Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Cosa fare in caso di micosi alle unghie?

È arrivata la stagione dei sandali e ora più che mai è importante prendersi cura dei propri piedi. La micosi alle unghie è un valido esempio in questo senso: come si riconosce e in che modo è possibile liberarsene? Ecco alcuni consigli.

1. Chiarire l’origine della micosi

La metà delle alterazioni che interessano le unghie è determinata da una micosi. Tra i segni caratteristici rientrano ad esempio ispessimenti o alterazioni nel colore delle unghie. Alcune patologie come il melanoma potrebbero presentare effetti simili a quelli prodotti dalla micosi alle unghie. Per questo motivo la diagnosi dovrebbe essere confermata da un medico.

In linea generale la micosi alle unghie non richiede un trattamento medico. Tuttavia, nei casi di diabete, deficit immunitario o grave infezione cutanea della gamba interessata, una terapia sarebbe comunque consigliabile per prevenire ulteriori infezioni. Lo stesso vale nei casi in cui l’unghia è causa di dolore o fastidio.

Questo prodotto non è attualmente disponibile

Questo prodotto non è attualmente disponibile

2. Le creme come rimedio utile

  • In caso di unghie fortemente ispessite, di sera si può applicare una crema all’urea (40%) e tenere il dito bendato durante la notte.
  • Per proteggere la pelle attorno all’unghia si può applicare vaselina, per poi risciacquare il tutto la mattina seguente. La procedura è da ripetere finché l’unghia risulta ammorbidita, in modo da agevolare i trattamenti successivi.
  • Inoltre, si può provare ad applicare «Vicks VapoRub» o un’altra pomata analoga, utile in caso di raffreddamento, ogni giorno per 48 settimane: due studi ne hanno dimostrato l’efficacia per una quota di soggetti coinvolti che può raggiungere il 38 percento.

3. Quando ricorrere ai farmaci?

L’utilità di soluzioni e smalti medicati da applicare sulle unghie è stata dimostrata scientificamente. In caso di grave infezione da funghi, generalmente è necessaria l’assunzione di farmaci. In questo caso il buon esito della terapia si attesta tra il 60 e il 75 percento, e risulta quindi più elevato rispetto a quello riscontrato per le soluzioni. La terapia dura da 24 a 48 settimane, poiché il principio attivo deve essere assorbito e le unghie dei piedi ricrescono lentamente.

Potrebbe interessarti anche: Come combattere il cattivo odore dei piedi?

4. Pulire sempre tutto

  • Chi si è già infettato deve utilizzare un asciugamano separato per i piedi e cambiarlo possibilmente tutti i giorni
  • Pulire accuratamente le forbicine per unghie o la lima e le mani ogni volta che si entra in contatto con l'unghia infetta. In caso contrario il rischio di contagio è estremamente elevato per le altre zone del corpo
  • Lavare i calzini ad almeno 60° Celsius può uccidere le micosi. Inoltre, per le persone affette da micosi delle unghie è opportuno disinfettare calzini e scarpe durante e dopo la terapia per prevenire una nuova infezione. Parlane con il tuo medico!
  • Per precauzione nei confronti degli altri: non andare in giro a piedi nudi.

5. Come proteggersi da un contagio

Il contagio avviene perlopiù in luoghi pubblici: piscine, saune, palestre, docce o cabine, ovvero dove le persone vanno in giro a piedi scalzi. Le micosi si trasmettono per contatto con agenti patogeni come quelli che si trovano ad esempio nelle squame cutanee, dove possono sopravvivere giorni e settimane intere. Ecco come evitare una micosi delle unghie:

  • Non camminare a piedi nudi nei luoghi pubblici (saune, piscine, hotel...) .
  • Indossare calzature comode e della giusta taglia in materiale traspirante. Se possibile, cambiare scarpe tutti i giorni per consentire alle singole paia di asciugarsi.
  • Utilizzare calzini in materiali naturali e cambiarli tutti i giorni.
  • Curare regolarmente le unghie

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato il 26.07.2018


Potrebbe interessarti anche: