Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Muffa nell'appartamento o nella cantina - cosa c'è da sapere

Muffa in bagno, cucina o cantina: quanto è dannosa la muffa per la salute, come si sviluppa e come si può prevenire?

Che cos'è la muffa?

La muffa sui materiali da costruzione è composta da vari organismi. «È una specie di comunità residenziale», spiega Claudia Vassella, vice capo del Servizio Veleni domestici dell'Ufficio federale della sanità pubblica. Le muffe sono gli organismi primari. Tuttavia, ci sono anche lieviti, batteri, compresi i cosiddetti micobatteri, che assomigliano alle muffe o agli acari della polvere di casa, che si nutrono di muffe. «Dopodiché, ci sono vari organismi nelle muffe che rilasciano sostanze, spore o frammenti di cellule nell'aria. E questi ultimi, a loro volta, possono ripercuotersi sulla salute».

Dove è più probabile che si verifichi la muffa?

In camera da letto, bagno, cucina e cantina. O in qualsiasi luogo dove si accumula molta umidità o le pareti o le finestre sono fredde e l'umidità si condensa. Questo accade, per esempio, quando la temperatura nella camera da letto è tenuta bassa e non c'è ventilazione. Secondo Vassella, sono a rischio anche le case costruite prima del 1980, le cui finestre sono state isolate ma le pareti non sono dotate di un isolamento adeguato e risultano quindi fredde.

Come penetra la muffa in casa?

Le spore della muffa entrano negli spazi interni attraverso la ventilazione. Nell'aria esterna è sempre presente una certa quantità di muffe. «In estate, dopo che ha piovuto per qualche giorno e quando poi fa caldo e c'è vento, una quantità consistente di spore vola ed entra anche in casa», spiega Vassella. «Si tratta di un processo normale. I problemi insorgono solo quando gli ambienti interni presentano un elevato grado di umidità per un periodo prolungato».

Quali malattie può causare la muffa?

La muffa può irritare le membrane mucose degli occhi e del tratto respiratorio, il che può portare a lacrimazione o tosse. Può esserci anche una relazione con frequenti raffreddori. A seconda della predisposizione delle persone colpite, si possono manifestare anche allergie, asma o tosse cronica.

Quanto è pericolosa la muffa in casa?

Oltre alla predisposizione soggettiva e alle condizioni preesistenti, dipende anche dalla misura in cui la persona colpita è esposta alla muffa. «Dormire vicino a un muro ammuffito comporta sicuramente conseguenze più probabili sulla salute rispetto a eventuali tracce di muffa sulla finestra del bagno, che possono essere rimosse con relativa facilità», spiega Vassella. La muffa può anche causare sintomi di stress come il mal di testa. Pertanto, l'azione rapida e il rimedio sono necessari in ogni caso. Perché il solo odore della muffa può far sì che le persone si ritirino e si isolino socialmente perché non osano più invitare nessuno ad entrare. Per le persone con un sistema immunitario indebolito, la muffa può poi essere addirittura fatale.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Cosa fare quando si scopre la muffa?

Chiunque scopra della muffa dovrebbe segnalarlo al padrone di casa o - come proprietario di casa - far valutare e rimuovere l'infestazione da un professionista. È fondamentale eliminare anche la causa dell'eccessiva umidità. Informazioni al riguardo sono disponibili nell'opuscolo «Muffa nelle abitazioni», che l'UFSP ha pubblicato insieme all'Associazione svizzera inquilini (Schweizerischer Mieterinnen und Mieterverband MV), all'Associazione svizzera dei proprietari immobiliari (Hauseigentümerverband Schweiz HEV) e all'Associazione svizzera dell'economia immobiliare (Schweizerischer Verband der Immobilienwirtschaft SVIT)

Quando occorre rivolgersi al medico?

Se si verificano problemi di salute quando si sospetta la presenza di muffa. Tuttavia, indipendentemente dalla diagnosi medica, le cause dell'aumento dell'umidità devono essere eliminate e la muffa rimossa.

Quanto è pericolosa la muffa in cantina?

Dato che di solito non si resta a lungo in cantina, non è così pericolosa come in casa.  L'odore è comunque molto sgradevole e le cantine umide sono scarsamente utilizzabili. Ecco perché qui vale la stessa regola: se scoprite della muffa in cantina, informate il padrone di casa o chiamate uno specialista. In caso contrario, l'inquilino è ritenuto responsabile di qualsiasi danno.

Come ventilare correttamente
  • Come regola generale, ventilare l'appartamento almeno tre volte al giorno aprendo tutte le finestre e le porte e facendo entrare una corrente d'aria per 5-10 minuti.
  • Negli edifici più vecchi con finestre nuove e isolamento termico carente, ventilare particolarmente bene dopo la produzione di umidità.
  • Non ventilare in pianta stabile con finestre a ribalta durante il periodo di riscaldamento! Questo consuma molta energia di riscaldamento. I muri e i pavimenti vicino alle finestre si raffreddano e il rischio di condensa aumenta.
  • Le finestre appannate sono sempre un'indicazione di eccessiva umidità. Non appena una finestra si appanna, bisogna ventilare.
  • Ci si deve attendere sempre un maggior grado di umidità dopo imponenti lavori di ristrutturazione e nei nuovi edifici. I materiali da costruzione hanno bisogno di tempo per asciugarsi. Il calcestruzzo, per esempio, necessita di due anni per asciugarsi. Quindi: se possibile, lasciare asciugare l'edificio o i locali ristrutturati prima di trasferirsi al loro interno e poi, a seconda della situazione, aumentare la ventilazione anche per diversi mesi.

La muffa può formarsi anche nelle case Minergie con ventilazione comfort? 

In linea di massima, le case Minergie sono ben isolate e le stanze sono automaticamente attraverso questa tipologia di ventilazione. Ma la muffa può insorgere anche in questi locali. «Se l'edificio non è ben asciugato prima del trasloco, per esempio. O se qualcuno allestisce una sala fitness in una piccola stanza e non la ventila bene dopo l'allenamento», dice Vassella. Perché: «La ventilazione comfort è progettata per un uso normale».

Come possono i residenti prevenire la muffa?

Arieggiando l'appartamento regolarmente e assicurandosi che l'umidità non si condensi sui muri o sulle finestre. Quando si cucina, si fa la doccia o il bagno, attivare lo sfiato del vapore o i ventilatori di scarico. Non asciugare il bucato in casa e usare gli umidificatori con cautela e solo in inverno. Ciò significa che chiunque usi un umidificatore dovrebbe monitorare l'umidità dell'aria con un igrometro e aumentarla in modo mirato fino a un massimo del 40%.

 

Ulteriori informazioni:

di Susanne Schmid Lopardo,

pubblicato in data 07.12.2021


Potrebbe interessarti anche:

Approfitta del 20% sull'assortimento You fino al 24 gennaio

Vai a You
1030.044.22.png