Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Pia Martin

Pia Martin ha un master in ecotrofologia, lavora come dietista e creatrice di ricette per iMpuls.
pia-martin

Tutte le risposte di Pia Martin

pia-martin
Pia Martin

Master in ecotrofologia

Ad oggi, per quanto concerne il digiuno a intervalli (16:8), sono disponibili pochi studi condotti su persone. I dati disponibili attualmente suggeriscono che tale metodo potrebbe avere vantaggi dal punto di vista della perdita di peso e un influsso positivo su altri fattori legati alla salute. Tuttavia, per consigliare tale metodo, sono necessari ulteriori studi. Sussistono inoltre numerosi svantaggi, come per esempio la mancanza di informazioni relative al tipo e alle quantità di alimenti da assumere, il possibile aumento degli attacchi di fame nonché, a seconda di cosa e quanto viene ingerito, la potenziale e permanente mancanza di sostanze nutritive. Ma non è tutto: non disponiamo di informazioni sull'effetto a lungo termine nell'ambito dei disturbi dell'alimentazione. Una cosa è certa: con una tale dieta non si modificano le abitudini alimentari né si impara a nutrirsi in modo sano ed equilibrato. Il mio consiglio per perdere peso è quindi attenersi a 3 pasti al giorno e fare sufficiente attività fisica.

pia-martin
Pia Martin

Master in ecotrofologia

Ciao Anja, trovo fantastico che tu segua una dieta equilibrata e faccia regolarmente sport. Continua così! Ti consiglio di affrontare il tema con il tuo medico, che conosce te e i tuoi valori in modo dettagliato e può quindi appurare se sia necessario o meno cambiare qualcosa nel dosaggio degli ormoni. Esatto, non devi assolutamente patire la fame. In ogni caso, cerca di alimentarti superando il tuo metabolismo basale per evitare che il tuo corpo lavori a rilento.

pia-martin
Pia Martin

Master in ecotrofologia

Ciao Doeddle, purtroppo non posso risponderti in termini di chilometri. Inoltre il consumo di calorie con l'e-bike è generalmente molto variabile. L'aspetto determinante è il consumo calorico. Un allenamento della resistenza lungo, con intensità bassa e caratterizzato da una frequenza cardiaca di ca. 100-140 battiti al minuto viene spesso definito un modo efficace per «bruciare i grassi». Ciò però non è corretto. Se l'intensità è bassa, anche il consumo calorico è ridotto. Inoltre, oggi è noto che chi è più allenato e si dedica ad attività fisica con una frequenza cardiaca più elevata (75% della frequenza cardiaca massima) brucia ancora più grasso. L'attività fisica accresce la massa muscolare. E così, anche in fase di riposo, viene impiegata più energia.  

pia-martin
Pia Martin

Master in ecotrofologia

A incidere fortemente sulla perdita di peso è il bilancio calorico negativo, quindi devi ingerire meno calorie di quelle che consumi. In prima linea poco importa da dove arrivano.
Continua a fare tanta attività fisica, va benissimo. Mangia molta frutta, verdura, prodotti integrali, latticini magri e alimenti ricchi di proteine (pesce, pollo, cottage cheese). Il corpo ha bisogno di carboidrati, quindi una dieta che li escluda è sconsigliabile. Se vuoi puoi però ridurre leggermente la loro percentuale. In particolare evita il più possibile lo zucchero presente nelle bibite zuccherate e nei dolciumi. I carboidrati complessi dei prodotti integrali o dei legumi hanno un buon potere saziante e non alzano il tasso glicemico e insulinico così rapidamente e drasticamente come i carboidrati semplici e i prodotti di farina bianca. Sono dei principi che puoi continuare a mettere in pratica.

pia-martin
Pia Martin

Master in ecotrofologia

Falso. Si può dimagrire se si assumono meno calorie rispetto a quelle consumate. In linea di principio, con un fabbisogno giornaliero di 2000 kcal, ad esempio, è possibile perdere peso assumendo 1500 kcal sotto forma di cioccolato. Ciò corrisponderebbe all'incirca a tre tavolette di cioccolato. Questo stile alimentare, però, non è né sano né vario. Inoltre, prima o poi la voglia di cioccolato scompare.

Una tendenza consiste nel mangiare due pezzetti di cioccolato fondente prima del pasto, poiché dà un senso di sazietà riducendo la fame e di conseguenza le calorie introdotte. Per seguire questa «dieta» occorre tuttavia modificare lo stile alimentare e praticare molta attività fisica. Il cioccolato di per sé non contribuisce purtroppo al dimagrimento.

Gli articoli di Pia Martin

Scopri chi sono i nostri esperti


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vinci 3x50.–

Iscriviti subito
geschenk-icon.jpg