Sudare in inverno fa bene

Fuori si gela e dentro si suda. Che si tratti di sauna, hammam o banja, la sana traspirazione vanta una lunga tradizione in tutto il mondo. Una visione di fondo le accomuna: sudare fa bene a mente e corpo.

La sauna, il bagno turco, il sanarium e affini non sono una scoperta della modernità. Sin dai tempi più remoti, gli uomini apprezzano gli effetti benefici del sudare e del fare bagni termali caldi e freddi, tutto per un ottimo motivo: queste attività che favoriscono la traspirazione rafforzano il sistema immunitario, prevengono i raffreddori, rilassano la muscolatura, incrementano la sensazione di benessere e fanno anche bene alla pelle.

Già i Maya utilizzavano i bagni di vapore per scopi curativi. Il temazcal era una specie di «forno in argilla» nel quale si entrava attraverso una porta molto piccola. Circa dieci anni fa, questa tradizione è stata riscoperta e portata avanti soprattutto dalle donne dell’America centrale. Anche il Giappone vanta una spiccata cultura del bagno termale. Particolarmente apprezzati sono gli onsen, terme composte da due a tre vasche riempite di acqua caldissima (almeno 40 gradi Celsius) pensate per un completo rilassamento.

La sauna fa bene alla salute

Le saune esistevano sin dai tempi del Medioevo, benché all’epoca fossero state vietate perché considerate luoghi voluttuosi.  Al giorno d’oggi, gli effetti benefici della sauna sulla salute sono da tempo scientificamente provati. Quando il corpo raggiunge la temperatura interna di 39 gradi Celsius, gli agenti patogeni muoiono. Inoltre la sauna stimola la circolazione, agisce positivamente sul metabolismo e fa bene alle vie respiratorie.

I finlandesi sono i campioni del mondo della sauna

dampfbad.jpg
dampfbad.jpg

I campioni indiscussi della sauna restano i finlandesi. Lungo le rive dei loro laghi ci sono più di 600 000 tipiche capanne che dispongono di una sauna. I finlandesi sono seguiti a ruota dai russi, quanto a tradizione centenaria di bagni termali. La banja russa è molto simile alla sauna finlandese.

Sudare per il benessere è una pratica molto diffusa e apprezzata. Anche le palestre, i centri benessere e gli hotel propongono ormai di default un ampio ventaglio di possibilità tra cui scegliere.

Tra queste rientrano varianti moderne del bagno turco, biosauna, sanarium e altri servizi dai nomi altisonanti come la sauna alle erbe, ai fiori di ciliegio o al sale dell’Himalaya. La biosauna è una variante «dolce» della sauna e quindi l’ideale per chi si avvicina per la prima volta a questo mondo o per chi soffre di problemi di circolazione. La temperatura si aggira tra

i 50 e i 75 gradi Celsius e la percentuale di umidità dell’aria è tra il 15 e il 40 percento. Di solito il sanarium è un po’ più umido: la temperatura varia dai 60 ai 65 gradi Celsius, mentre l’umidità dell’aria può raggiungere il 40-50 percento, insomma una sorta di mix tra sauna e bagno turco. Le varianti moderne del bagno turco,

invece, sono caratterizzate da temperature di 44-46 gradi Celsius e un grado di umidità del 100 percento mantenuto stabile da un generatore automatico di vapore. Queste oasi riscaldate rappresentano in tutto il mondo anche luoghi in cui incontrarsi e parlare.

Le saune sono luoghi dedicati alla tranquillità

Nell’hammam, ad esempio, è possibile chiacchierare liberamente nel camekan, così come nella banja o nella sauna finlandese. In queste oasi di vapore possono svolgersi importanti incontri di lavoro o essere prese cruciali decisioni politiche.

In Svizzera, la sauna e i luoghi affini sono principalmente dedicati alla tranquillità e al relax. In linea di massima è permesso parlare, ma solo se la cosa non disturba gli altri.

Consigli per la sauna

Cosa devi fare

  • Avere a disposizione molto tempo. Portare con te due asciugamani da bagno e un paio di ciabatte.
  • Farti prima una doccia e asciugarti.
  • Fare un pediluvio con l’acqua che sfiora le caviglie.
  • Durata del tempo da passare in cabina: dai 10 ai 15 minuti. Alle diverse altezze delle panche devi considerare una differenza di 10 gradi Celsius. L’ideale è che tu ti stenda, in modo che tutto il corpo si trovi alla stessa zona di temperatura. Prima di uscire dalla cabina, mettiti in posizione eretta e resta seduto/a per 2-3 minuti.
  • Se senti troppo caldo, è bene che tu esca dalla cabina.
  • Prendi un po’ d’aria fresca per 2-3 minuti.
  • Rinfrescati con l’acqua (tubo, vasca, doccia)
  • Riposati per 20-30 minuti.
  • Effettua in totale dai 2 ai 3 turni.
  • Bevi a sufficienza prima e dopo la sauna.

Cosa non devi fare

  • Entrare in sauna stressato/a.
  • Dimenticare di rinfrescarti.
  • Entrare in sauna a stomaco pieno o vuoto.
  • Entrare in sauna dopo aver bevuto alcol.
  • Bere durante la sauna (ma è permesso sciacquarsi la bocca).
  • Non fare la doccia prima di immergerti nella vasca.

Pubblicato il 16.08.2017,

di Sandra Hallauer


Potrebbe interessarti anche: