Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Pelle idratata anche in inverno

La pelle prude, le mani sono screpolate: l’inverno mette a dura prova la nostra pelle e la disidrata. Indossare i guanti, applicare creme idratanti e bere molto possono essere un utile rimedio.

Perché la pelle si disidrata?

La causa principale della disidratazione durante l’inverno è il riscaldamento degli ambienti che sottrae umidità all’aria e di conseguenza anche alla pelle. Poco tempo dopo aver acceso il riscaldamento la pelle inizia a prudere. Generalmente il prurito peggiora intorno a Natale. Con questi sintomi la pelle ci fa capire che è disidratata.

La secchezza peggiora anche lavandosi le mani o facendo spesso la doccia. L’acqua calda danneggia in particolare lo strato protettivo che ricopre l’intera superficie cutanea. Questo strato, che tecnicamente si chiama film idrolipidico, è costituito da acqua, grasso e sostanze idrosolubili. Forma una barriera naturale che protegge la pelle dalla secchezza e impedisce che vi penetrino sostanze estranee. Ha inoltre la funzione di evitare la proliferazione dei batteri sulla cute. Se lo strato protettivo si danneggia la pelle cambia visibilmente aspetto e presenta secchezza e ruvidità, eczema o prurito.

Un ruolo importante per il film protettivo è svolto da particolari proteine presenti nello strato più esterno della cute. Nelle persone che soffrono di neurodermite o tendono ad avere reazioni allergiche la pelle produce le sostanze sbagliate (a causa di una predisposizione genetica).

Anche il contatto con acqua, sostanze chimiche e detergenti disidrata la pelle più rapidamente.

Chi è più soggetto ad avere la pelle secca?

Le più colpite sono le persone anziane e chi soffre di neurodermite e allergie. In età avanzata le ghiandole sebacee secernono una minor quantità di lipidi, vi è un minor ricambio cellulare a livello epidermico e la pelle diventa più sottile e meno idratata, tutti fattori che compromettono l’efficacia della barriera protettiva.

(Continuazione in basso...)

Tutto sulla cura della pelle

Vai al dossier

Quali sono i rimedi contro la pelle secca?

Suggerimenti
  • Una cura quotidiana protegge e rinforza la barriera cutanea e mantiene la pelle in salute.
  • Durante l’inverno sistema nell’ambiente degli umidificatori e/o piante verdi. Per la pelle è ottimale un’umidità dell’aria compresa tra il quaranta e il sessanta percento.
  • In generale il fabbisogno idrico dell’organismo è di 26 millilitri d’acqua per chilo di peso corporeo, che corrispondono a circa 1,6 litri d’acqua al giorno per una persona di 60 chili. Il fabbisogno aumenta ulteriormente se la temperatura è elevata e l’aria asciutta. Che la quantità di acqua è sufficiente lo si capisce dal colore dell’urina, che deve essere di colore chiaro.
  • Se si trascorre molto tempo in ambienti polverosi o umidi è consigliabile indossare i guanti.
  • I diabetici dovrebbero tenere particolarmente sotto controllo la propria pelle. In questi soggetti è più frequente che fessure molto piccole, ad esempio ai piedi, provochino infezioni.

La pelle può essere aiutata agendo sia dall’interno che dall’esterno. Per quanto riguarda l’azione interna un rimedio utile consiste nel bere a sufficienza, in modo da idratare la pelle e renderla più elastica. Anche lo zinco, la vitamina D e le vitamine del gruppo B sono importanti per la salute della pelle, è quindi importante assicurare un apporto sufficiente di vitamine e minerali.

Riguardo all’azione esterna è utile applicare una crema ogni volta che ci si lava le mani o si fa la doccia. Si sono rivelate efficaci le pomate e le creme a base di urea o acido lattico, ma in realtà ognuno deve cercare il rimedio più adatto a sé. Gli oli da bagno aiutano a ripristinare il film idrolipidico.

In caso di screpolature sulle punte delle dita o di mani molto secche è utile applicare una crema, ad esempio a base di vaselina, e indossare guanti di plastica per una ventina di minuti. Così si possono sbrigare le faccende di casa e allo stesso tempo prendersi cura delle proprie mani. Chi vuole sfruttare le ore notturne per curare la propria pelle, può applicarvi una crema prima di coricarsi e indossare guanti di cotone.

Se compare un’infiammazione cutanea è consigliabile rivolgersi al medico. In alcuni casi può essere opportuno applicare una pomata a base di cortisone o, in caso di infezione, un disinfettante o un antibiotico.

di Dr. med. univ. (CZ) Milada Touzil,

pubblicato in data 16.11.2020


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter e vinci un anno di acquisti per fr. 3'000

Vai all'iscrizione
geschenk-icon.jpg