Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Lingua: cosa ci rivela il suo colore

La lingua è un organo complesso che svolge numerosi compiti diversi fra loro. Il colore di questa mobile massa di muscoli fornisce inoltre molte informazioni su possibili patologie.

Dal punto di vista medico la lingua può essere descritta come un apparato muscolare dotato di mobilità e rivestito di mucose. La lingua ci serve per impastare il cibo in bocca e trasportarlo alla faringe, ma anche per distinguere il gusto dolce, salato, acido o amaro.

Naturalmente, la lingua svolge un compito fondamentale anche per la fonazione. Molti suoni infatti non possono essere prodotti senza lingua. Inoltre, questo organo riveste una particolare importanza per i neonati: è grazie alla lingua infatti che nella cavità orale si crea la sottopressione necessaria per poter succhiare al seno della mamma.

Indicazioni sulle patologie

La lingua dispone però anche di altre caratteristiche: il suo colore fornisce per esempio alcune informazioni sullo stato di salute di un individuo. «Normalmente la lingua è pallida, umida, lucida e leggermente ruvida», afferma il Prof. Dr. med. Claudio Storck, direttore sanitario della clinica di otorinolaringoiatria e foniatria dell’ospedale universitario di Basilea. «Le alterazioni del colore possono indicare patologie internistiche, per esempio carenze vitaminiche, scarlattina o malattie polmonari».

Cosa significano i diversi colori

«I morsi sulla lingua sono generalmente innocui»

A chi non è mai capitato di mordersi la lingua mangiando? È una sensazione molto spiacevole. «I morsi sulla lingua sono dolorosi, ma generalmente innocui», rassicura il Prof. Dr. Claudio Storck. Durante gli attacchi epilettici i morsi alla lingua sono frequenti, cosa che potrebbe comportare lesioni più estese. In tali casi Storck consiglia di raffreddare la lingua, per esempio con cubetti di ghiaccio e acqua fredda.

In presenza di una lesione superficiale senza perdita di sangue è il caso di effettuare sciacqui o gargarismi con tè alla salvia o camomilla per prevenire un’infezione.

In caso di emorragia continua bisogna invece rivolgersi a uno specialista. La terapia consiste poi nel fermare il sanguinamento ed eventualmente mettere dei punti sulla lingua. Secondo Strock dovrebbe consultare un medico anche chi si morde spesso la lingua.

Sulla lingua può comparire una patina bianca, gialla, rossa, verde scuro, marrone o anche nera.

  • Una lingua di colore rosso acceso («lingua lampone») è per esempio un tipico sintomo della scarlattina.
  • Una patina gialla può essere ricondotta a diverse cause, come una scarsa igiene orale, una cattiva alimentazione o troppe sigarette. Potrebbe tuttavia indicare anche un’infezione micotica o una gastrite.
  • Un colore marrone è spesso legato a disturbi intestinali, eventualmente a una sofferenza renale (se la lingua è anche gonfia). L’aspetto marroncino può anche essere causato da determinati alimenti o generi voluttuari nocivi.
  • Una patina grigiastra indica una possibile carenza di ferro o anemia.
  • Come effetto collaterale di un trattamento antibiotico la lingua può poi diventare nera. Si parla anche di lingua villosa, perché si presenta come se avesse dei peli. Di fronte a una lingua nera non sono da escludere tuttavia anche patologie gravi.
  • Una patina biancastra potrebbe essere sintomo di una patologia infettiva (candidosi).
  • Dietro a solchi e fessure sulla lingua potrebbe esserci una malattia intestinale.

Una lingua nera e villosa potrebbe causare un grande spavento a molti. Si tratta per fortuna di un fenomeno innocuo. Lo stesso vale per la cosiddetta lingua a carta geografica, che presenta un’inusuale colorazione.

La diagnosi medica basata sulla lingua ha una tradizione antichissima nella medicina cinese. A essere presa in esame non è solo la colorazione, ma anche la forma e la patina. Anche il lato inferiore della lingua viene sottoposto a un attento controllo per poter avere un riscontro sulla circolazione sanguigna nel corpo.

Quando è il caso di un consulto medico?

Le alterazioni cromatiche di breve durata sono innocue. «È tuttavia il caso di consultare uno specialista in presenza di un cambiamento del colore che persista per vari giorni, così come in caso di alterazioni della superficie, bocca che brucia o indurimenti, gonfiori, ulcere (formazione di piccole piaghe) o sensazione di corpi estranei», raccomanda Storck. Bisogna inoltre ricorrere a un medico se con l’età si soffre di alterazione del gusto: si tratta spesso del primo sintomo di una patologia neurologica.

Prendersi cura della lingua

Questo prodotto non è attualmente disponibile

Questo prodotto non è attualmente disponibile

Last but not least: la superficie ruvida della lingua è l’habitat ideale per batteri e funghi. Il miglior rimedio è prendersi cura della lingua. «Quando ci si lava i denti bisogna spazzolare delicatamente anche la superficie della lingua. Di norma è sufficiente e più efficace dei nettalingua», aggiunge il Prof. Storck.

di Markus Sutter,

pubblicato il 27.06.2018


Potrebbe interessarti anche: