Tutti in slitta

Un tempo simbolo di prestigio per benestanti, la slitta oggi è un oggetto quotidiano. Ti presentiamo alcune piste particolari nelle quattro regioni del paese.

In origine la slitta era un mezzo di trasporto invernale; nel XV secolo divenne invece un simbolo di prestigio: chi era sufficientemente benestante comprava una slitta trainata da cavalli come status symbol e per puro diletto. I proprietari pensavano che quanto più splendide fossero le decorazioni, tanto più alto sarebbe stato il loro prestigio e perciò vi facevano scolpire ad esempio teste di leone, tigre e orso.

La splendida slitta della zarina

Molto probabilmente Caterina la Grande, che nella seconda metà del XVIII secolo regnò come zarina in Russia per più di 30 anni, detiene il primato per la slitta più bella: ne fece costruire una per viaggiare attraverso il suo vasto impero che aveva addirittura diverse camere.

«Slitta di Davos» & co.

Fin dal primo boom delle slitte per le classi abbienti nel XV secolo, sono stati sviluppati diversi modelli, ora alla portata di tutti.

Uno dei tipi più diffusi al mondo è la cosiddetta «slitta di Davos». Fu proprio in questo paesino di montagna a svolgersi nel 1883 la prima gara ufficiale di slittino. La pista andava da Davos Wolfgang a Klosters. In precedenza, a rendere popolari le slitte erano stati i villeggianti di St. Moritz.

Altrettanto diffusi sono i bob per bambini, senza pattini come i toboga nordamericani, ma di un altro materiale. Anche ciambelle e altri mezzi per scivolare si sono fatti strada in questo segmento del divertimento invernale.

Divertimento su slitta per tutti

Oggi la slitta è un’attività di svago alla portata di tutti, dalle famiglie con bambini fino agli sportivi professionisti. L’aria fresca e il movimento all’aperto rendono questa attività anche salutare. Abbiamo preparato una raccolta di piste per slitte, perfette sia per appassionati della velocità sia per piloti più calmi. Così non ci saranno più scuse per non fare una gita sulla neve!

schlitteln-berguen
schlitteln-berguen

Ripida per coraggiosi: Darlux-Bergün

La pista per slittino di Darlux-Bergün è caratterizzata da una discesa ripida e difficile con curve strette. I numerosi saliscendi assicurano un percorso avventuroso e veloce per i più esperti. La seggiovia porta fino alla stazione sciistica di Darlux, al ristorante La Diala. Da lì con la slitta si scende fino a valle, lungo una pista di 4 km e 600 m di dislivello.

Partenza: stazione intermedia del comprensorio di Darlux (1974 m s.l.m.) Arrivo: Bergün. Le slitte possono essere noleggiate.


schlitteln-melchsee-frutt.jpg
schlitteln-melchsee-frutt.jpg

Impegnativa per i più resistenti: da Melchsee-Frutt a Stöckalp

Con i suoi 8 km, è considerata una delle piste più lunghe della Svizzera centrale. Il percorso di media difficoltà attraversa il paesaggio invernale dalla zona chiusa al traffico di Melchsee-Frutt a Stöckalp. Questo viaggio ad alta velocità da 840 m di dislivello dura circa 30 minuti di curve larghe e strette. Il punto di partenza si raggiunge con la funivia. È possibile rifocillarsi presso i punti di ristoro sia prima che dopo la discesa. Le slitte possono essere noleggiate.

Partenza: Melchsee-Frutt (1920 m s.l.m.) Arrivo: Stöckalp (1080 m s.l.m.).

les-diablerets.jpg
les-diablerets.jpg

Piacevole per amanti del paesaggio: Les Diablerets

La discesa di 45 minuti sulla pista di slittino lungo una forestale porta da Les Diablerets in paese, attraversando un romantico paesaggio boschivo. Questa pista di media difficoltà, lunga 7,2 km e con un dislivello di 566 m, offre anche interessanti scorci a chi desidera ammirare il paesaggio a ritmi più rilassati. Il punto di partenza è raggiungibile in seggiovia. È possibile noleggiare le slitte e fermarsi ai punti di ristoro sia all’arrivo sia alla partenza. È prevista inoltre l’illuminazione serale.

Partenza: Les Mazots (1717 m s.l.m.) Arrivo: Les Diablerets (1151 m s.l.m.)

 

schlitteln-leontica.jpg
schlitteln-leontica.jpg

Al sud per esteti: Leontica / Alpe di Nara

Il Ticino meridionale per molti non è la prima scelta per gli sport invernali. Le piste da sci e slittino della regione vengono innevate artificialmente. La discesa di media difficoltà, lunga 5 km, dall’Alpe di Nara a Cancori supera un dislivello di 480 m attraverso il bosco e gli splendidi scorci. Se le condizioni della neve sono buone si può proseguire per altri 5 km fino a Leontica. Possibilità di ristoro lungo il percorso e all’arrivo. Si raggiunge prima Cancori in seggiovia, dove un secondo impianto porta i visitatori fino alla partenza. Le slitte possono essere noleggiate sul posto. 


Partenza: Alpe di Nara (1940 m s.l.m.) Arrivo: Cancori (1460 m s.l.m.)


Ripida per coraggiosi: Darlux-Bergün

La pista per slittino di Darlux-Bergün è caratterizzata da una discesa ripida e difficile con curve strette. I numerosi saliscendi assicurano un percorso avventuroso e veloce per i più esperti. La seggiovia porta fino alla stazione sciistica di Darlux, al ristorante La Diala. Da lì con la slitta si scende fino a valle, lungo una pista di 4 km e 600 m di dislivello.

Partenza: stazione intermedia del comprensorio di Darlux (1974 m s.l.m.) Arrivo: Bergün. Le slitte possono essere noleggiate.


di Silvia Schütz


Potrebbe interessarti anche: