Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Vie d'uscita dalla solitudine nella vecchiaia

Solitudine e fragilità in un ambiente abitativo anonimo? Non è una bella prospettiva. Le persone anziane devono quindi considerare per tempo l'eventualità di vivere in solitudine.

Quando Susanna Leder si trasferì nella residenza Kanzlei-Seen stava ancora lavorando. «Stavo per andare in pensione e cercavo una soluzione di vita comunitaria» afferma la 71enne che è vedova da molti anni. L'edificio a Winterthur è stato costruito dieci anni fa dalla cooperativa edilizia Gesewo per il cosiddetto cluster living: offre 16 piccoli appartamenti, tutti con una piccola cucina e un bagno privato. Inoltre ci sono ambienti comuni come una cucina spaziosa, un soggiorno e numerose nicchie con utensili che possono essere utilizzati da tutti: stampante, asse da stiro, macchina da cucire e accessori per la pulizia.

I quattro uomini e le dodici donne della comunità domestica hanno un'età compresa tra i 53 e gli 83 anni. Una volta al mese viene svolta una riunione domestica con una cena comune. Prima della pandemia, qualcuno proponeva regolarmente di cucinare e altri si univano, racconta Susanna Leder. Nel frattempo, le cose si sono un po' calmate. Se un appartamento si libera, la comunità domestica stessa può decidere sui nuovi inquilini. «Ci vuole un po' di tolleranza e generosità» sottolinea Susanna. «Non tutti sono adatti a questo tipo di alloggi.» Spesso ci sono discussioni riguardo, ad esempio, all'ordine in cucina o alla posizione dello stendino. «Spesso sono le cose banali a causare le maggiori discussioni.»

(Continuazione in basso...)

Incontri spontanei a casa

Naturalmente non tutti i coinquilini sono i migliori amici, ammette Susanna. Con alcune persone ha contatti frequenti, con altre pochi contatti.  Il grado di integrazione nella comunità dipende da ciascun individuo. Quando qualcuno è malato, gli altri si occupano del malato e fanno, ad esempio, la spesa per la persona malata. L'assistenza a lungo termine invece deve essere organizzata in modo diverso. Per Susanna Leder, gli incontri spontanei nella vita quotidiana sono molto preziosi. «Qui ho l'opportunità di intrattenere brevi conversazioni senza dover sempre dare un appuntamento».

Le comunità domestiche per anziani non sono ancora molto diffuse. Una difficoltà è rappresentata dal fatto che la maggior parte degli edifici residenziali esistenti non è adatta a tal fine. Molte persone anziane non prendono più in considerazione appartamenti comuni in cui condividono un bagno e una cucina. E gli appartamenti a cluster come quelli di Kanzlei-Seen non sono accessibili a tutti.

Tuttavia, i single dovrebbero iniziare a pensare a come vogliono trascorrere la loro terza età. Perché se sei vedova, i figli vivono lontano, le amiche e gli amici vengono a mancare e tu stessa non godi di buona salute diventa difficile mantenere contatti regolari con altre persone. Anche molti giovani soffrono di solitudine. Ma ne soffrono anche le persone anziane che prima erano ben integrate a livello sociale.

L'isolamento contribuisce alla malattia

La solitudine può avere conseguenze di vasta portata. Secondo studi scientifici, la solitudine può causare problemi di salute gravi almeno quanto il fumo e l'obesità: le persone sole soffrono più spesso di mal di schiena, malattie cardiovascolari, disturbi del sonno e depressione − e si tolgono più spesso la vita. Le donne hanno solitamente più amicizie rispetto agli uomini, afferma Oliver Hämmig. Lo scienziato sociale e sanitario dell'Università di Zurigo ha pubblicato diversi lavori sul tema della solitudine e dell'isolamento sociale. «Ma le donne soffrono di più le separazioni difficili o i conflitti con persone vicine e si sentono sole più spesso degli uomini» spiega il ricercatore. Gli uomini invece sono spesso fortemente concentrati sulla loro partner. Se la perdono in seguito a una separazione, a divorzio o decesso è ancora più probabile che si sentano soli e isolati.

Anche se la solitudine è un problema molto diffuso − più di un terzo della popolazione svizzera si sente a volte o spesso sola − l'argomento costituisce frequentemente un tabù e poco viene scritto o analizzato al riguardo, evidenzia Oliver Hämmig. Questo rende difficile alle persone colpite cercare aiuto. «Molti si vergognano della propria situazione.» Sussistono invece numerose opportunità per gli anziani di entrare in contatto con gli altri.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Fare insieme passeggiate o ginnastica e dialogare

Nel Canton Zurigo, ad esempio, l'associazione «Zämegolaufe» offre brevi passeggiate in svariati Comuni, adatte anche a persone che non riuscirebbero a tenere il passo in gruppi escursionistici. Dopo la camminata si va a bere qualcosa insieme. «Le passeggiate si sono dimostrate particolarmente efficaci durante la pandemia poiché favoriscono l'interazione sociale nella natura» spiega Manuela Kobelt, Responsabile del programma di prevenzione e promozione della salute del Canton Zurigo. Il programma sviluppato all'Università di Zurigo sarà ora esteso ad altri Cantoni. Anche il Café Balance, gestito in 11 Comuni zurighesi è un servizio molto apprezzato. Dopo le lezioni di ginnastica dove vengono allenate la forza, la coordinazione e la forma mentale ci si ritrova a sorseggiare un buon caffè.

Anche in altri Cantoni vengono offerte numerose attività per le persone anziane: escursioni, ballo, ginnastica o imparare cose nuove. Anche il volontariato è un buon modo per tenersi occupati in modo utile e rimanere in contatto con la gente. A seconda della propria inclinazione si cercano persone per portare un po' di varietà nelle case di cura, per prestare aiuto in negozi di seconda mano, per esercitarsi con qualcuno in vista dell'esame di guida o per aiutare una persona non vedente a fare la spesa. Nell'organizzazione Benevol, tutti trovano praticamente un compito idoneo da svolgere.

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 02.12.2021

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche:

Approfitta del 20% sull'assortimento You fino al 24 gennaio

Vai a You
1030.044.22.png