Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Il miglior personal trainer in caso di maltempo

Chi porta a spasso il proprio cane è più attivo del 20 percento circa rispetto a chi non ne possiede. E ogni giorno sta seduto 30 minuti in meno, come dimostra uno studio condotto sugli anziani.

Chi spinge gli anziani a fare una passeggiata sempre e comunque, perfino in caso di maltempo? Il cane. I proprietari anziani di cani vanno a spasso almeno una volta al giorno con il loro compagno a quattro zampe, facendo così movimento anche in caso di pioggia e nelle fredde e brevi giornate invernali - mediamente più di quanto non facciano i loro coetanei senza cani anche in piena estate.

Sette giorni su sette all’insegna del movimento

Chi porta a spasso il proprio cane è complessivamente più attivo del 20 percento circa rispetto a chi non ne possiede. E ogni giorno sta seduto 30 minuti in meno, come dimostra uno studio britannico condotto su 3123 partecipanti di età media pari a 70 anni. Ognuno di loro ha indossato per sette giorni almeno dieci ore al giorno un contapassi, anche se in periodi diversi dell’anno in base ai singoli partecipanti. I ricercatori hanno così potuto incrociare le informazioni raccolte con i dati meteorologici e operare un confronto tra i proprietari di cani e i non proprietari.

«Una differenza sorprendente»

«La cosa che ci ha maggiormente colpito è stata l’entità della differenza tra chi portava a spasso il cane e i rimanenti partecipanti allo studio», afferma Yu-Tzu Wu, dell’università britannica East Anglia, uno degli autori dello studio. Chi aveva un cane anche senza portarlo a spasso faceva comunque più movimento rispetto a chi non ne possedeva - ma nettamente meno rispetto a coloro che passeggiavano coi propri animali.

Ciò che interessa i ricercatori più della solita passeggiatina con il cane è l'effetto che quest'ultimo svolge sulla salute. Secondo quanto scoperto la probabilità che chi possiede un cane muoia prematuramente è in media dal 14% al 33% più bassa rispetto a chi di cani non ne ha. E la probabilità di morire di infarto è inferiore del 31%.

Ad approfittarne maggiormente sono le persone che hanno già avuto un infarto.  Chi possiede un cane corre infatti un rischio dal 30% all'80% inferiore di morire prematuramente rispetto a chi non ha cani. Questi sono i risultati ai quali è giunto un team di specialisti canadesi che hanno analizzato dieci studi per un totale di quasi quattro milioni di partecipanti.

(Continuazione in basso...)

Mantenersi in salute nella terza età

Vai al dossier
Attività con il cane

Chi vuole fare un po' di moto con il proprio amico a quattro zampe può scegliere tra una vasta offerta se l'animale mostra interesse e gioia a essere addestrato.

  • Agilità: il superamento di diversi ostacoli che richiedono grande destrezza.
  • Dog dancing: danze con il cane.
  • Disc dogging: il gioco del frisbee insieme al proprio cane, con esercizi acrobatici.
  • Ricerca di tartufi e altri compiti di ricerca: questa attività implica anche il superamento di lunghe distanze a piedi.
  • Canicross: corsa in campagna con il cane.
  • Esercizi di trainamento: per esempio di trainamento di una bici con un solo cane o di una slitta con più cani. Si tratta di un esercizio molto interessante anche per il conducente.

Questo effetto positivo è davvero merito del cane?

Chi possiede un cane è tendenzialmente piuttosto giovane, sposato e ha un reddito medio-alto. Ciò significa essere meno soli, avere una massa corporea più bassa e fumare meno sigarette: tutti fattori positivi per la salute.

Attenzione, però: anche tenendo conto di queste variabili e paragonandole fra loro, il cane continua a svolgere un'influenza positiva. Il cane svolge un effetto positivo sia sulla salute fisica che psichica. La vita con un cane può abbassare (leggermente) la pressione e influenzare positivamente i valori del colesterolo e dello zucchero nel sangue.

Più morsi e più sicurezza in sé

I cani non rappresentano però solo un fattore positivo per la salute. Chi possiede un cane tende a venire morso di più e a sviluppare più infezioni, per esempio la tanto temuta tenia della volpe. Anche la formula «cane = minor peso corporeo» non è sempre automatica, come hanno scoperto ricercatori giapponesi

Il fedele amico dell'uomo svolge invece un effetto positivo sulla psiche: chi possiede un cane soffre meno di stress e di stati ansiosi; passeggiare con il cane aiuta inoltre a stabilire contatti con le altre persone. Un cane dona infine più sicurezza e fa sentire meno soli.

Abitazioni adatte ai cani

Secondo Yu-Tzu Wu e i suoi colleghi consigliare a ogni persona anziana di tenere un cane sulla base di questi risultati non è sempre una buona idea. Abitazioni per la terza età adatte ai cani o servizi di dogsharing potrebbero invece costituire un'ottima opportunità per gli anziani di muoversi di più.

Fonti: «Journal of Epidemiology & Community Health», «Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes», «International Journal of Environmental Research and Public Health»

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 08.11.2017, modificato in data 03.12.2020


Potrebbe interessarti anche:

La Migros si impegna contro il tumore al seno

Saperne di più
pink-ribbon.jpg0