Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Il rimedio migliore contro i dolori mestruali

Ecco in che modo le donne possono ridurre di un quarto i dolori al basso ventre legati al ciclo.

Circa quattro donne su dieci soffrono di crampi al basso ventre poco prima o all’inizio delle mestruazioni. A essere interessate da una qualsiasi forma di dolore sono addirittura nove su dieci.

Tra metodi più comuni per contrastarli troviamo la borsa dell’acqua calda e l’assunzione di antidolorifici o della pillola anticoncezionale, ma praticare sport tre volte alla settimana potrebbe essere un’alternativa migliore e più salutare.

Non perderti più nulla di iMpuls: abbonati alla nostra newsletter.

Miglioramento «clinicamente significativo»

Secondo la conclusione di un gruppo di scienziati dell’associazione «Cochrane», con lo sport infatti la dismenorrea migliorerebbe in media di 25 punti su una scala di 100 - un miglioramento clinicamente significativo.

I ricercatori hanno analizzato dieci studi condotti su giovani donne che soffrivano di dolori mestruali di media o alta intensità. In base ai risultati di un’estrazione a sorte, alle partecipanti era stato richiesto di fare movimento oppure non era stato prescritto alcun trattamento. A seconda dell’esperimento, si trattava di stretching, yoga, aerobica o zumba.

La zumba è più efficace dello stretching

Un allenamento più faticoso ad alta intensità sembrerebbe leggermente più efficace. Tutte le partecipanti allo studio si sono allenate almeno tre volte alla settimana per 45-60 minuti, in vari studi interrompendo l’allenamento durante il ciclo.

La critica mossa dai ricercatori è che, purtroppo, ai dieci studi hanno partecipato solo 754 donne, il che ne indebolisce l’attendibilità rispetto a studi su vasta scala. Tuttavia, anche se la validità scientifica dell’efficacia dello sport contro i dolori mestruali non è ancora comprovata, consigliano alle donne di prendere in considerazione l’idea di testare questo metodo.

Praticamente senza effetti collaterali

In primo luogo lo sport fa bene alla salute sotto molti punti di vista e poi comporta un rischio minimo di effetti collaterali.

Fonte: «Cochrane Database of Systematic Reviews»

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato il 13.11.2019


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter e vinci una carta annuale di Fitness nel valore di 1420 Fr.

Vai all'iscrizione