Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

La veterinaria Alina vuole dimostrare a tutti che può farcela a correre la mezza maratona

L’atleta dilettante Alina, di Zurigo, vuole correre fino in fondo la sua prima mezza maratona. Sulla strada verso il suo obiettivo, viene seguita da professionisti – e accompagnata da Migros iMpuls.

Questa ragazza non lascia le cose a metà: quest’anno Alina (24) di Zurigo vuole completare la sua prima mezza maratona – e si sta preparando scrupolosamente per questo suo grande obiettivo. «Alla gara Greifenseelauf, che si svolgerà dal 15 al 18 settembre, vorrei finalmente riuscire a correre per la distanza che mi sono messa in testa di fare», dice. «Sto dando il tutto per tutto!»

Una mezza maratona corrisponde esattamente a 21,0975 chilometri. Facendo sport da tre a cinque volte alla settimana, fino a ora il massimo che la veterinaria riusciva a fare erano 10 chilometri. Prima del lockdown, Alina si dedicava soprattutto all’allenamento della forza, tenendosi in forma in palestra due o tre volte a settimana. Poi si sono aggiunti anche il nuoto, il ciclismo e il running. «Quando i centri fitness hanno dovuto chiudere per molto tempo a causa del coronavirus, mi sono concentrata di più sul jogging», spiega. «E poi mi ha assorbita completamente!»

La corsa riesce a controbilanciare alla grande il suo lavoro di veterinaria, dice Alina. Scegliendo questa professione, ho realizzato un sogno che avevo fin da bambina. Ma è anche un lavoro molto impegnativo. Come medico assistente, viene assegnata ripetutamente a vari turni di notte o a tarda ora, cosa che a volte sconvolge il suo ritmo (quotidiano). 

Equipaggiamento, analisi della corsa, controllo della forma fisica e coaching 

Fare regolarmente jogging nella natura e all’aria aperta offre ad Alina un’iniezione di energia – e durante la corsa le piace dare tutto. Per arrivare a coprire una distanza di 10 chilometri di corsa non ci ha impiegato molto. Ma da quel punto in poi ha avuto una battuta di arresto, dice Alina. «Per quanto io volessi continuare a correre, dopo i 10 chilometri in qualche modo veniva a mancarmi la motivazione per proseguire». 

Ma l’ambiziosa atleta dilettante ora vuole cambiare le cose: Alina si è posta un obiettivo concreto e ha deciso di cercare un sostegno professionale. Si tratta di un supporto molto vario: oltre al perfetto equipaggiamento per il running, compresa l’analisi della corsa e la consulenza sulle scarpe di SportXX, un piano di allenamento speciale creato dal professionista Markus Ryffel di SportXX Ryffel Running e sessioni di personal training incentrate sulla corsa presso Migros Fitness, la preparazione per il raggiungimento del grande obiettivo di Alina include anche una valutazione della forma fisica prima e dopo nell’ambito di un test ergometrico presso Medbase.

Potrebbe interessarti anche

È molto entusiasta di essere allenata da Markus Ryffel. Ryffel è stato un top runner, ha vinto l’argento nei 5000 metri ai Giochi Olimpici di Los Angeles nel 1984 e dal 2010 è consulente esperto di corsa di SportXX Ryffel Running. «Non vedo l’ora di ricevere i consigli di Markus, sperando di poter passare definitivamente a un livello superiore», dice Alina. Perché nel lavoro come nello sport: «Sono una persona che ha bisogno di sfide, sempre e comunque». 

Una sana ambizione che a volte sorprende alcune persone del suo entourage. «Quando ho detto ad amici e familiari del mio piano sulla mezza maratona, alcuni hanno detto: ma sei seria? Inteso in senso buono, naturalmente. Ma per molti questa è una distanza estremamente grande, persino troppo grande». Ma, nonostante le perplessità, avrebbe comunque avuto il sostegno di tutti nel suo cammino.

Inoltre: L'equipaggiamento del corridore

«Con convinzione e fiducia in sé stessi tutto viene più facile»

Suggerimenti di Markus Ryffel
  • Roma non è stata costruita in un giorno. Anche i campioni olimpici hanno bisogno di un po’ più di tempo per raggiungere il loro obiettivo di performance. Pertanto, pianificate il vostro obiettivo con sufficiente anticipo.
  • Ponetevi un target e quindi definite un percorso, perché vagare nel nulla non avrebbe molto senso – non ce l’ha nella vita, come non ce l’ha durante un allenamento di resistenza nel bosco. 
  • Piccoli obiettivi costellati di esperienze rendono l’allenamento più interessante e più vario. 
  • Non si deve affrontate il proprio progetto con accanimento, ma con la necessaria rilassatezza. 

Il coach Markus Ryffel è convinto che Alina abbia la stoffa per vincere. «Ha una buona predisposizione fisica», dice. «Inoltre, è una persona che pensa positivo. Sa che un compito è più facile se lo si affronta con convinzione e fiducia». A causa dei suoi numerosi turni all’ospedale per animali, l’unico presupposto è che la preparazione per la competizione venga pianificata con precisione. Ryffel: «Questo per ottenere un buon mix e un’interazione tra l’allenamento mirato e completo del corpo e il tempo di recupero».

Alina stessa è fiduciosa nel fatto che per la prima volta riuscirà a gestire un’intera mezza maratona. E cosa si concederà come ricompensa quando taglierà il traguardo del Greifenseelauf il 18 settembre? «Non ho bisogno di altre ricompense», dice. «La sensazione unica di avercela fatta per me è sufficiente!»

Da vedere e leggere nel prossimo episodio: Ecco come corre Alina per prepararsi alla mezza maratona.

Suggerimenti per il corridore

Rimani sempre al corrente

Lasciati ispirare periodicamente dai migliori consigli su alimentazione, movimento, relax e medicina.

di Ringier Brand Studio / Thomas Wyss,

pubblicato in data 15.09.2021


Potrebbe interessarti anche:

Rimani sempre al corrente

Lasciati ispirare periodicamente dai migliori consigli su alimentazione, movimento, relax e medicina.

Dimagrire, ritrovare la forma, vivere più sani? Avvia ora un programma e vinci

Comincia ora