Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Spiagge d’acqua dolce in Ticino: 7 consigli per le giornate afose

Ruscelli, cascate, laghi: oltre al sole e al buon cibo, il Ticino offre oasi balneari per rinfrescarsi nelle giornate afose. I nostri consigli.

Dove un tempo si sentiva solo il rumore del mulino: Pozzasc a Peccia

peccia.jpg
peccia.jpg

Fotografo: Christoph Hurni

Prima un bagno rinfrescante nel torrente e poi una polenta fumante. A offrire questa invitante esperienza è la pozza balneabile nei pressi di Peccia, un paese dell’Alta Vallemaggia. L’ex mulino è oggi un ristorante dove si può gustare la polenta cotta sul fuoco.

Punto di interesse nelle vicinanze: a Peccia si trova una cava di marmo. Nel maggio del 2021 è stato inaugurato il Centro Scultura, frequentato da scultori e scultrici di tutto il mondo e sede di mostre pubbliche.

Come arrivare: dalla fermata dell’autobus «Peccia, Paese» salire per 100 metri lungo la strada. Attraversare il ponte seguendo l’indicazione per «Piano di Peccia», quindi proseguire in direzione «Grotto Pozzasc» e scendere fino al torrente. (Tempo di percorrenza: 15 minuti)

L’imponente cascata di Piumogna a Faido

faido.jpg
faido.jpg

Fotografo: Christoph Hurni

Non c’è luogo più rinfrescante di questo. A Faido il torrente Piumogna si getta impetuoso da 40 metri di altezza in uno specchio d’acqua color turchese compiendo diversi salti. Il prato lungo le sponde è il posto ideale per un picnic in famiglia. Chi non teme l’acqua gelida può anche godersi una nuotata.

Punto di interesse nelle vicinanze: i bambini possono scatenarsi nel grande parco giochi situato lungo il sentiero che porta alla cascata, vicino al castelletto di Faido.

Come arrivare: dalla fermata dell’autobus «Faido, Posta» proseguire seguendo i cartelli per «Cascata Piumogna». (Tempo di percorrenza: 5 minuti)

(Continuazione in basso...)

Il laghetto di Astano: tiepido e accogliente come un lago tropicale

astano.jpg
astano.jpg

Fotografo: Christoph Hurni

Questo idilliaco laghetto incastonato tra le colline boscose del Malcantone accoglie con calore anche i più freddolosi: nei periodi di bel tempo raggiunge temperature superiori a 28 gradi. Il prato lungo le sponde è ben curato e ideale per stendersi. Nel piccolo ristorante Buvette si possono gustare anche le trote pescate dal lago. Chi desidera pescarle da sé può noleggiare una canna da pesca e acquistare le esche.

Punto di interesse nelle vicinanze: all’Osteria La Palma di Banco, raggiungibile in 15 minuti a piedi e in autobus dal laghetto, si può mangiare e bere sotto un pergolato di glicine, all’ombra di alte palme.

Come arrivare: dalla fermata dell’autobus «Astano, Paese» percorrere la strada verso ovest finché non curva a sinistra, quindi seguire i cartelli in direzione «Laghetto». (Tempo di percorrenza: 10 minuti)

Un altro angolo di Lavertezzo: Pozz di Vacch

lavertezzo.jpg
lavertezzo.jpg

Fotografo: Christoph Hurni

Praticamente tutti conoscono il ponte di pietra ad archi di Lavertezzo, nella Valle Verzasca. Molto meno conosciuto è lo specchio d’acqua formato dalla Verzasca 400 metri più a valle. Le rocce levigate lungo le sponde del torrente presentano affascinanti strisce grigie-arancio. Ci si può stendere sopra per prendere il sole e offrono punti da cui tuffarsi facilmente in acqua.

Punto di interesse nelle vicinanze: sulla sponda destra, presso il famoso ponte di pietra, si trova il ristorantino «Grotto al Ponte». Vi si possono gustare specialità locali su tavoli di pietra, sotto un tetto di foglie, come amano fare i ticinesi.

Come arrivare: dalla fermata dell’autobus «Lavertezzo, Paese» scendere lungo la strada fino alla chiesa di Lavertezzo. Svoltare verso il prato e scendere per 100 metri lungo il fiume fino alle sponde del Verzasca. (Tempo di percorrenza: 5 minuti)

Flirtare sulla spiaggia di Bellinzona: la spiaggetta di Arbedo

arbedo.jpg
arbedo.jpg

Fotografo: Christoph Hurni

Qui i giovani ticinesi passano il tempo tra i drink e il sound del beach bar La Spiaggetta e approfittano dell’atmosfera tranquilla per flirtare. Anche le famiglie amano questo posto, perché sulle spiagge dei fiumi Ticino e Moësa che si incontrano proprio in questo punto, i bambini hanno molto spazio per giocare e fare il bagno.

Punto di interesse nelle vicinanze: in 10 minuti di autobus si raggiunge il centro storico di Bellinzona, con i suoi tre castelli riconosciuti Patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO.

Come arrivare: dalla fermata dell’autobus «Arbedo, Molinazzo» camminare in direzione nord per 50 metri dopo la rotonda, quindi proseguire verso il delta del fiume lungo la strada sterrata. (Tempo di percorrenza: 10 minuti)

(Continuazione in basso...)

Scopri altri consigli per godersi un po' di frescura

Un tuffo dall’alto delle rocce: Pozzo di Tenero

tenero.jpg
tenero.jpg

Fotografo: Christoph Hurni

A soli 20 minuti di cammino dai campeggi di Tenero, nascosto da una cortina di rocce, sorge un parco giochi d’avventura naturale, dove ci si può arrampicare, tuffare nella Verzasca dall’alto di enormi rocce e nuotare in una piccola gola. È utile portare con sé una forbice da giardino perché spesso l’accesso è ostruito dai rovi di more.

Punto di interesse nelle vicinanze: dalla terrazza del Grotto Scalinata, sulle pendici del vigneto sopra Tenero, la vista spazia fino al Lago Maggiore.

Come arrivare: dalla fermata dell’autobus «Tenero, Piazza» proseguire lungo la strada che sale fino a una scalinata sulla destra (100 m). Quindi seguire il sentiero segnalato che porta al laghetto della Verzasca (250 m). Raggiungere le rocce presso la parte superiore dello specchio d’acqua ed entrare nella forra soprastante attraverso il passaggio. (Tempo di percorrenza: 10 minuti)

Nuotare e dondolarsi nel lago: il Lago Maggiore presso Vira

vira.jpg
vira.jpg

Fotografo: Christoph Hurni

Di fronte a Vira, un grazioso paesino con una grande chiesa, un tempo abitato da pescatori, è stata di recente installata una grande altalena sul lago che invita a far volare il corpo e l’anima. Lo sguardo spazia su estesi specchi d’acqua, alle cui sponde si ergono le ripide pendici delle montagne ticinesi ricoperte dai boschi. Il beach bar Shaka dove si può prendere anche un gelato, è a due passi lungo la salita.

Punto di interesse nelle vicinanze: se si risale il ruscello che si getta nel lago lungo la spiaggia, si giunge a un piccolo e grazioso specchio d’acqua formata da una cascata.

Come arrivare: dalla fermata dell’autobus «Vira (Gambarogno), La Riva» camminare per un breve tratto fino al ruscello e seguirlo fino al lago. (Tempo di percorrenza: 1 minuto)

di Iwona Eberle,

pubblicato in data 14.06.2021, modificato in data 17.06.2021


Potrebbe interessarti anche:

Dimagrire, ritrovare la forma, vivere più sani? Avvia ora un programma e vinci

Comincia ora