Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Come la luce ci influenza: 10 fatti

La luce regola il ritmo sonno-veglia e ci rende felici. Per quale motivo? E perché vediamo il cielo blu? 10 fatti sulla luce.

1. La luce è energia

La luce è energia sotto forma di radiazione elettromagnetica emessa da una fonte, per esempio il sole. I raggi elettromagnetici si propagano come onde nello spazio, simili alle onde nell'acqua quando vi si lancia un sasso. I raggi elettromagnetici hanno diverse lunghezze d'onda. La luce visibile agli esseri umani comprende lunghezze d'onda tra 400 e 700 nanometri. «I raggi di luce a onda lunga in questa gamma ci appaiono come rossi, quelli leggermente più corti come arancioni e poi verdi fino ai raggi blu molto corti», spiega Reik Leiterer, co-responsabile del Science Lab dell'Università di Zurigo. «Ma questa è solo una piccola sezione dell'intero spettro elettromagnetico. La maggior parte è invisibile agli occhi umani, compresi i raggi UV e X, per esempio, o anche le microonde e le onde radio».

2. La luce ci fornisce la vitamina D

La luce del sole aiuta il corpo a produrre vitamina D. Le persone hanno bisogno della vitamina per assorbire il calcio - un nutriente essenziale per la formazione e la stabilità delle ossa. Nel peggiore dei casi, una carenza di vitamina D porta a una fragilità ossea (osteoporosi) o, nei bambini piccoli, all'ammorbidimento delle ossa (rachitismo). Per riempire i depositi, gli esperti raccomandano almeno 20-30 minuti di luce solare al giorno. «Possiamo già fare molto per la nostra salute con una breve passeggiata durante la pausa pranzo», conferma anche il Prof. Dr. Beat Knechtle del centro Medbase di San Gallo. Questa quota di luce del giorno aiuta anche contro la stanchezza.

3. La luce ha diversi colori

A prima vista, la luce ci appare spesso bianca. «In effetti, la luce bianca è composta dalle diverse gamme di lunghezza d'onda della luce visibile secondo il principio della miscelazione additiva dei colori », spiega Reik Leiterer. Gli arcobaleni rendono tutto ciò molto visibile: si creano perché la luce del sole viene dispersa nelle singole gamme spettrali dalle goccioline d'acqua e i nostri occhi possono quindi percepire l'intero spettro dei colori - dal violetto e dal blu al verde, al giallo e al rosso.

4. La luce può essere misurata

La luminosità della luce si misura in lux. Alla luce del giorno, essa è compresa tra 1 e oltre 100.000 lux. Aumenta dall'alba a mezzogiorno e poi diminuisce di nuovo.

5. La luce regola il nostro ritmo sonno-veglia

Il nostro ritmo quotidiano è largamente influenzato dal sole. La luce del sole dice al corpo quando essere sveglio e attivo o quando è il momento di rigenerarsi. Il nostro «orologio interno» è importante per la regolazione della temperatura corporea, l'attività cerebrale, la produzione di ormoni e altri processi fisiologici. I ricercatori dell'Università di Edimburgo hanno scoperto che l'«orologio interno» è regolato anche attraverso gli occhi. Se esso va fuori ritmo, per esempio a causa dei turni di notte o dell'illuminazione sbagliata, ciò può ripercuotersi negativamente sulla nostra salute fisica e mentale.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

6. La luce mette la gente di buonumore

Quando il sole splende, ci sentiamo bene, la vita è più divertente e riusciamo a concentrarci meglio. La luce aiuta il nostro corpo a produrre serotonina.  Questa sostanza, conosciuta anche come l'«ormone della felicità», viene prodotta durante il giorno. 

7. La luce rende il nostro cielo blu o rosso

La luce bianca del sole deve passare attraverso l'atmosfera terrestre e viene diffusa dalle molecole dell'aria - più corta è la lunghezza d'onda della radiazione, maggiore è la percentuale di dispersione. Di conseguenza, quando il cielo è luminoso e terso, sono soprattutto le gamme di onde corte della luce visibile che vengono disperse e poi raggiungono i nostri occhi da tutte le direzioni: si crea così l'impressione cromatica del «cielo blu», spiega Reik Leiterer. «Durante un tramonto, invece, i raggi di luce devono percorrere una strada molto più lunga attraverso l'atmosfera per raggiungere i nostri occhi. I raggi blu «corti» sono già fortemente dispersi al punto che sono soprattutto le onde più lunghe a raggiungerci - e queste sono le aree dello spettro che poi percepiamo come rosso e arancione».

8. La luce previene la pressione alta

La pressione sanguigna e il numero di malattie cardiovascolari aumentano con la distanza dall'equatore. Gli scienziati dell'Università di Edimburgo hanno concluso che ciò è dovuto alle radiazioni UVA.  Hanno diviso i partecipanti di uno studio in due gruppi. Un gruppo ha ricevuto raggi UVA per un periodo di 30 minuti ad un'intensità tipica dell'Europa meridionale. L'altro gruppo ha ricevuto luce artificiale che non conteneva raggi UVA per lo stesso periodo di tempo. I risultati hanno mostrato che quelli esposti ai raggi UVA intensi hanno avuto in seguito una pressione sanguigna più bassa rispetto a quelli esposti alla luce artificiale.

9. La luce aiuta contro la depressione dei mesi autunnali e invernali

L'incidenza dei sintomi depressivi aumenta nei mesi freddi. La ragione esatta del fenomeno denominato «alcuni -winter blues» è ancora controversa. Tuttavia, molti scienziati ritengono che durante le stagioni più fosche dell'anno, l'aumento della produzione di melatonina provochi un calo dei livelli di serotonina, il che significa che abbiamo meno ormone della felicità nel nostro sangue. La luce e l'esercizio fisico aiutano contro gli sbalzi d'umore. Anche se costa fatica, bisognerebbe rimanere attivi e uscire all'aria aperta durante il giorno. Anche quando il cielo è nuvoloso, alcune radiazioni UV penetrano attraverso la copertura nuvolosa o la nebbia alta.

10. La luce non è tutta uguale

Workshop sul tema della luce:

Le moderne plafoniere o lampade da terra non hanno lo stesso effetto della luce del sole sul nostro corpo, perché spesso emettono solo aree molto selezionate dello spettro elettromagnetico. Tuttavia, ci sono speciali lampade diurne che possono imitare la luce del giorno. Per esempio, esse possono coprire una gamma dello spettro paragonabile alla luce del sole o, come nel caso delle lampade LED dinamiche, regolare la luce a seconda dell'ora del giorno. Nell'ambito della fototerapia - per esempio per trattare la depressione invernale - si utilizzano lampade a luce diurna con un'intensità di luce compresa tra 2.500 e 10.000 lux, secondo il seguente principio: più alta è la potenza luminosa, meno tempo richiede una sessione davanti alla lampada.

di Susanne Schmid Lopardo,

pubblicato in data 09.11.2021


Potrebbe interessarti anche:

Posta di natale Migros: non lasciamo nessuno da solo

Iscriviti ora
Desktop_2880x1260.jpg