Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

9 motivi per cui dovremmo leggere libri

I social media, Netflix, i giochi sul cellulare – ormai tutto si svolge su uno schermo. Perché vale la pena immergersi in un libro di tanto in tanto e come trovare gli occhiali da lettura giusti.

1. La lettura mantiene attivo il nostro cervello

Riesci a risolvere il rompicapo?

La Lega svizzera per il cervello sostiene la ricerca sul cervello in Svizzera. La loro rivista «il Cervello» viene pubblicata 4 volte all’anno con le ultime scoperte della ricerca sul cervello e i rompicapo più complessi. È possibile ordinarla gratuitamente su www.hirnliga.ch, info@hirnliga.ch oder per Telefon 031 310 20 91.

Un assaggio dei rompicapi: qual è l’ultima lettera di questa serie?

U, D, T, Q, C, S, ...?

La soluzione si trova in un riquadro più in basso.

Il cervello è un prodigio della natura. Durante la gravidanza nell’embrione si formano 4300 cellule nervose – ossia cellule cerebrali – al secondo. In 9 mesi sono 86 miliardi. «E noi veniamo al mondo con l’intero corredo, o quasi», dice il professor Jürg Kesselring. L’ambasciatore senior e neuroesperto del Centro di riabilitazione della Clinica Valens fa parte del consiglio della Lega svizzera per il cervello e studia il funzionamento di questa macchina meravigliosa da decenni.

Tuttavia, le nostre numerosissime cellule cerebrali non si limitano a vegetare ciascuna per conto proprio, ma formano una rete complessa in costante comunicazione. «Ogni cellula cerebrale ha tra 1000 e 10’000 connessioni con altre cellule nervose», spiega Jürg Kesselring.

Tutto ciò che sperimentiamo attraverso i nostri sensi influenza e modifica questa rete. «Anche se, dopo la nascita, sono poche le cellule cerebrali nuove che vengono ad aggiungersi, la rete continua a costruire nuove connessioni per tutta la vita».

Da questo punto di vista, la lettura plasma il cervello in modo del tutto particolare. «Una volta che l’abbiamo imparato, non possiamo NON leggere», sottolinea il medico. «I bambini piccoli o gli analfabeti non riconoscono le lettere, vedono solo anelli e trattini neri. Riconoscere le singole lettere e metterle insieme per formare parole e frasi con un significato è una prestazione eccezionale da parte del cervello!»

Oltre alle competenze visive, la lettura agisce anche sulla memoria di lavoro e a lungo termine e stabilizza la connessione tra le cellule cerebrali. Inoltre, favorisce la concentrazione. Ci sono addirittura studi che dicono che leggere previene la demenza. Jürg Kesselring: «Io ne sono convinto, anche se l’argomento è stato indagato ancora troppo poco per pronunciarsi con più precisione».

2. La lettura stimola l’immaginazione

«La lettura consente di fuggire dalla vita quotidiana e rifugiarsi in altri mondi. Ciò può essere molto gratificante», afferma Jürg Kesselring. Quanto la lettura possa essere stimolante – e anche fisicamente attivante – si può osservare in particolare nei bambini. Ecco perché, dopo aver letto i romanzi di Winnetou di Karl May, può succedere di vederli improvvisamente galoppare su cavalli invisibili o tentare di costruirsi delle fasce con l’erba per cingersi la fronte. Se invece leggono Harry Potter, si ingegnano su come giocare a Quidditch senza scope volanti, come fabbricare bacchette magiche e come praticare incantesimi in latino. 

Ma anche gli adulti vengono trasportati nei viaggi più diversi, in pochissimo tempo possono sperimentare la vista di milionari ed ereditiere, ricercatori e scienziate oppure detective e investigatrici – e a volte addirittura perdersi in queste storie. «Immergersi in mondi fantastici per un po’ va bene. Ma vivere solo nei romanzi a lieto fine non è una buona idea», dice Jürg Kesselring. Raccomanda quindi un regolare scambio di opinioni con gli altri. «Per accertarsi di rimanere a contatto con la realtà».

3. La lettura può confortare

I libri possono essere non solo divertenti, ma anche un vero e proprio toccasana per l’anima. «Leggere libri su come altri hanno affrontato situazioni analoghe può essere di conforto per gestire un lutto», dice Jürg Kesselring. A tal fine, sono indicati le biografie o i manuali. «Leggere gli esempi degli altri ti mette in prospettiva, ma senza svalutarti», afferma il neurologo, che considera estremamente riduttivo affrontare i problemi di cuore limitandosi a scambiare brevi messaggi con gli amici. «Quando sei in difficoltà non è sufficiente una semplice pacca sulla spalla, hai bisogno di qualcosa che ti consoli davvero».

4. La lettura rilassa

Per molti sedersi in giardino o sdraiarsi sulla spiaggia o sul divano con un buon libro è un modo per aumentare la qualità della vita – ed è relax allo stato puro. Ma perché la lettura ha un effetto così ristoratore su di noi? Dopo tutto, i nostri occhi e il nostro cervello vengono messi alla prova quando leggiamo – non solo con letture complicate, ma anche con libri più semplici. «Il rilassamento non viene dal non fare nulla, ma da una stimolazione appropriata», spiega Jürg Kesselring. «In questo caso, lo sforzo è benefico».

Inoltre, giova prendersi una pausa dai propri pensieri leggendo le idee e i concetti di altre persone. Ti dà il tempo di tornare a respirare profondamente e nel modo giusto. Ma la cosa importante è: se durante o dopo la lettura insorge il mal di testa, può essere un segnale che la vista è peggiorata o che gli occhiali o le lenti a contatto non hanno più la giusta potenza. Allora è il momento di fare un esame della vista dall’oculista o dall’optometrista, ed eventualmente di utilizzare un paio di occhiali da lettura.

Potrebbe interessarti anche

Vai al dossier

5. La lettura estende il vocabolario e le conoscenze

Cifre sulla lettura
  • L’83% della popolazione svizzera legge libri.
  • Quasi il 30% legge 13 o più libri all’anno.
  • Poco più del 30% legge da 4 a 12 libri all’anno.
  • Poco più del 20% legge da 1 a 3 libri all’anno.
  • Il 78% legge per scopi privati.
  • Il 38% legge per lavoro e studio.
  • Il 25% ricorre agli e-book – il 10 per cento in più rispetto al 2014. Attualmente il numero di donne e di uomini che leggono e-book è praticamente uguale. Una volta gli uomini erano notevolmente di più.

L’Ufficio federale di statistica ha calcolato le cifre confrontando il 2014 e il 2019.

Le persone che leggono imparano sempre qualcosa. E non solo perché entrano in contatto con altri mondi, altri punti di vista e opinioni diverse: leggere significa anche ottenere grandi benefici sul piano linguistico. Dal momento che ogni persona – e quindi ogni autore o autrice – si esprime in modo diverso, leggendo si imparano molte parole e frasi nuove. Per esempio, George Orwell ne «La fattoria degli animali» ha coniato l’espressione «Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni animali sono più uguali di altri». «L’età non può liberare dalla follia» si trova nel dramma di William Shakespeare «Antonio e Cleopatra». E Wilhelm Busch in «Plif e Plof» ci regala la seguente riflessione: «Ma qui, come sempre accade, le cose vanno diversamente da come si crede».

Dato che il cervello deve districarsi tra termini sconosciuti o giri di parole non familiari più a lungo di quanto sia abituato a fare, il flusso della lettura può anche subire delle piccole battute di arresto. Ma se, nonostante tutto, non demordi e magari cerchi una o due parole che non conosci, consentirai al tuo vocabolario e alle tue possibilità espressive di crescere. Inoltre, se ti imbatti più volte in termini che non conosci, si fisseranno meglio nella memoria. Perché la ripetizione rafforza la connessione tra le cellule cerebrali.

6. Leggere aiuta a imparare una lingua straniera

Sgobbare sul vocabolario è un male necessario se si vuole imparare una lingua straniera. Una volta acquisito un certo numero di vocaboli di base, è utile cercare un romanzo nella lingua straniera che si sta studiando. E dato che leggere è divertente, è anche un modo piacevole per imparare. Se la storia ti affascina, di solito vuoi sapere come finisce e non molli nonostante le barriere linguistiche.

Non esitare a cercare edizioni semplificate e bilingue! Perché se l’asticella è troppo alta, il piacere e la motivazione ne risentono. Anche quando si legge nella propria lingua può essere opportuno procedere da qualcosa di più semplice ai testi più complicati. «Se si vuole leggere Einstein, bisogna avvicinarsi in modo progressivo», dice Jürg Kesselring. Detto in altre parole: come per una normale maratona, anche per una maratona «spirituale» la preparazione è fondamentale per raggiungere il traguardo.

7. La lettura unisce

Spesso, dopo essere andati al cinema in compagnia, si accendono conversazioni vivaci sulla pellicola appena vista. Con i libri è lo stesso. Ecco perché molti lettori incalliti amano riunirsi tra loro per parlare di libri. «È un bene per l’interazione sociale», dice Jürg Kesselring. In particolare, in questo modo i single ottengono l’opportunità di socializzare con altre persone in un ambiente positivo e di intrattenere delle conversazioni con loro. Tuttavia, Kesselring raccomanda di scegliere un gruppo costruttivo. «Se ci sono solo persone saccenti, che vogliono intimidire gli altri con la loro erudizione, non se ne ricava molto». Anzi, potrebbero ingenerarsi delle paure. «E, per il cervello, la paura è uno dei veleni più potenti». Se ci si muove in un gruppo accogliente, invece, le onde cerebrali di tutti entrano in sintonia tra loro. «A quel punto diventa bellissimo e si può arrivare a sperimentare il massimo della soddisfazione».

8. Leggere, sempre e ovunque

Avere sempre con sé un buon libro non è mai stato così facile. Perché gli e-reader e i tablet ti permettono di portare con te tonnellate di cose da leggere, sempre e ovunque. Sono finiti anche i giorni in cui metà della tua valigia era occupata dai libri. Tuttavia, leggere su carta o elettronicamente non è esattamente la stessa cosa. Con un libro cartaceo non ci sono distrazioni. Almeno non direttamente nel campo visivo. Se stai leggendo sul tuo tablet, potrebbero sopraggiungere i messaggi push dei social media, dei calendari o dei siti di notizie. «Il nostro cervello non è necessariamente un amante del multitasking. Anche se le donne, in particolare, riescono a passare molto rapidamente da un compito all’altro, non siamo bravi a fare più cose diverse contemporaneamente», dice Jürg Kesselring.

La conseguenza: più spesso leggiamo in modo frammentato, meno riusciamo a concentrarci per periodi di tempo prolungati. Inoltre, gli studiosi del sonno e altri esperti in salute fanno notare che sarebbe meglio smettere di leggere – sia su carta che digitalmente – un’ora prima di coricarsi. Perché tutti i messaggi e le informazioni che ci arrivano scatenano delle reazioni nel cervello. Quindi, se si vuole dormire bene, è importante evitarlo.

Trovare e-reader

9. Ci sono libri per tutti i gusti

Risoluzione del rompicapo

Le lettere devono essere interpretate come le prime lettere dei numeri da 1 a 6: Uno, Due, Tre, Quattro, Cinque, Sei. Quindi si tratta del numero sette, ossia «S».

Non si escludono soluzioni diverse.

Nel campo della letteratura la scelta è enorme. Tutti possiamo trovare quello che fa per noi. Se non sai che lettura scegliere, possono esserti d’aiuto i consigli degli altri. «Se dovessi andare sulla famosa isola deserta e potessi portare con me solo il libro più bello, sarebbe ‹Il dottor Zivago› di Boris Pasternak», dice Jürg Kesselring. «Se dovessi scegliere il libro più profondo, sarebbe ‹I fratelli Karamazov› di Fëdor Dostoevskij». Nella sua lista di raccomandazioni ci sono anche «Le donne che leggono sono sempre più pericolose» di Stefan Bollmann e «Il cervello che legge» di Maryanne Wolf. Abbiamo chiesto anche a eminenti svizzeri quali sono le loro preferenze in fatto di lettura. Scopri di più nel nostro quiz.

Romanzi e Globi tra i bestseller

Oona Grauers, responsabile Marketing e Comunicazione di Ex Libris AG, sugli ultimi bestseller, e-book ed eventi di lettura.

Quali sono i libri più venduti di Ex Libris?

I più richiesti al momento sono La sorella perduta di Lucinda Riley e Transient Desires di Donna Leon, mentre per i bambini – e probabilmente alcuni adulti – è l’ultimo volume di Globi, ossia Globi e Roger.

Le cifre differiscono tra e-book e libri normali, o il mezzo non ha importanza?

Non si notano grandi differenze, quindi il mezzo non gioca praticamente nessun ruolo.

Cosa è cambiato dalla diffusione degli e-reader? La gente legge di più?

La digitalizzazione ha messo a disposizione più modi di consumare i media. L’e-book è uno di questi. Ma non possiamo dire che per questo la gente legga di più. Tuttavia, avere sempre con sé un e-reader invita sicuramente a leggere più spesso.

Quando consiglia ai suoi clienti il tablet o l’e-reader e quando invece i libri fisici?

Non facciamo raccomandazioni sui device, ognuno ha le proprie preferenze. La nostra forza è nei libri, ci impegniamo per fare in modo che da noi i clienti trovino il libro che preferiscono al prezzo migliore, sia stampato che digitale. A tal fine, offriamo loro una selezione ampia e varia, nello shop online, tramite l’app, presso la filiale oppure al telefono. Conosce la piacevole sensazione di tenere un libro nuovo tra le mani? Siamo convinti che l’esperienza della lettura inizi già pregustando il piacere quando si sfoglia e si acquista un nuovo libro. Tutto ciò funziona solo in un ambiente accogliente, semplice e stimolante.

Perché leggere è così divertente?

Leggere aiuta a staccare la spina, un libro ti porta in un altro mondo e ti stimola a pensare in modo diverso. Inoltre – a differenza di un film o di una serie, per esempio – ciascuno crea nella propria testa delle immagini personali. In un libro, le storie si sviluppano con un determinato livello di suspense oppure ci si concentra e si esplora in modo approfondito un argomento. Chiaramente la distrazione creata da articoli e argomenti sempre nuovi, come per esempio in una rivista, è minore. Un libro è un piccolo mondo privato di pensieri tra due copertine.

Esistono circoli di lettura di Ex Libris?

No. Tuttavia, conduciamo o partecipiamo a vari eventi. L’anno prossimo, per esempio, in collaborazione con la casa editrice Wörterseh inviteremo i lettori a partecipare al nostro terzo tour letterario con gli autori e le autrici svizzeri attraverso il Paese. Durante la pandemia abbiamo tenuto diverse letture online via Zoom o YouTube, per esempio con Christine Brand, Blanca Imboden o Gabriela Kasperski. Partecipiamo al festival della letteratura al Glattzentrum di Zurigo. I membri dell’Ex Libris Club ricevono anche consigli e offerte che li aiutano a orientarsi e ad aumentare il loro piacere della lettura.

Come trovare gli occhiali da lettura giusti?

Alla stazione di servizio, nel negozio di accessori oppure online: gli occhiali da lettura pronti sono variamente disponibili, e per lo più a un prezzo contenuto. Di solito si possono acquistare anche di diverse potenze e con gradazioni da 0,5 diottrie. Molti lì per lì ricorrono a questo tipo di soluzione quando notano un peggioramento della visione da vicino durante la lettura. «Tuttavia, questo tipo di occhiali non è mai l’ideale, perché le lenti non sono state fatte apposta per la persona. L’intensità può essere leggermente insufficiente, il campo di vista troppo basso o troppo alto», dice Hans-Dieter Haas, responsabile delle vendite e della formazione presso l’ottico specializzato MiSENSO AG.

Come con le scarpe che non calzano bene, possono crearsi dei problemi. Ecco perché gli occhiali da lettura pronti non sono una soluzione a lungo termine, anche se possono essere utili nell’immediato. Se stai pensando di acquistarne un paio, è meglio se prima ne parli con un optometrista. «Prenderà in considerazione tutti i parametri individuali per una visione nitida e rilassata come la diversa potenza visiva di entrambi gli occhi, la distanza pupillare, un possibile astigmatismo o altri difetti visivi», dice Hans-Dieter Haas.

Gli specialisti sanno riconoscere anche quando è meglio sottoporre la vista a una visita più approfondita o fare un test oculistico – e se, invece di un modello qualsiasi, hai decisamente bisogno di un paio di occhiali come si deve. Haas: «Spesso queste soluzioni di alta qualità sono più economiche di quanto si pensi!»

Potrebbe interessarti anche

Vai al dossier

di Ringier Brand Studio / Cilgia Grass,

pubblicato in data 22.06.2021, modificato in data 28.06.2021


Potrebbe interessarti anche:

La Migros si impegna contro il tumore al seno

Saperne di più
pink-ribbon.jpg0