Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Tutto ciò che dovete sapere sulla vitamina B12

B12 è di vitale importanza per la divisione cellulare, i processi di formazione dei globuli rossi e delle cellule del sistema nervoso. Ed ecco dove si trova.

A cosa ci serve

La vitamina B12 (detta anche Cobalamina) è di vitale importanza per la divisione delle cellule, i processi di formazione dei globuli rossi (eritrociti) e il funzionamento del sistema nervoso. Non essendo il corpo umano in grado di sintetizzare da solo questa vitamina, è necessaria un'assunzione sufficiente.

Dove si trova?

La vitamina B12 è presente soprattutto negli alimenti animali come la carne (in particolare il fegato), il pesce, il latte e le uova. La vitamina può essere contenuta in dosi minime anche in prodotti vegetali, come ad esempio i crauti.

Fabbisogno giornaliero e come coprirlo

Fabbisogno giornaliero
  • Gli adolescenti dai 15 anni d’età e gli adulti: circa 3 microgrammi
  • Gestanti: 3,5 microgrammi
  • Madri allattanti: 4 microgrammi

Chi mangia pesce una o due volte la settimana e mangia – moderatamente – carne di alta qualità, ogni tanto un uovo a colazione e giornalmente latticini, copre questo fabbisogno senza alcun problema.

Normalmente il corpo umano immagazzina circa da 2 fino a 5 milligrammi di vitamina B12, di cui il 60 percento nel fegato e circa il 30 percento nei muscoli. Ammontando il fabbisogno giornaliero a circa 3 microgrammi, con un apporto ininterrotto questa scorta di vitamina basterebbe per circa tre anni. Di conseguenza una carenza si sviluppa soltanto dopo anni di apporto ridotto.

Generi alimentari contenenti tanta vitamina B12

rindsleber.jpg
rindsleber.jpg

Fegato di manzo: 65,0 μg/100g (2167 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Fegato di vitello​​​​​​​: 60,0 μg/100g (2000 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Fegato di agnello​​​​​​​: 35,0 μg/100g (1169 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

kaviar.jpg
kaviar.jpg

Caviale: 16,0 μg/100g (533 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

austern.jpg
austern.jpg

Ostriche: 14,5 μg/100g (483 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

kaninchen.jpg
kaninchen.jpg

Coniglio: 10,0 μg/100g (333 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

makrele.jpg
makrele.jpg

Sgombro: 9,0 μg/100g (300 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Aringa​​​​​​​: 8,5 μg/100g (283 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

miesmuscheln.jpg
miesmuscheln.jpg

Cozze: 8,5 μg/100g (283 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

mariniertes-fleisch.jpg
mariniertes-fleisch.jpg

Carne di manzo magra: 5,0 μg/100g (167 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Cinghiale​​​​​​​: 5,0 μg/100g (167 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

forelle.jpg
forelle.jpg

Trota: 4,5 μg/100g (150 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Tonno​​​​​​​: 4,3 μg/100g (143 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

gans.jpg
gans.jpg

Oca: 4,0 μg/100g (133 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

rotbarsch.jpg
rotbarsch.jpg

Scorfano: 3,8 μg/100g (126 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Merluzzo carbonaro​​​​​​​: 3,5 μg/100g (116 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

milchprodukte.jpg
milchprodukte.jpg

Camembert: 3,1 μg/100g (103 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Emmental: 3,1 μg/100g (103 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

lamm.jpg
lamm.jpg

Agnello: 3,0 μg/100g (100 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Anatra, petto​​​​​​​: 3,0 μg/100g (100 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Uovo​​​​​​​: 1,9 μg/100g (63 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Fegato di manzo: 65,0 μg/100g (2167 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Fegato di vitello​​​​​​​: 60,0 μg/100g (2000 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Fegato di agnello​​​​​​​: 35,0 μg/100g (1169 % del fabbisogno giornaliero consigliato B12 di un adulto)

Cosa accade in caso di carenza

In generale una carenza di vitamina B12 è riconducibile a un'assunzione insufficiente, sia per via dell'apporto insufficiente attraverso il cibo (in particolare nei vegani), o perché la vitamina B apportata con il cibo non è sufficientemente assimilata.

L'assunzione e l'assimilazione di B12 nell'intestino sono molto complesse. Per potere arrivare nel sangue, la vitamina deve prima unirsi a una proteina prodotta nello stomaco, il cosiddetto fattore intrinseco. Una carenza di fattore intrinseco è una delle cause più frequenti che conducono a una carenza di vitamina B12.

La carenza danneggia anche i nervi

Ad essere interessati da una carenza di vitamina B12 non sono soltanto il sangue e il tratto gastrointestinale, ma anche il sistema nervoso. Per quanto concerne il sangue si devono menzionare l'anemia e una leggera epatite. Nel tratto gastrointestinale è inibita la crescita delle cellule della mucosa. Sopravviene un’infiammazione della lingua, che è arrossata e brucia (glossite di Hunter). I sintomi possono essere inappetenza, leggera perdita di peso nonché eventualmente diarrea.

Nel sistema nervoso ad essere danneggiata è guaina mielinica delle cellule nervose importante per la velocità degli impulsi nervosi (la cosiddetta mielina, l'«isolamento» dei nervi). Successivamente anche le cellule nervose vengono danneggiate e distrutte. Questo stato è irreversibile. Ad essere colpiti sono prevalentemente i nervi periferici (ubicati fuori del cervello e del midollo spinale), il midollo spinale e il cervello. I primissimi segni sono il formicolio nelle gambe, la debolezza e il disturbo dell'andatura (la cosiddetta mielosi funicolare). In occasione di una visita medica si possono riscontrare un senso di vibrazione e di posizione nonché riflessi propriocettivi di muscoli attenuati.

Sostituto della vitamina B12 per i vegani

Poiché l'assunzione della vitamina B12 presuppone un'anatomia normale dello stomaco e dell'intestino tenue, i pazienti sofferenti di disturbi in questo ambito possono, ad esempio dopo operazioni, sviluppare delle carenze. Dopo che la causa è stata trovata e, se possibile, curata, la vitamina B12 deve essere integrata. Se la causa è riconducibile a una carenza del fattore intrinseco, la terapia consiste di consueto in una cura di iniezioni nel muscolo superiore del braccio. I vegani possono prevenire una carenza assumendo giornalmente delle compresse, che contengono 2 microgrammi di vitamina B12. I migliori risultati si ottengono quando una carenza è diagnosticata il prima possibile.

Pubblicato il 27.02.2017,

di Dr. med. Hans-Eric Usher


Potrebbe interessarti anche: