Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Via la pancia

Dopo una fase di stallo, il pianificatore finanziario David ce l'ha messa tutta nell'ultima parte del progetto "pancia piatta". E il risultato non si è fatto attendere: ha perso complessivamente otto chili acquisendo al contempo una buona dose di fiducia e motivazione.

David (34) si sente sollevato. Per quattro mesi il pianificatore finanziario di Flamatt FR ha sfacchinato per avere una pancia piatta. Ora il progetto sotto la guida della coach Selina Schättin di MySidekick si è concluso e David può essere soddisfatto del risultato: «La prima cifra sulla bilancia è di nuovo un otto, evviva! Per la prima volta durante il controllo del peso ho avvertito una sensazione di soddisfazione», questa la sua conclusione nel video (vedi in alto).

L'ostacolo della «preparazione dei pasti in anticipo»

I consigli migliori per dimagrire per gli uomini intorno ai 40 anni

Consigli di Selina Schättin:

  1. Chiedi ad amici e familiari di sostenerti nel tuo progetto e di «controllarti».
  2. Invece di andare a bere una birra con gli amici dopo il lavoro, fai con loro una passeggiata. È una soluzione perfetta per chiacchierare, soprattutto adesso con il coronavirus.
  3. Fissa piccoli obiettivi intermedi, sia per quanto riguarda il peso che le abitudini.
  4. Cerca di integrare l'esercizio fisico nella tua routine quotidiana, in modo che diventi una cosa normale.
  5. Non hai tempo? 10-15 minuti sono meglio di niente. Fai quindi anche solo una piccola sequenza di esercizi piuttosto che niente.
  6. Per cena gustati una zuppa, ora la stagione è perfetta.

89 chili indica la bilancia all'ultimo controllo, all'inizio della sfida erano 97. Un lungo percorso, durante il quale l'obiettivo da raggiungere sembrava solo un'illusione. In particolare il penultimo mese è stato duro perché ha faticato non poco con il «meal prep» (preparazione dei pasti in anticipo), un punto importantissimo del programma di dimagrimento. «La stagnazione mi ha dato tantissimo sui nervi e al contempo mi ha stimolato», racconta David. «Per questo motivo nella fase finale ho dato il massimo.»

David ha svolto cinque volte a settimana un allenamento di resistenza e ha dovuto ridurre un po' l'allenamento della forza a causa di una ferita alla spalla. Il friburghese non ha più bevuto un goccio d'alcol e ha fatto rinunce anche con il cibo, suo punto dolente. «Ho fatto grandi progressi nella preparazione dei pasti e infatti mi prendo il tempo necessario, più volte a settimana», afferma. «Ho mangiato anche più verdure.»

Malgrado tutto, il friburghese non è però riuscito a raggiungere l'obiettivo di 85 chili ((PDF Verlinken: 20201114_Migros_Bauch weg.pdf)) che si era prefissato inizialmente. Perché? La coach Selina Schättin spiega: «David ha avuto stagnazioni del tutto normali, attribuibili senza ombra di dubbio all'alimentazione. Per consolidare un'abitudine ci vogliono due o tre mesi affinché non risulti più faticosa.» Dopo i primi successi si pensa di poter fare anche un po' di meno. «Basta un attimo e si compra, o si smangiucchia, qualcosa che non si dovrebbe», spiega l'esperta. «Penso che David abbia sottovalutato questa parte della sfida. Con lo sport, invece, non ha mai avuto problemi.»

(Continuazione in basso...)

David vuole dimagrire di 12 chili con MySidekick: ci riuscirà?

Vai al dossier

Niente paura dell'effetto yo yo

Per David va bene così. Per lui la cosa più importante non è perdere tantissimo peso, ma sentirsi bene nella propria pelle. «Mi sento bene con i miei 89 chili, anche senza six pack. Sono abbastanza in forma per fare tutto ciò che voglio, per fare gli sprint, ad esempio.» E anche per il suo amato hobby, il calcio. Presso il suo club, l'FC Stettlen, David è stato in grado di riproporsi ai livelli di una volta. «Per la prima volta da molto tempo ce l'ho fatta a giocare per 90 minuti.»

David non ha paura di ricadere nelle vecchie abitudini una volta terminato il coaching. «Non si è trattato di una dieta estrema in cui ho dovuto rinunciare a tutto, bensì di un cambiamento in un contesto sano. Per questo non ho paura di un effetto yo-yo», racconta David fiducioso. Il fatto che Selina Schättin lo abbia seguito da vicino gli ha permesso di far propria la motivazione necessaria per l'allenamento. «Grazie al mix efficace di coaching a distanza e personal training ho una buona base per continuare ad allenarmi da solo con motivazione.»

david-vorher-nachher.jpg
david-vorher-nachher.jpg

David prima e dopo quattro mesi di allenamento. (Foto: Siggi Bucher)

Una nuova sfida: «essere papà»

Per ora, nei piani di David per il futuro, non rientrano altre challenge di questo tipo. «Niente six pack al momento», afferma ridendo il friburghese. Anche perché da poco è alle prese con una sfida del tutto personale. Si tratta di una sfida molto bella: David è diventato papà di una bambina. «Questa è attualmente la mia sfida più grande. Mia moglie Lucie ed io ci rallegriamo ogni giorno di più della nostra piccola gioia», afferma. «È una bambina molto tranquilla che non piange quasi mai.»

Il neopapà è molto soddisfatto degli ultimi quattro mesi, molto intensi sia sul piano privato sia su quello sportivo. «È stato un periodo molto interessante e impegnativo, anche a livello mentale», riassume David. «È stato caratterizzato anche da alti e bassi e si è rivelato molto movimentato con l'addio al celibato, il matrimonio, la nascita e il progetto di dimagrimento.»

david-mit-frau-und-tochter.jpg
david-mit-frau-und-tochter.jpg

 David und Ehefrau Lucie wurden Eltern einer Tochter. (Siggi Bucher)

Meno pancia e una buona sensazione

Bilancio prima-dopo

Valori corporei prima del coaching

  • Peso in kg: 97,5
  • Grasso corporeo: 25,9 kg / 26,6%
  • Massa muscolare: 68,1 kg / 69,8%
  • Età metabolica: 49
  • Circonferenza addominale in cm: 104

Valori raggiunti alla fine

  • Peso in kg: 89.5 (-8 rispetto all'inizio)
  • Grasso corporeo: 23.2 % (-3,4)
  • Massa muscolare: 73% (+3,2 )
  • Età metabolica: 43 (-6)
  • Circonferenza addominale in cm: 96 (-8)

Ha imparato molto, con la soddisfazione di essere veramente migliorato. L'aspetto che però gli è piaciuto maggiormente è l'idea di base della sfida: mentre la pancia di sua moglie cresceva, la sua diventava più piatta. «Durante la gravidanza è aumentata di otto chili e io ho perso otto chili negli ultimi quattro mesi. È un risultato perfetto», si rallegra David. E la sua coach Selina Schättin aggiunge: «Ora puoi concederti qualcosa che altrimenti non ti concederesti mai. E non pensare, per una volta, a dimagrire, fare movimento e restare in salute.»

Lo esorta tuttavia anche a mantenere le nuove abitudini a medio termine. «Il progetto non è del tutto finito ed è importante che controlli regolarmente il peso, possibilmente una volta a settimana. Se aumenta due volte di fila, vuol dire che è necessario darsi da fare.»

di Thomas Wyss,

pubblicato in data 11.11.2020

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche:

Dimagrire, ritrovare la forma, vivere più sani? Avvia ora un programma e vinci

Comincia ora
geschenkkarte-gelb.jpg