Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Fratture da stress e jogging: come prevenirle?

In genere una frattura ossea sopraggiunge a seguito di un sovraccarico estemporaneo, come ad esempio una caduta. Diverso è il caso delle fratture da stress, che insorgono lentamente come conseguenza di un sovraccarico costante. E i podisti sono quelli più a rischio. Come evitarle?

Una frattura da stress si sviluppa in un arco di tempo prolungato a causa di un sovraccarico regolare di un osso. A seguito di un’attività sportiva praticata in modo eccessivo insorgono delle microfessurazioni dolorose che possono anche portare a una frattura vera e propria. Chi non si pone un freno, rischia dunque di incorrere in questa brutta esperienza.

Nel caso dei podisti e runner, il terreno può ad esempio giocare un ruolo di rilievo: passando da un fondo morbido a uno duro o per via di suole usurate non più in grado di ammortizzare l’impatto del piede sul terreno, nel tempo è possibile sviluppare una frattura da stress.

(continua a leggere qui di seguito...)

Contenuti collegati

Interferenze nel processo di rigenerazione

Prevenire le fratture e seguire la terapia giusta
  • Le fratture da stress si possono evitare assumendo liquidi in quantità sufficiente, dormendo un numero di ore adeguato e pianificando fasi di ripresa prolungate.
  • Evitare la monotonia creando sessioni di allenamento varie e dinamiche, alternando sequenze di esercizi lunghe e brevi all’interno del programma.
  • Aumentare l’intensità degli allenamenti gradualmente dopo la guarigione senza puntare a prestazioni da record.
  • Senza momenti di immobilità sussiste il rischio che le microfessurazioni degenerino in fratture vere e proprie. Di conseguenza è importante consultare un medico in presenza di sensazioni dolorose.
  • Attenzione alle recidive! Non ignorare i segnali dolorosi e non sollecitare il tuo corpo troppo rapidamente.

Il fattore determinante in gioco risiede nella capacità di rigenerazione dell’osso: nel caso di un osso sano, viene costantemente prodotto nuovo tessuto osseo in sostituzione del precedente, un processo denominato «remodelling».

Sollecitazioni permanenti, stress da carico che si ripetono costantemente con intervalli di ripresa minimi possono interferire col remodelling, ossia con l’equilibrio tra generazione e turnover a livello di tessuto osseo. Spesso ciò si manifesta sotto forma di fessurazioni, perlopiù assai dolorose, nelle ossa. Le fratture da stress insorgono prevalentemente negli arti inferiori, come ad esempio tibia, perone e metatarso.

Non ignorare i dolori da stress

Se durante l’allenamento o esercizio quotidiano si avverte un dolore improvviso che aumenta gradualmente è opportuno consultare un medico, che potrà formulare la corretta diagnosi e prescrivere la terapia adeguata. Al contrario, ignorando questo segnale, si rischia di protrarre il processo di guarigione per mesi.

di Hassen Hassani,

pubblicato il 25.06.2018


Potrebbe interessarti anche: