Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Marianne Botta Diener

Marianne Botta Diener è ingegnere in tecnologia alimentare SPF e docente specializzata SPF in scienze dell’alimentazione. Ha pubblicato diversi libri e scrive regolarmente per la piattaforma salute iMpuls e Vivai, la rivista Migros per il benessere. Marianne Botta Diener ha otto figli.
marianne-botta-diener

Tutte le risposte di Marianne Botta Diener

marianne-botta-diener
Marianne Botta Diener

Ingegnere in tecnologia alimentare SPF e docente specializzata SPF in scienze dell’alimentazione

Falso! Molti prodotti light contengono dolcificanti di sintesi come aspartame e ciclamato; essendo privi di calorie, rappresentano una valida alternativa a bevande e cibi ricchi di zucchero. L’ipotesi che i dolcificanti provochino fame, facciano ingrassare o causino tumori non è scientificamente provata. E inoltre, le bevande light zuccherate non ci fanno «disabituare» al dolce, ma ci vengono in soccorso quando ci assale la voglia di un dessert o qualcosa di dolce.

marianne-botta-diener
Marianne Botta Diener

Ingegnere in tecnologia alimentare SPF e docente specializzata SPF in scienze dell’alimentazione

Falso! I prodotti apparentemente sani quali miele, zucchero di canna e melassa, ma anche succo di pera concentrato e sciroppo d’acero, sono costituiti quasi esclusivamente da fruttosio o destrosio e non hanno alcun vantaggio calorico. A differenza dello zucchero tradizionale contengono invece vitamine e minerali, guadagnati però a fronte di un elevato apporto energetico.

marianne-botta-diener
Marianne Botta Diener

Ingegnere in tecnologia alimentare SPF e docente specializzata SPF in scienze dell’alimentazione

Vero! Tra i sostituti dello zucchero figurano gli edulcoranti e i succedanei. Entrambi i gruppi comprendono sostanze che contengono calorie. I succedanei dello zucchero come lo xilitolo e il sorbitolo contengono calorie. In questo caso è utile leggere le indicazioni del produttore sul contenuto calorico del prodotto. Esistono però anche edulcoranti, come il ciclammato, che sono privi di calorie. Qui trovi ulteriori informazioni sui sostituti dello zucchero.

marianne-botta-diener
Marianne Botta Diener

Ingegnere in tecnologia alimentare SPF e docente specializzata SPF in scienze dell’alimentazione

Falso! Purtroppo questo non vale per tutti i prodotti. L’organizzazione dei consumatori tedesca Foodwatch avvisa: i cereali solitamente contengono troppi zuccheri e nemmeno quelli che assicurano il 30 percento di prodotto integrale sono davvero integrali. In alcuni casi, 100 grammi di cereali per la colazione nascondono ben 35 grammi di zucchero, quasi come quelli contenuti in una tavoletta di cioccolato al latte. Se si vuole davvero una colazione equilibrata, nella scelta dei cereali si deve prestare molta attenzione alla loro composizione. Altrimenti si rischia di iniziare la giornata con una botta di zuccheri.

marianne-botta-diener
Marianne Botta Diener

Ingegnere in tecnologia alimentare SPF e docente specializzata SPF in scienze dell’alimentazione

Falso! Dal punto di vista fisiologico-nutrizionale, i prodotti surgelati seguono quasi a ruota quelli freschi appena preparati. Il valore fisiologico-nutrizionale dei prodotti surgelati è paragonabile a quello dei prodotti freschi, perché questi alimenti vengono surgelati immediatamente dopo essere stati raccolti, preservandone così le sostanze nutritive, le vitamine e le altre caratteristiche. Inoltre, i prodotti che vengono surgelati appena raccolti non contengono conservanti.

Gli articoli di Marianne Botta Diener

Scopri chi sono i nostri esperti


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter e vinci un controllo sanitario da medbase

Vai all'iscrizione