Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Van der Graaff e Fähndrich in vista di Pechino 2022

Per Laurien van der Graaff e Nadine Fähndrich, l'autunno e l'inverno sono dedicati alle prossime Olimpiadi invernali in Cina. Il loro obiettivo: lavorare sui successi dello scorso inverno.

Quando Laurien van der Graaff e Nadine Fähndrich, le due migliori fondiste svizzere, partiranno per Pechino il prossimo febbraio, lo faranno con grandi speranze e molti chilometri di allenamento alle spalle. «Questa competizione internazionale è un punto culminante assoluto», commenta Fähndrich già impaziente. Sarà la seconda Olimpiade per lei, e addirittura la terza per Laurien van der Graff.  

Laurien van der Graaff
È una leggenda che noi andiamo sempre a tutto gas. Il corpo non sarebbe in grado di sopportarlo.
Laurien van der Graaff

Lo scorso inverno è stato ricco di successi per entrambe: a dicembre hanno ottenuto la loro prima vittoria in Coppa del Mondo nello sprint a squadre. In questa disciplina, entrambe le atlete coprono il percorso di circa 1,5 chilometri tre volte alternativamente. A febbraio, la squadra a due ha poi conquistato una medaglia d'argento ai campionati mondiali di Oberstdorf, in Baviera. «Lo sognavamo da molto tempo», confessa la van der Graaff. Van der Graaff ha vinto il titolo di sprint ai campionati svizzeri e la Fähndrich ha vinto il suo primo titolo di Coppa del Mondo nello sprint individuale a Dresda.

Dopo una breve pausa alla fine della stagione, gli allenamenti sono ricominciati. In estate, entrambe hanno preso parte a un campus di allenamento a Livigno, in Italia, dove hanno fatto jogging, escursioni in montagna e si sono allenate sugli sci a rotelle e in sala pesi. La località a 1800 metri sul livello del mare si trova a un'altitudine simile a quella dei Giochi olimpici in Cina. «Volevamo imparare come funziona il corpo a questa altitudine», spiega Fähndrich. A settembre, il primo contatto con la neve è avvenuto in un tunnel da sci in Germania. A novembre, seguirà una prima sessione di formazione sulla neve naturale a Davos, che è stata conservata dall'anno scorso.

(Continuazione in basso...)

In allenamento, vengono superate dai dilettanti

Lo sport professionale esige molto dalle giovani donne. Nel loro scarso tempo libero, si concedono quindi tutto il riposo possibile. I loro hobby non sono nulla di straordinario, dice van der Graaff: «Dormo molto, mangio bene e mi piace stare con gli amici.» Nata in Olanda, si è trasferita a Davos con la sua famiglia all'età di quattro anni e lì ha scoperto gli sport sulla neve. «Ho sempre amato le competizioni», riferisce la 33enne. Quello che le piace dello sci di fondo è il poter stare all'aria aperta. Naturalmente in gara si ha in mente solo l'obiettivo, ammette. Quando ci si allena, invece, ci si può sicuramente godere il paesaggio. Perché come tutti i migliori atleti, si allena a diversi livelli di intensità. «È una leggenda che noi andiamo sempre a tutto gas. Il corpo non sarebbe in grado di sopportarlo», spiega la van der Graaff. «Vengo regolarmente superata dagli amatori.»

Nadine Fähndrich
È un privilegio aver potuto trasformare il mio hobby in una professione.
Nadine Fähndrich

Già sugli sci all'età di due anni

Anche la natura costituisce una motivazione importante per Nadine Fähndrich nella scelta dello sport. Inoltre, lo sci di fondo è vario e complesso. «Ci vogliono resistenza, forza, velocità e una buona tecnica allo stesso tempo», spiega la 25enne, che è cresciuta a Eigenthal nella regione di Lucerna, proprio accanto a una pista di sci di fondo, e ora vive ad Allschwil presso Basilea. Essendo i suoi genitori a loro volta appassionati di sci di fondo, è stata messa sugli sci all'età di appena due anni. «È un privilegio aver potuto trasformare il mio hobby in una professione.»

La scorsa stagione è stata quella di maggior successo della carriera della Fähndrich finora. «Ora so che posso puntare in alto se perseguo il mio obiettivo con costanza», afferma l'atleta. Questo include anche il lavoro con un mental coach. «Sono una persona estremamente razionale. Nello sport, tuttavia, molto dipende dall'atteggiamento», come lei ben sa. Per questa atleta, ad esempio, è stata una battuta d'arresto amara la mancata qualificazione addirittura ai quarti di finale nello sprint individuale ai Campionati del Mondo dello scorso anno. Non ne capiva il motivo. Dopo un'attenta analisi, però, è riuscita a venire a patti con la sconfitta e a rifocalizzarsi per la gara successiva. E con successo, conquistando una medaglia d'argento nello sprint a squadre. L'analisi della sconfitta le ha anche rivelato che poteva ancora migliorare la sua tecnica. Ecco perché ci ha lavorato quest'estate. 

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

vai al dossier

L'analisi delle prestazioni promuove i progressi

Nel frattempo, la van der Graaff è relativamente rilassata sulle eventuali battute d'arresto: «Sono fisiologiche. Non si può vincere sempre», dichiara l'atleta di grande esperienza. La diagnostica delle prestazioni, d'altra parte, è un must nello sport agonistico. Per questo motivo si sottopone regolarmente a controlli di cuore e polmoni presso il centro sanitario Medbase di Abtwil, dove è seguita per l'assistenza medica. Successivamente, viene determinata la frequenza cardiaca ottimale attraverso l'analisi del respiro. E raccomanda questo controllo della resistenza dei polmoni e del sistema cardiovascolare anche ai dilettanti: «La cosiddetta spiroergometria aiuta a progredire di più e quindi anche trarre il massimo dallo sport.»

Tuttavia, non è ancora chiaro se la squadra vincitrice gareggerà di nuovo insieme nella stagione invernale. L'unica cosa certa è che entrambe lavoreranno duramente su se stesse fino ad allora.

 

Foto: Keystone / © Dominic Zimmermann

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 18.10.2021


Potrebbe interessarti anche:

Posta di natale Migros: non lasciamo nessuno da solo

Iscriviti ora
Desktop_2880x1260.jpg