Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Capanne del CAS: Lavoro da sogno a 2'300 metri

Godersi l'aria di montagna, accogliere gli ospiti, gestire una capanna del CAS: un sogno per molti. In visita alla capanna Silvretta sopra Klosters dove, durante un relativo corso, scopri la vita quotidiana della capanna che a volte può essere dura.

La capanna Silvretta, in posizione dominante a 600 metri sopra l'Alp Sardasca nella Prettigovia grigionese, è avvolta dalla nebbia. Sta piovigginando. Quassù non si percepisce il caldo estivo nella valle.

Davanti alla capanna c'è un sacco di movimento. Tre donne stanno lavorando fuori. La prima spacca la legna, la seconda la porta via con una carriola, la terza la impila. Frequentano il corso di quest'anno per gestori di capanna. In tre giorni, 18 donne e uomini imparano dal gestore della capanna Marco Brot e dai Responsabili del corso Martin Imhof e David-André Beeler cosa significa gestire una capanna del CAS.

Marco Brot
Questo lavoro non ha nulla a che fare con il romanticismo montano e l'idilliaca vita alpina.
Marco Brot, Silvretta-Hüttenwart

Il cinquantenne grigionese Marco Brot, slanciato e abbronzato, sta trascorrendo la sua sesta stagione estiva alla capanna Silvretta. Gli sta a cuore preparare adeguatamente le candidate e i candidati alla vera vita quotidiana alpina.

Lavorare 16 ore al giorno

«Le giornate di lavoro possono durare fino a 16 ore» sottolinea Marco. Quando gli ospiti partono in presenza di condizioni perfette per fare un'arrampicata o un'escursione sul ghiacciaio, il gestore della capanna rimane a casa. «Fare i letti, pulire, riordinare, cucinare e prendersi cura degli ospiti.» Ogni giorno, durante l'intera stagione. Il gestore della capanna deve essere capace di rapportarsi alle persone. «Alcuni vogliono partire, in presenza di condizioni meteorologiche avverse, con calzature inadeguate. Il nostro compito è quello di informare queste persone sui possibili pericoli. A volte ci vuole un pizzico di sensibilità al riguardo.»

Nonostante la dura vita quotidiana, il corso annuale per diventare gestore di capanna è molto richiesto. Ogni anno, numerosi interessati non vengono ammessi essendo i posti esauriti - e probabilmente sarà così anche nel 2022. A causa del numero limitato di capanne alpine viene organizzato solo un corso all'anno. 

(Continuazione in basso...)

Studiare i contratti di locazione

Anche per Katrin Sager (29 anni) era un sogno a lungo inseguito quello di partecipare a questo corso. La ragazza originaria del Canton Appenzello, minuta, con i capelli lunghi sta sulla terrazza prima di cena e osserva le montagne coperte di nuvole. Oggi non ha tagliato la legna ma ha imparato tutto sui contratti di locazione. Sottolinea: «Sono qui perché un giorno vorrei anch'io gestire una capanna.» Katrin è infermiera diplomata e formatrice professionale. Lavora presso la Clinica Paracelso di Teufen (AR) e trascorre «tutto il suo tempo libero nella natura». Quasi ogni estate prende tre-quattro mesi di ferie non retribuite per lavorare in una capanna. «Un equilibrio perfetto. In ospedale devo pensare molto, trascorro tanto tempo al chiuso.» In montagna si gode la natura e si ossigena. «Per me, questo non è un secondo lavoro ma piuttosto un hobby con cui posso ancora guadagnare un po' di soldi. È un privilegio poter lavorare dove sono felice».

Katrin sa che il lavoro di gestrice di capanna le richiederà ancora più impegno. «Sarà sicuramente più dura che dare semplicemente una mano in una capanna.» Ma Katrin ha bisogno di una sfida fisica e di una responsabilità aggiuntiva. «Alla sera so cosa ho fatto. Penso che sia un lavoro molto positivo e vario finché continuerò a svolgerlo con passione e divertimento.»

Natascha Licinar
La vita quotidiana quassù è più dura rispetto al mio lavoro d'ufficio. Ma mi piace l'atmosfera.
Natascha Licinar, Kursteilnehmerin aus St. Gallen

La gestione del tempo è fondamentale

Alle 18.30, alcuni dei partecipanti al corso servono la cena. Zuppa di cavolo blu, seguita da fusilli con salsa napoletana fatta in casa e una Creme Helene per dessert. Siccome la squadra non ha saputo gestire la tempistica la zuppa non era cotta e troppo liquida in confronto a quella che di solito cucina il Responsabile della capanna Marco Brot. Il commento il giorno seguente durante il debriefing: «La gestione del tempo è fondamentale quando si cucina per così tante persone. Se si inizia troppo tardi non si recupera più.»

I partecipanti al corso di gestore di capanna sono molti diversi. Medico, falegname, casaro, insegnante. 15 donne e 3 uomini. Già da qualche anno, il numero delle donne supera quello degli uomini, come spiega il Responsabile del corso Martin Imhof (57). «Un numero sempre maggiore di donne si pone come sfida la gestione di una capanna.» Affinché tutti i partecipanti sappiano in anticipo cosa li aspetta, da cinque anni è obbligatorio svolgere due incarichi pratici di due settimane in una capanna del CAS sono stati obbligatori per poter partecipare al corso. Troppo spesso, i partecipanti avevano abbandonato a metà del corso perché erano rimasti sorpresi dalla dura vita quotidiana nella capanna. Il corso mira a sensibilizzare, a interconnettere e a disilludere gli interessati. «Alcuni sono rimasti sorpresi dal fatto che un gestore di capanna lavora ininterrottamente, anche quando dorme. Non volevamo che queste persone rubassero il posto a chi era veramente interessato» aggiunge Martin Imhof. Solo un terzo finirà per gestire, un giorno, una capanna.

Anche Natascha Licinar ha vissuto un'«esperienza dura» al capanna Wildhorn. La ventitreenne sangallese si reca in cucina alla mattina presto per tagliare il pane e preparare il caffè. Natascha ha studiato geografia e scienze ambientali. «Sapevo che la vita quotidiana del gestore di capanna sarebbe stata più dura rispetto al mio lavoro d'ufficio. Nella pratica mi sono poi resa conto che richiede un grande sforzo fisico. Avevo i calli sulle mani per tutte le pulizie». Ma l'atmosfera della capanna del CAS l'ha affascinata.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Atmosfera rilassata

Tutto sul corso

Il corso annuale per gestore di capanna è offerto dal Club Alpino Svizzero e dall'associazione Capanne svizzere. Il corso è diviso in cinque moduli di tre giorni ciascuno. Le sette tematiche del corso riflettono il variegato lavoro in una capanna. Quattro moduli si svolgono presso la Scuola alberghiera di Thun (BE) e un modulo presso la capanna Silvretta. 15 giornate di corso costano 4'000 franchi. Il corso non è obbligatorio per poter gestire una capanna del CAS ma oggi è richiesto da molte delle 111 sezioni del CAS che assegnano le capanne.

Informazioni: sac-cas.ch (tedesco)

«Amo stare in montagna, amo il cibo semplice ma gustoso e l'intimità che emanano queste capanne» afferma Natascha. «L'atmosfera rilassata avvicina gli ospiti e nascono tante conversazioni interessanti.» Frequentando il corso, Natascha vuole acquisire una prima impressione. Immergersi nella vita quotidiana della capanna. «Avendo lavorato spesso nel campo della ristorazione volevo scoprire come funziona tutto qui.» Il corso le offre un'ottima panoramica.

«Mi piacerebbe gestire, un giorno, una capanna con la squadra giusta» - sebbene sappia quanto sia difficile riuscire a ottenerne la gestione. Su 153 capanne CAS, solo una manciata viene offerta in locazione ogni anno. «A mio avviso, le capanne andrebbero offerte in locazione ogni cinque anni.» Così facendo, più persone avrebbero la possibilità di gestirne una.»

Corso di gestore di capanna

Lavoro duro: nel corso di gestore di capanna, i partecipanti devono rimboccarsi le maniche per sperimentare la vita quotidiana in una capanna.

holz-sagen.jpg
holz-sagen.jpg

Davanti alla capanna, i futuri gestori tagliano la legna...

holz-spalten.jpg
holz-spalten.jpg

holzscheite-transportieren.jpg
holzscheite-transportieren.jpg

… e la spostano.

huettenkueche.jpg
huettenkueche.jpg

Hanno iniziato troppo tardi: la squadra in cucina non ha saputo gestire la tempistica...

abendessen.jpg
abendessen.jpg

... e deve servire una zuppa troppo liquida.

teilnehmerin-beim-yoga.jpg
teilnehmerin-beim-yoga.jpg

Ci vuole anche un po' di relax: un partecipante fa yoga davanti alla capanna.

katrin-sager.jpg
katrin-sager.jpg

La partecipante Katrin Sager (29 anni) desidera gestire presto la sua capanna CAS.

etienne-bischoff.jpg
etienne-bischoff.jpg

Il partecipante Etienne Bischoff (53) sta cercando una capanna del CAS adatta per sé e sua moglie.

natascha-licinar2.jpg
natascha-licinar2.jpg

Alla partecipante Natascha Licinard (32 anni) piacerebbe gestire una capanna insieme a una sua amica.

holz-aufladen.jpg
holz-aufladen.jpg

Le partecipanti durante il taglio della legna.

silvrettahuette.jpg
silvrettahuette.jpg

La capanna Silvretta a 2'341 m s.l.m. a est di Klosters

huettenunterricht.jpg
huettenunterricht.jpg

Marco Brot insegna come gestire una capanna.

Foto: Gian Ehrenzeller

di Manuela Enggist,

pubblicato in data 25.08.2021, modificato in data 30.08.2021


Potrebbe interessarti anche:

Dimagrire, ritrovare la forma, vivere più sani? Avvia ora un programma e vinci

Comincia ora