Viaggio all’interno dell’uovo

L’interno di un uovo riserva sorprese: la sua semplicità esteriore nasconde origini complesse.

Una gallina produce 300 uova all’anno: un processo complesso, che esaurisce l’animale. Dopo un anno, la produzione cala rapidamente e la gallina diventa carne da brodo. Ma come nasce un uovo?

Pronto in 24 ore

Ogni giorno, nelle ovaie di una gallina matura un ovulo di circa tre centimetri: il tuorlo. Questa pallina gialla inizia il suo viaggio rotolando attraverso la tuba, lungo la quale viene avvolta da quattro strati di albume secreto da ghiandole.

Il guscio, prodotto da altre ghiandole, comincia a formarsi dopo circa quattro ore. L’intero processo dura circa 20 ore.

Protezione ottimale

freilandhuehner.jpg

La struttura a più strati delle uova ha la funzione di proteggere il tuorlo e garantire che riceva tutte le sostanze necessarie. Il guscio di 0,4 millimetri offre una protezione meccanica. Migliaia di pori garantiscono lo scambio gassoso. L’albume filamentoso all’interno del guscio impedisce l’evaporazione dell’acqua.

Inoltre, contiene proteine per l’alimentazione del tuorlo e attutisce gli urti. Due cosiddette calaze, collegate al più interno dei quattro strati di albume, mantengono il tuorlo in posizione centrale.

Il tuorlo è molto nutriente. I carotenoidi, responsabili della colorazione gialla, prevengono il rischio di reazioni chimiche dannose.

Il disco germinativo, che si presenta come una macchia biancastra sul tuorlo, contiene il nucleo dell’ovulo. Nelle galline da allevamento industriale rimane non fecondato. La bolla d’aria permette al pulcino di respirare prima della schiusa.

Assolutamente sano

Tuorlo e albume contengono proteine, che il nostro corpo assimila più facilmente rispetto a quelle presenti in altri alimenti. Inoltre, il tuorlo è ricco di grassi, tra cui il colesterolo, sostanza che per un certo periodo di tempo ha creato allarme: si riteneva infatti che consumare più di due – tre uova alla settimana potesse causare un eccesso di colesterolo, con conseguente intasamento delle arterie e possibilità di infarto.

Ormai nessuno prende più sul serio questi avvertimenti. In ogni caso, è da tempo che gli esperti statunitensi non mettono più in guardia da un consumo eccessivo di uova. Hanno infatti concluso che il fisico stesso produce molto più colesterolo di quanto ne introduca con l’alimentazione. Inoltre, le uova contengono molte vitamine e micronutrienti.

Pubblicato il 27.02.2017


Potrebbe interessarti anche: