Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Alla sua prima mezza maratona la veterinaria Alina stupisce tutti

L’atleta dilettante Alina di Zurigo è riuscita a completare la prima mezza maratona della sua vita – e come! Anche il coach e medaglia d’argento alle Olimpiadi Markus Ryffel rimane senza parole quando la sua protetta taglia il traguardo.

Come combatti la tua pigrizia?

Torna alla valutazione
Torna alla domanda

Come combatti la tua pigrizia? ( Partecipante)

%
%
%
%

Ce l’ha fatta! Esausta, ma felicissima, Alina (24 anni) di Zurigo il 
18 settembre taglia il traguardo della Greifenseelauf. Con un tempo di 1:35.55, la neofita della mezza maratona ha completato i 17,9 chilometri della popolare gara podistica (che è leggermente inferiore alla lunghezza classica di 21 km) così velocemente, che anche il coach Markus Ryffel, professionista della corsa ed esperto di lunga data di SportXX Ryffel Running, ne è rimasto profondamente impressionato. «Penso che dovrò riscrivere completamente la teoria della preparazione e della competizione», afferma nel video qui sopra. Qui si può vedere com’è andata anche la giornata in cui Alina ha disputato la gara. 

La giornata è iniziata molto presto per l’atleta dilettante, con la colazione alle 5 del mattino. Un orario molto insolito per la veterinaria, che spesso fa i turni di notte e quindi inizia la giornata piuttosto tardi. «Non ho dormito molto – ero nervosa», spiega Alina prima della gara. Ha scelto il porridge con yogurt e frutti di bosco. È molto importante che il pasto prima di una gara non venga assunto troppo a ridosso dell’inizio – da tre a quattro ore prima è l’ideale, in modo che il cibo non si trasformi in un mattone sullo stomaco. Anche la pasta, il riso o le patate sono adatti per fare il pieno di carboidrati e di energia.

Su questo punto gioca un ruolo importante anche il bere, infatti è meglio riempire le proprie riserve con acqua o tè non zuccherato. Durante la corsa, l’assunzione di liquidi dovrebbe avvenire solo a sorsi regolari per impedirne una spiacevole oscillazione nello stomaco e prevenire eventuali soste in bagno. Anche il destrosio può essere utile subito prima della gara.

L’ultima assunzione di cibo completa il puzzle dell’impegnativa preparazione generale di Alina per il suo grande obiettivo. L’atleta zurighese (allenamento della forza, jogging, nuoto, ciclismo) ha ricevuto un equipaggiamento per il running perfetto, compresa l’analisi 3D del piede e della corsa di SportXX, un piano di allenamento messo a punto dal runner professionista Markus Ryffel di SportXX Ryffel Running, sessioni di allenamento personalizzate con particolare attenzione sulla corsa presso Migros Fitness e una valutazione della forma fisica nell’ambito di una diagnostica delle prestazioni presso il fornitore di servizi medici e terapeutici Medbase.

Nervosa prima della partenza, sollevata al traguardo

Nonostante questa meticolosa preparazione, il nervosismo prima della partenza a Uster ZH continua a crescere. Un buon segno, dice Markus Ryffel. «Questo dimostra che sei pronta. Proprio come negli esami di veterinaria, che hai superato a pieni voti, riuscirai bene anche nell’esame di oggi», la incoraggia.

Alina ha fatto grandi progressi durante l’allenamento ed è decisamente migliorata, soprattutto in termini di resistenza, così la elogia la medaglia d’argento alle Olimpiadi del 1984 a Los Angeles. «All’inizio di questa settimana ha anche svolto una buona sessione di allenamento finale, 3 x 4 chilometri – e poi si è riposata per qualche giorno, altra cosa che va assolutamente bene. Inoltre, oggi le condizioni meteorologiche sono perfette. Questo non può che essere un bene!».

Dopo un riscaldamento adeguato, siamo partiti alle 9:00 in punto. Alina inizia subito a correre con scioltezza, ma con sua stessa sorpresa si ritrova a impostare un ritmo superiore a quello discusso con il coach Ryffel. Come si è sentita durante la gara? «Durante la prima metà ho pensato: ce la farò con il mio ritmo?», spiega Alina.

Ma queste lievi riserve iniziali si sono poi rivelate infondate. «Che dire, sono semplicemente entrata nel flow! E al chilometro 12 sono anche riuscita a tirare un po’ di più». Solo negli ultimi due chilometri ha dovuto stringere un poco i denti, ammette Alina. «L’incoraggiamento degli spettatori prima del traguardo mi ha dato una vera e propria spinta». 

Essere arrivata al traguardo nonostante il rischio corso è stato un enorme sollievo, ha detto Alina dopo la gara. Afferma di essere molto soddisfatta e si concede una barretta e una bevanda proteica. «Durante la corsa ho capito che potevo contare sui risultati dell’allenamento degli ultimi mesi. Tutta la fatica è stata ripagata in pieno». 

(Continua sotto...)

Inoltre: L'equipaggiamento del corridore

La veterinaria guarda indietro a questa fase con la dovuta dose di soddisfazione. «Anche prima di questi 90 giorni ero convinta che avrei potuto tagliare il traguardo della Greifenseelauf», dice. «Ma non in un tempo così rapido!» L’allenamento con il coach Markus Ryffel l’ha aiutata enormemente. «Per me è stato molto divertente. Markus ha continuato a darmi un feedback positivo, il che mi ha fatto crescere. Non riesco a immaginare un coach migliore di lui». 

Durante questo periodo una delle grandi sfide è stata la gestione del tempo, per riuscire a conciliare tutti i suoi allenamenti sulla pista da jogging e nel fitness con il suo lavoro impegnativo alla clinica veterinaria. «Tutto questo ogni tanto andava a scapito del sonno», dice Alina. «Ma fortunatamente non mi ha tenuta a freno. Dato che ho affrontato il mio progetto di corsa con grande motivazione, alla fine sono sempre riuscita a rigenerarmi a sufficienza».

Suggerimenti per il corridore

Markus Ryffel è convinto che Alina abbia la stoffa della podista

Alina lo ha davvero impressionato, dice l’allenatore Ryffel dopo la Greifenseelauf. E afferma: «In Alina abbiamo scoperto una top runner! Dopo tutto l’allenamento avevo già capito che ha la resistenza necessaria. Tuttavia, per me la grande incognita era la resistenza mentale di Alina. Lo ha dimostrato in modo impressionante anche oggi. Tanto di cappello!»

La carriera di Alina come podista è ormai lanciata, ma il capolinea è ancora lontano, aggiunge Ryffel. «Il tuo futuro potrebbe essere la maratona», dice. Una distanza (42,195 chilometri) che l’atleta dilettante riesce effettivamente a immaginare. Tuttavia, per la veterinaria la carriera nel running è fuori questione. «Ho già una professione che voglio coltivare», dice. «Non ho l’energia in più né l’ambizione per lo sport ad alto livello».

Il nostro calcolatore di calorie e IMC

Ma Alina aggiunge che vuole assolutamente continuare a farlo per sé stessa. «Continuo a correre, cercando disperatamente di mantenere la condizione fisica che ho costruito». E come si premierà ora che ha raggiunto il suo obiettivo? «Non è ancora il momento, prima voglio fare una doccia», dice con una risata. 

Leggi qui: episodio 1 ed episodio 2.

Potrebbe interessarti anche

Rimani sempre al corrente

Lasciati ispirare periodicamente dai migliori consigli su alimentazione, movimento, relax e medicina.

di Ringier Brand Studio / Thomas Wyss,

pubblicato in data 23.09.2021

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche:

La Migros si impegna contro il tumore al seno

Saperne di più
pink-ribbon.jpg0