Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Gli effetti degli oli da bagno e per massaggi

Che siano usati durante il bagno o un massaggio, gli oli nutrono la pelle e fanno bene alla mente. Alcuni hanno effetti terapeutici, altri sono particolarmente indicati per gli allergici. Ti mostriamo quali sono e che effetti hanno.

Un massaggio è piacevole in ogni caso, ma lo è ancora di più se accompagnato da un olio setoso e profumato. Un buon olio non si limita a idratare la pelle secca, ma regala al corpo importanti sostanze nutritive durante il massaggio.

Di origine minerale o vegetale

Gli oli più pregiati sono quelli di origine vegetale, come l'olio di mandorla, colza o iperico, perché contengono acidi grassi e vitamine e pare abbiano anche proprietà antinfiammatorie. Gli oli minerali, invece, non contengono tali sostanze, ma sono altamente dermocompatibili e quindi adatti anche per le persone allergiche. Inoltre, agevolano lo scorrimento delle mani sul corpo e sono anche a lunga conservazione. Ciononostante, sono stati già oggetto di critiche, perché pare che contengano sostanze dannose.

Piante dagli effetti terapeutici

Gli oli base vengono spesso arricchiti con oli essenziali. Queste sostanze volatili e dalla gradevole profumazione vengono estratte da fiori, foglie, semi, legno o radici di piante. Spesso hanno caratteristiche terapeutiche e possono avere un'azione rilassante, antinfiammatoria, antibatterica, energizzante e stimolante della circolazione. (continua a leggere qui di seguito...)

Contenuti collegati

Quali sono gli effetti prodotti dagli oli?

Olio base

  • Olio di sesamo: tonificante, riequilibrante nervoso e riscaldante
  • Olio di cocco: rinfrescante e ottimo per combattere le infiammazioni
  • Olio di iperico: ottimo per combattere le infiammazioni, coadiuvante della cicatrizzazione, stimolante della circolazione e antibatterico
  • Olio di mandorle: rinfrescante e analgesico

Olio essenziale

  • Camomilla: ottimo per combattere le infiammazioni
  • Mentolo ed eucalipto: mucolitici
  • Olio di lavanda: coadiuvante del sonno, ottimo per combattere le infiammazioni
  • Olio di melissa: calmante, rinfrescante
  • Olio di rosa: efficace contro la bronchite acuta e cronica
  • Aghi di pino, bacche di ginepro, timo, rosmarino: stimolanti della circolazione
  • Chiodi di garofano, cannella: analgesici

Il buon profumo fa bene all'umore

Gli oli essenziali sono un vero e proprio balsamo per la mente e per l'umore. Le molecole profumate, attraverso il naso, agiscono direttamente sul sistema limbico, il luogo di origine delle emozioni e della percezione inconscia, e risvegliano determinate sensazioni. Per la scelta dell'olio essenziale bisognerebbe affidarsi al proprio olfatto: quello che piace di più è quello più efficace. Gli oli per massaggi possono lenire sia i disturbi fisici sia quelli psichici.

Immergersi in un bagno profumato

Gli oli essenziali sono molto apprezzati anche disciolti in vasca per un bagno completo. Proprio quando ci si sente tesi, raffreddati o stanchi si può trarre beneficio dalla forza delle sostanze di origine vegetale. Nella forma pura devono essere utilizzati con attenzione. Gli oli concentrati irritano la pelle e nei casi peggiori possono scatenare una reazione allergica. Per un bagno completo sono sufficienti da cinque a dieci gocce. Spesso sono venduti in concentrazioni sicure, sotto forma di oli da bagno preconfezionati o come componenti di sali.

Bagno d'olio: un toccasana per la pelle sensibile

Il bagno d'olio curativo per la pelle, senza l'aggiunta di oli essenziali, è particolarmente adatto per il trattamento della cute secca o per le persone che hanno la pelle molto sensibile. In questo caso sono importanti il pH e la totale assenza di profumi o altre sostanze irritanti. La scelta dell'olio può essere basata sul profumo, sugli effetti terapeutici o sulla sensibilità della pelle in base alle esigenze individuali. Le proprietà degli oli essenziali venivano apprezzate già dagli antichi Egizi: gli oli profumati valevano più di oro e argento ed erano sinonimo di vita eterna.

Prodotti adatti

di Claudia Langenegger,

pubblicato il 05.03.2018


Potrebbe interessarti anche: