Con passo morbido

Camminare scalzi rafforza i piedi, attenuando così i dolori dell’apparato locomotore. Al di là degli aspetti medico-scientifici, non vanno sottovalutati neanche il benessere e la piacevole sensazione dell’andare a piedi nudi.

Ecco alcune importanti regole per avere piedi sani
  • Alternare: cambiare frequentemente il tipo di scarpe e di quando in quando camminare a piedi nudi su terreni diversi (possibilmente evitando il catrame).
  • Metodo Kneipp: per migliorare l’irrorazione sanguigna e rinforzare le difese immunitarie contro le malattie da raffreddamento.
  • Prendersi cura dei propri piedi: spalmare regolarmente una crema sui piedi massaggiando energicamente (in modo da mobilizzare tutte le piccole articolazioni).
  • Ginnastica specifica per i piedi: eseguire tutti i giorni con regolarità alcuni esercizi di potenziamento (ad esempio rimanere in piedi su una gamba sola, arrotolare un asciugamano usando il piede ecc.). Inoltre, si possono massaggiare i punti della riflessologia plantare facendo scorrere il piede su una pallina da golf o su una black ball per sciogliere eventuali contrazioni muscolari (far scorrere correttamente il piede con la giusta sollecitazione).

I bambini amano correre a piedi nudi sui prati e si ricordano di indossare le scarpe solo quando fa freddo. I piedi valghi, piatti o trasversi non sono argomenti che li toccano da vicino, e men che meno il mal di schiena. Noi adulti dovremmo imparare a conservare a lungo questa spensieratezza tipica dell’infanzia: i nostri piedi ce ne sarebbero grati.

Invece la vita quotidiana di tanti di noi ci riserva tutt’altro. Spesso infatti la nostra quotidianità è dominata dalla monotonia, che non risparmia neppure le nostre estremità. Indossare sempre le stesse scarpe rappresenta una costrizione per i nostri piedi e per i loro muscoli, tendini e legamenti. In questo modo tanti muscoli del piede, piccoli e grandi, vengono a malapena sollecitati, con il rischio di assumere una postura errata e di incorrere in potenziali problemi alle ginocchia e alla colonna vertebrale.

Massaggio gratis di riflessologia plantare

La soluzione per avere piedi sani passa attraverso l’alternare tipi diversi di calzature. Infatti chi cambia scarpe con regolarità e a volte cammina scalzo si prende cura dei propri piedi in maniera ideale. Camminare a piedi nudi sull’erba, sulla sabbia o su un sentiero del bosco stimola automaticamente anche la pianta dei piedi e questo a sua volta ha un effetto benefico sugli organi interni. Ma la cosa più importante è che camminando scalzi si allena tutta la muscolatura del piede, che ci garantisce un’andatura stabile e sicura nella vita di tutti i giorni. (Continua a leggere qui di seguito...)

wuppenau-thurgau.jpg
wuppenau-thurgau.jpg

Sientiero a piedi nudi Wuppenau, TG

© Waldverein Wuppenau

nendaz-wallis.jpg
nendaz-wallis.jpg

Sientiero a piedi nudi Nendaz, VS

© Arnaud Delhez

celerina-graubuenden.jpg
celerina-graubuenden.jpg

Sientiero a piedi nudi Celerina, GR

© Engadin St.Moritz

gonten-appenzell-innerrhoden.jpg
gonten-appenzell-innerrhoden.jpg

Sientiero a piedi nudi Gonten, AI

© Christian Perrez

Sientiero a piedi nudi Wuppenau, TG

© Waldverein Wuppenau

Un’esperienza che coinvolge tutti i cinque sensi

Indossando le scarpe, con il tempo il nostro senso del tatto si affievolisce. Ecco perché ogni volta che possiamo finalmente percepire di nuovo la natura sotto i nostri piedi questa si rivela una vera esperienza. I percorsi a piedi nudi sono l’ideale in questo senso: qui possiamo sbizzarrirci a nostro piacimento e camminare sul muschio, accanto alle pigne o sull’erba morbida dei prati, bagnare i piedi nei ruscelli o arrampicarci scalzi sulle rocce.

Tuttavia, chi non cammina scalzo da un po’ di tempo dovrebbe riprendere per gradi, aumentando progressivamente la durata delle sue passeggiate. Da un lato i muscoli, i tendini e i legamenti devono abituarsi alle nuove sollecitazioni, e dall’altro anche la pelle dei piedi con il tempo si inspessisce. Lo stesso discorso vale se si indossano le scarpe a cinque dita. Chi non è abituato a camminare scalzo non dovrebbe affrontare subito una distanza eccessiva, ma aumentare lentamente il percorso, e dunque la sollecitazione sui piedi.

di Michel Züger


Potrebbe interessarti anche: