Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Cosa c’è nel kit di pronto soccorso?

Che si tratti di una vacanza al mare, di una visita a città d’arte o di un trekking, se ti ammali in vacanza, sarai felice di avere con te un kit di pronto soccorso ben fornito. Cosa devi assolutamente portare con te.

Check-list da scaricare

Hai preso tutto? O manca ancora qualcosa? Scarica la check-list da spuntare, con tanti consigli concreti sui prodotti offerti dalla farmacista di Medbase Barbara Hugelshofer.

Chi viaggia in genere ha con sé dei bagagli. Oltre agli oggetti di uso quotidiano come vestiti, scarpe e articoli da toilette, si devono portare anche attrezzatura per lo snorkeling e l’outdoor, oltre a cose divertenti come giochi da fare in acqua e qualcosa da leggere. Si fa presto a riempire la borsa da viaggio o la valigia fino quasi a farla esplodere. Ma c’è un errore da non fare mai: lasciare fuori il kit del pronto soccorso.

«Un kit di pronto soccorso con un contenuto selezionato nel modo giusto vale oro. Ovviamente nessuno si augura di ammalarsi durante le vacanze. E le persone colpite vogliono tornare in forma il più rapidamente possibile e senza complicazioni», dice Barbara Hugelshofer, farmacista e direttrice della farmacia Medbase Winterthur Altstadt. Di seguito ci svela anche ciò che non deve assolutamente mancare in un kit di pronto soccorso, quali accorgimenti servono a seconda della destinazione del viaggio e cosa è fondamentale in un kit di pronto soccorso per bambini.

Contenuto del kit di pronto soccorso – le basi

Situazione attuale

Dal marzo 2020 il Covid-19 ha forti ripercussioni sui viaggi. All'interno dello spazio Schengen le frontiere sono attualmente aperte, ma le condizioni possono cambiare nuovamente. Le informazioni attuali sono disponibili qui: 

  • sul sito del UFSP: situazione del nuovo coronavirus in Svizzera e all'estero, aperture delle frontiere, disposizioni per l'entrata, provvedimenti e ordinanze
  • sul sito del DFAE: consigli di viaggi, apertura delle frontiere, provvedimenti, internazionali.
  • nel nostro dossier iMpuls: informazioni utili, regole di comportamento e prevenzione

Qual è il minimo indispensabile da portare con sé? Barbara Hugelshofer: «L’ideale è avere sempre a portata di mano un kit di pronto soccorso con la seguente dotazione di base».

  • 1 disinfettante per mani e oggetti (ad esempio Sterillium)
  • 1 disinfettante per ferite (ad esempio Bepanthen Plus spray per ferite)
  • 1 unguento vulnerario (ad esempio Vita-Merfen Unguento)
  • Cerotti adesivi di varie dimensioni (ad esempio Dermaplast)
  • 1 benda elastica
  • 1 antidolorifico che abbia anche effetto antinfiammatorio e antipiretico (es. Panadol-S)
  • 1 termometro (ad esempio Omron Flex Temp Smart)
  • 1 paio di pinzette (per esempio le pinzette a punta inclinata Herba)
  • 1 paio di forbicine (lame lunghe al massimo 6 cm, altrimenti non adatte al bagaglio a mano)
  • Spille di sicurezza
  • Guanti usa e getta
  • Mascherine (ad esempio Flawa)

Gli altri accessori dipendono dalle esigenze individuali e dalla destinazione delle vacanze. È utile tenere i materiali medicali e i medicamenti riuniti in una valigetta o in una piccola borsa in modo che siano a portata di mano in caso di emergenza e non debbano essere faticosamente recuperati da vari bagagli. Se vai in farmacia a farti comporre un kit di pronto soccorso per il tuo viaggio, ti verrà fornito anche il contenitore adatto. Doppiamente utile: gli interessati possono anche prenotare appuntamenti per una consulenza specifica in base al viaggio.

Kit di pronto soccorso Europa

Nella maggior parte dei paesi europei, i viaggiatori non devono preoccuparsi di malattie o pericoli particolari. Non c’è bisogno di vaccinazioni speciali e, in caso di emergenza, si possono trovare ospedali e farmacie praticamente ovunque.

Per le vacanze al mare in Spagna, per esempio, si consiglia di aggiungere alla dotazione di base del kit di pronto soccorso un repellente per insetti e una crema solare con un alto fattore di protezione. «Almeno un fattore 50 – non è mai troppo alto!» sottolinea Barbara Hugelshofer. Si dovrebbe includere anche una lozione doposole. Anche una crema antiallergica e antinfiammatoria o una penna termica contro le punture di zanzara.

Tuttavia, non è che a sud si venga necessariamente risparmiati dai raffreddori – soprattutto se l’aria condizionata rimane costantemente in funzione a pieno ritmo. «Ecco perché vale la pena mettere in valigia un NeoCitran o un Pretuval», dice Barbara Hugelshofer.

Se preferisci fare affidamento sui medicamenti che conosci o temi difficoltà linguistiche all’estero, è meglio mettere in valigia un rimedio per la diarrea e un preparato elettrolitico per compensare la perdita di sali in caso di emergenza. Si raccomanda anche un medicamento contro i disturbi gastrointestinali.

Chi soffre di cinetosi farebbe meglio a dotarsi di apposite gomme da masticare, compresse o di un braccialetto antinausea, soprattutto quando i viaggi in auto o in barca piuttosto lunghi sono all’ordine del giorno. I rimedi possono anche aiutare con la nausea in aereo.

Se hai il raffreddore dovresti portare con te in aereo anche uno spray nasale decongestionante per compensare gli sbalzi di pressione. Sui voli lunghi, le calze a compressione proteggono dalla trombosi, che può essere causata dallo stare seduti per periodi di tempo prolungati.

Ecco come rimani in salute durante le vacanze

Fascicolo

Kit di pronto soccorso USA

Negli Stati Uniti è possibile acquistare liberamente nei supermercati alcuni medicamenti per i quali nel nostro paese è necessaria una prescrizione. Tuttavia, anche se i prodotti hanno lo stesso nome dei nostri, a volte la composizione è differente. Inoltre, si applicano regole diverse per l’approvazione dei farmaci. Se non vuoi sperimentare, è meglio portare lo stretto necessario da casa.

Oltre alla dotazione di base menzionata sopra, si raccomanda caldamente di prendere qualcosa contro il mal di gola, la tosse e il raffreddore. Perché non c’è praticamente nessun altro posto al mondo in cui l’aria condizionata viene utilizzata più che negli Stati Uniti. Là prendersi il raffreddore in vacanza è una certezza assoluta. Inoltre, anche un rimedio per la diarrea e uno per i disturbi gastrointestinali possono solo giovare. 

Se si esplorano i numerosi parchi nazionali a piedi, i cerotti per le vesciche sono indispensabili quanto una coperta di salvataggio e un fischietto con il quale in caso di emergenza ci si può far sentire anche a lunga distanza. Non deve mancare neppure una crema solare con un fattore di protezione elevato.

Sulla costa orientale (da New York alla Florida), c’è anche un maggiore rischio di contrarre la febbre del Nilo occidentale, che viene trasmessa dalle zanzare. Quindi un repellente per zanzare è un must.  Anche la febbre delle Montagne Rocciose e la malattia di Lyme, causate dalle zecche, sono un problema. A seconda della regione che visiti, dovresti quindi avere anche un antizecche nel tuo bagaglio.

Se un flirt dovesse trasformarsi in qualcosa di più, è bene avere con sé anche dei profilattici

Kit di pronto soccorso Africa

Tutta la protezione solare che serve

Molte persone non applicano abbastanza crema solare. Per un adulto, si calcola che servano circa sette cucchiaini di protezione solare al giorno. Applicare la protezione solare da 20 a 30 minuti prima di prendere il sole, in modo che i filtri chimici abbiano abbastanza tempo per penetrare lo strato superiore dell’epidermide e sviluppare la loro protezione. I single che non riescono a raggiungere tutti i punti da soli possono aiutarsi con uno spalma crema per la schiena.

Se viaggi in Africa, dovresti controllare in anticipo con la farmacia o con il tuo medico di famiglia la profilassi della malaria e quali vaccinazioni sono necessarie.

Il kit di pronto soccorso deve offrire soluzioni per il maggior numero possibile di evenienze, perché a seconda del luogo in cui si viaggia in Africa, non sarà tanto facile procurarsi i medicamenti in fretta. Inoltre, la composizione e la qualità dei preparati possono variare molto.

Dato il notevole rischio di malaria, dengue e zika, per gli adulti i repellenti per zanzare con il principio attivo DEET sono un must.

A ciò si aggiungono:

  • rimedio per le punture d’insetto
  • rimedio per le scottature solari
  • rimedio per malattie da raffreddamento, mal di gola, tosse e raffreddore
  • qualcosa per la cinetosi
  • antidiarroico
  • soluzione elettrolitica contro la perdita di acqua e sali in caso di diarrea del viaggiatore
  • rimedio per i disturbi gastrointestinali
  • qualcosa per le infiammazioni degli occhi
  • qualcosa per le infiammazioni dell’orecchio
  • un antibiotico ad ampio spettro per l’uso in emergenza (su prescrizione)

In caso di dubbi: chiedi consiglio a una farmacia Medbase o a un medico di viaggio di Medbase.

Se un flirt dovesse trasformarsi in qualcosa di più, è bene avere con sé anche dei profilattici. Anche Barbara Hugelshofer avverte: «Si sconsiglia alle donne incinte e alle coppie che pianificano una gravidanza entro i sei mesi successivi di visitare zone in cui il virus Zika è endemico».

Kit di pronto soccorso Asia

Come proteggersi dalle zanzare

Le zanzare pungono soprattutto al tramonto e di notte. Pertanto, applicare un repellente per zanzare alla sera. Spruzzare i vestiti è molto efficace. Utilizzare un fornelletto antizanzare per la camera da letto (seguire le istruzioni per l’uso!) e, se necessario, una zanzariera per dormire. Le zanzare amano le superfici scure e riescono a pungere attraverso tessuti sottili e aderenti. Perciò, se possibile, indossa abiti chiari, larghi e a maniche lunghe.

Intendi visitare Tokyo o viaggiare nelle giungle del Vietnam? A seconda della destinazione, cambiano anche i requisiti. Se visiti regioni tropicali, prima devi anche accertarti se sono necessarie determinate vaccinazioni o la profilassi per la malaria.

Per certe zone dell’Indonesia, oltre alle solite vaccinazioni e alla profilassi per la malaria, gli esperti raccomandano per esempio, l’immunizzazione contro l’epatite A, il tifo e, a seconda dei casi, la rabbia. In molti paesi poveri con climi caldo-umidi sono utili i disinfettanti per l’acqua potabile e le zanzariere.

Poiché c’è un rischio notevole di malaria, dengue e zika, per gli adulti i repellenti per zanzare con il principio attivo DEET sono indispensabili.

  • Inoltre, in questo caso il kit di pronto soccorso deve includere anche:
  • rimedio per le punture d’insetto
  • rimedio per le scottature solari
  • rimedio per malattie da raffreddamento, mal di gola, tosse e raffreddore
  • qualcosa per la cinetosi
  • antidiarroico
  • soluzione elettrolitica contro la perdita di acqua e sali in caso di diarrea del viaggiatore
  • rimedio per i disturbi gastrointestinali
  • qualcosa per le infiammazioni degli occhi
  • qualcosa per le infiammazioni dell’orecchio
  • un antibiotico ad ampio spettro per l’uso in emergenza (su prescrizione)

In caso di dubbi: chiedi consiglio a una farmacia Medbase o a un medico di viaggio di Medbase.

Se un flirt dovesse trasformarsi in qualcosa di più, è bene avere con sé anche dei profilattici. Le donne incinte e le coppie che pianificano una gravidanza entro i sei mesi successivi non dovrebbero visitare zone in cui il virus Zika è endemico.

Ecco come rimani in salute durante le vacanze

Fascicolo

Kit di pronto soccorso per donne incinte

Se sei incinta e vuoi viaggiare, devi assolutamente portare con te il tuo passaporto di maternità, se ne hai uno, oppure stampare i dati importanti in merito alla tua gravidanza. Non fare affidamento su una chiavetta USB, perché a seconda della tua destinazione, le opzioni tecnologiche a tua disposizione potrebbero essere limitate.  

Oltre al kit di pronto soccorso di base (vedi sopra), le donne incinte dovrebbero assolutamente tenere nel loro bagaglio quanto segue:

  • magnesio contro le «contrazioni uterine» (contrazioni dell’utero leggere, ma sgradevoli).
  • rimedio contro la nausea (da viaggio)
  • compresse di carbone per la diarrea
  • protezione solare (le donne incinte si scottano più facilmente)
  • destrosio
  • calze antitrombo o calze a compressione graduata
  • paracetamolo contro il dolore e la febbre
  • spray nasale contro la rinite

In caso di dubbio, controlla con il tuo medico qual è il farmaco più adatto a te. È sempre meglio portare qualcosa di più, piuttosto che qualcosa di meno nel proprio kit di pronto soccorso. Soprattutto nei Paesi con un’assistenza medica modesta, sarai contenta di avere con te i tuoi medicamenti abituali.

Se soffri di diabete gestazionale, devi anche sapere che: è ufficialmente consentito portare l’insulina a bordo di un aereo. Tuttavia, procurati un certificato del tuo medico – in inglese – che confermi la tua condizione e che spieghi perché hai bisogno di portare con te determinati prodotti. Poiché i bagagli registrati a volte arrivano nel posto sbagliato, è meglio se porti i medicamenti e i prodotti medicali importanti nel bagaglio a mano. In caso di dubbi, contatta la compagnia aerea per tempo.

In generale, in caso di gravidanza, è importante valutare il rischio del viaggio e prediligere destinazioni sicure.

Kit di pronto soccorso per neonati e bambini

Swissmedic, l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici, sottolinea: «I bambini non sono piccoli adulti. Rappresentano un gruppo di pazienti particolarmente fragile, poiché reagiscono ai farmaci in modo diverso. I neonati in genere metabolizzano i farmaci meno rapidamente e li espellono anche a una velocità inferiore. Esistono anche farmaci che possono compromettere la crescita e lo sviluppo».

Su questi presupposti è chiaro che chi viaggia con dei bambini deve prima procurarsi i medicamenti adatti da tenere nel suo kit di pronto soccorso. In caso di dubbi, è possibile richiedere una consulenza a un pediatra o anche a un farmacista.

In generale valgono i seguenti principi:

  • È opportuno scegliere già per la dotazione di base dei prodotti adatti a bambini (piccoli) e adulti. Per esempio, un disinfettante per ferite senza alcool, in modo che possibilmente non bruci. O un termometro da orecchio per misurare la febbre.
  • Presta attenzione alla delicatezza sulla pelle dei cerotti e delle bende.
  • Usa la protezione solare per neonati e bambini – con il fattore più alto e filtri minerali.
  • Usa spray antizanzare e antizecche per bambini.
  • Porta con te una soluzione salina per occhi e naso.
  • Le soluzioni elettrolitiche aiutano in caso di diarrea e vomito. Se la diarrea persiste per più di 24 ore, consultare un medico.
  • I globuli possono aiutare contro la cinetosi e il raffreddore.
  • Non scordarti di mettere in valigia le supposte di paracetamolo contro ogni tipo di dolore. Sono utili anche durante la dentizione.

Portare medicamenti in aereo

Non sempre la valigia arriva dove dovrebbe. E i voli non vanno sempre come previsto. A volte sono in ritardo, a volte vengono deviati. Per questo motivo, è consigliabile avere sempre con sé una quantità doppia dei farmaci necessari. I medicamenti che devono essere assunti regolarmente, come gli anticoagulanti, gli antipertensivi, l’insulina o la pillola, devono essere assolutamente inclusi nel bagaglio a mano. Prima di fare il check-in, assicurati di avere con te tutti i tuoi medicamenti e prodotti medicali importanti!

Se si prende la pillola si deve tenere conto anche della grande differenza di fuso orario (per esempio quando si viaggia in Australia).

Se hai bisogno di siringhe o iniettori, procurati in anticipo un certificato medico – in inglese. Lo stesso vale per i medicamenti soggetti al Narcotics Act, come gli oppiacei usati contro il dolore .

Se porti con te medicamenti che devono essere conservati tassativamente a basse temperature, tienili in una borsa termica.

Se hai dubbi su cosa è consentito e cosa no, consulta la tua compagnia aerea!

di Ringier Brand Studio / Cilgia Grass,

pubblicato in data 08.06.2021, modificato in data 05.07.2021


Potrebbe interessarti anche:

La Migros si impegna contro il tumore al seno

Saperne di più
pink-ribbon.jpg0