato vaccinato almeno una volta. Si tratta di una percentuale troppo critica, che può di nuovo portare a sovraccarichi nelle unità di terapia intensiva. 

Ora è apparsa anche una nuova sottovariante Delta, la Delta Plus. Quanto è pericolosa?

Non lo sappiamo ancora con certezza. La variante primaria Delta è due volte più infettiva del virus originale. I primi risultati suggeriscono che la nuova variante Delta Plus sia di un altro 10% più contagiosa. Ciò significa che, senza misure di protezione, una persona infettata con la variante Alfa originale infetta da 2 a 3 persone. Con la variante Delta, sono già 6 o 7 persone, e con la nuova variante Delta Plus sarebbe quindi 7 o più persone.

Anche le persone che sono già state vaccinate due volte s'infettano. La vaccinazione non aiuta?

Sì, la vaccinazione funziona molto bene. Ma non al 100%. A tal proposito, bisogna distinguere tra infezione e malattia. La vaccinazione è efficace contro l'infezione «solo» in misura del 50-70%. Contro la malattia vera e propria circa del 90-95% e contro un decorso grave anche oltre il 95%. Questo significa che una persona vaccinata può essere infettata, ma la probabilità di un decorso grave del Covid è molto ridotta. Non si sono ancora praticamente viste persone vaccinate nei reparti di terapia intensiva svizzeri. A Basilea, ci sono state 2 persone da maggio, entrambe con gravi immunodeficienze.

Quanto è contagiosa una persona vaccinata che si è infettata?

Da un lato, le persone vaccinate hanno molte meno probabilità di essere infettate; dall'altro, come mostra un primo studio israeliano, le persone vaccinate che sono infette trasmettono il virus a terzi molto meno frequentemente.

Una terza vaccinazione aiuterebbe?

In generale, la maggior parte della popolazione è protetta con due sole dosi di vaccino. Su questo fronte, occorre distinguere tra una terza vaccinazione e una vaccinazione di richiamo. La terza vaccinazione estende la protezione per le persone immunodepresse. La vaccinazione di richiamo o booster, che è stata approvata la settimana scorsa da Swissmedic per le persone oltre i 65 anni ed è raccomandata dal Governo federale -rinvigorisce le difese degli anziani.

Una vaccinazione di richiamo non potrebbe alleviare il carico degli ospedali?

No. La vaccinazione di richiamo non cambierebbe praticamente il numero di ricoveri, soprattutto nelle unità di terapia intensiva, perché questo dato dipende in larga misura dal numero di persone non vaccinate. Tuttavia, spero che la vaccinazione di richiamo per gruppi target selezionati della popolazione arrivi rapidamente.

Si avrà bisogno di una nuova vaccinazione di richiamo annuale in seguito?

Molte persone avranno probabilmente bisogno di una terza vaccinazione nel tempo. Dopodiché, tuttavia, ulteriori booster potrebbero diventare inutili. Il virus non scomparirà, quindi le persone vaccinate entreranno in contatto con esso di tanto in tanto. Questo contatto rinforzerà nuovamente le difese immunitarie. Potrebbe quindi crearsi una situazione analoga all'influenza: richiami di vaccino per gli anziani e le persone a maggior rischio di ammalarsi gravemente. Ma non siamo ancora al punto in cui possiamo dirlo con certezza.

L'obiettivo della Confederazione è quello di raggiungere un tasso di vaccinazione più alto. È realistico?

Sì, penso che sia molto realistico. Continuo a ricevere molte domande da parte di persone che sono ancora scettiche. Sono già riuscito a convincere molte di loro a vaccinarsi con spiegazioni concrete.

Quindi ci sono più scettici che oppositori veri e propri?

Informazioni sulla settimana delle vaccinazioni:

Per incoraggiare un maggior numero di persone a vaccinarsi, il Consiglio federale sta pianificando una settimana della vaccinazione dall'8 al 14 novembre in collaborazione con i Cantoni. Ulteriori centri mobili di consulenza e vaccinazione contribuiscono a offrire un'agevole modalità di accesso alla vaccinazione. Inoltre, la Confederazione finanzia la messa a disposizione di consulenti da parte dei Cantoni per rispondere alle esigenze di informazioni delle persone che non sono ancora state vaccinate.

Ci sono certamente persone che hanno già preso posizione contro la vaccinazione. Ma spero ancora in un aumento del numero di persone disposte a farsi vaccinare grazie alla settimana della vaccinazione (vedi box). I colleghi nello studio che fanno un buon lavoro educativo e vaccinano giocano un ruolo importante su questo fronte. E si vede: nelle ultime settimane, sono state vaccinate circa 165.000 persone a settimana. Se potessimo aumentare questo numero, sarebbe eccellente.

Il test antigenico a pagamento ha contribuito a convincere più persone a vaccinarsi?

Sì, questo ha certamente avuto una certa influenza. A ciò, si aggiungono i regolamenti di viaggio delle destinazioni di vacanza. Se si è vaccinati, diventa più facile spostarsi un po' ovunque. Per me come medico, tuttavia, è essenziale convincere la gente a vaccinare con dati e spiegazioni. E trovo anche che un buon argomento siano i dati che dimostrano che la vaccinazione riduce il rischio di Long Covid.

Cosa sono questi dati?

Uno studio che abbiamo condotto mostra che tre mesi dopo aver contratto il Covid, il 27% di coloro che sono guariti presentano ancora dei disturbi. Dopo un anno, resta comunque un 10%. Questi intervistati sono praticamente tutti tornati al lavoro, ma hanno ancora problemi di concentrazione, per esempio. Ora c'è la vaccinazione e la probabilità di tali effetti collaterali può essere significativamente ridotta con essa.

Molti scettici hanno paura che la vaccinazione renda le persone sterili. C’è del vero?

Questa notizia è falsa a tutti gli effetti. Si sostiene che l'mRNA produca anticorpi contro una proteina che è la stessa responsabile della crescita della placenta. Ciò significa che, dopo la vaccinazione, avresti anticorpi che inibirebbero la crescita della placenta e che ti renderebbero sterile. Ma la verità è che non si tratta della stessa proteina. Punto. Inoltre, ci sono ormai moltissimi studi che non danno alcuna ragione per credere che il vaccino abbia una qualche influenza sulla fertilità. Allo stesso modo, gli studi su donne incinte hanno dimostrato che il vaccino non ha alcun effetto sul nascituro nel grembo materno.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

vai al Dossier

E l'infertilità negli uomini?

Esistono già anche studi che dimostrano che il numero e la funzionalità degli spermatozoi non sono influenzati dalla vaccinazione.

Continuiamo anche a sentire che la vaccinazione influisce sul nostro DNA.

Anche queste sono fake news. Il vaccino mRNA non può integrarsi nel nostro materiale genetico. Quando contraiamo il Covid19, anche l'mRNA entra nel nostro corpo con il virus - e in dosi più elevate che con la vaccinazione. Quindi questa affermazione non ha senso.

Le giovani donne lamentano un cambiamento nel loro ciclo mestruale dopo la vaccinazione. Non è pericoloso?

Ci sono singole giovani donne che reagiscono in modo violento alla vaccinazione. È concepibile che il ciclo possa essere influenzato per un breve periodo. Tuttavia, non c'è alcuna indicazione dagli studi che il ciclo sia influenzato a lungo termine.

Cosa sappiamo oggi del virus e cosa non sappiamo ancora?

Conosciamo già molto bene il quadro clinico, i sintomi e i fattori di rischio. La domanda principale per me è: emergerà un'altra mutazione in grado di aggirare le nostre difese? Finora, siamo stati in grado di contrastare tutte le varianti con la vaccinazione e di salvare i pazienti con i loro stessi anticorpi. Questo mi dà fiducia che il virus non abbia possibilità infinite. 

Gli ex malati sono già protetti con le loro difese? Perché allora la vaccinazione è necessaria per queste persone?

Anche qui, bisogna fare attenzione: coloro che sono guariti abbastanza raramente contraggono di nuovo il Covid-19, in forma grave, proprio come coloro che sono stati vaccinati. Ecco perché il certificato è stato esteso a un anno. Tuttavia, si è chiaramente più protetti se ci si vaccina di nuovo come persona guarita. Ecco perché raccomando assolutamente la vaccinazione anche a coloro che sono guariti.

I primi esperti dicono che l'epidemia in Svizzera potrebbe essere finita entro la primavera - sempre se non subentrano ulteriori mutazioni e il tasso di vaccinazione aumenta. Cosa ne pensa?

Sono d'accordo alle condizioni menzionate. Ma il Coronavirus non scomparirà. Ci saranno ancora ricoveri e morti, ma si spera al livello di altre malattie infettive. Ma la pandemia sarà finita solo quando avremo raggiunto anche un alto tasso di vaccinazione in tutto il mondo. Attualmente, solo circa il 50% della popolazione mondiale è stata vaccinata, il che purtroppo non è sufficiente.

Molti giovani dicono: «Se mi vaccino, di sicuro sarò k.o. per qualche giorno. È molto meno probabile che io prenda il Coronavirus e mi ammali per questo». Come risponderebbe a una simile dichiarazione?

Il 70-80% dei vaccinati manifesta effetti collaterali locali per uno o due giorni; effetti collaterali più duraturi si verificano molto meno frequentemente e quelli pericolosi raramente. Per esempio, una reazione allergica grave capita con una frequenza di 1 su 200.00 persone vaccinate. La probabilità di contrarre il Covid, al contrario, è molto elevata. Se allentiamo le misure di sicurezza in Svizzera, prima o poi praticamente ogni persona non vaccinata sarà colpita. O ci si vaccina o ci si infetta, prima o poi. E in quest'ultimo caso, il rischio di un decorso grave o di un Long Covid è molto, molto più alto.

di Rüdi Steiner e Rahel Schmucki,

pubblicato in data 04.11.2021

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche:

Posta di natale Migros: non lasciamo nessuno da solo

Iscriviti ora
Desktop_2880x1260.jpg