Indietro

Medicina

Attualià

Primavera in piena salute

Raffreddore da fieno e allergie: che fare?

Esperti rispondono

Acqua
mann-trinkt-wasser-in-bergen.jpg
Vincent O., Lyss
È possibile anche bere troppo? È dannoso?
andre-dietschi
Dott. med. André Dietschi, Medico specialista

Sì, è possibile anche bere troppo. Come regola generale, si dovrebbero assumere da 1,5 a 2 litri di liquidi al giorno. Bere molto di più può nuocere alla salute. Un’eccessiva assunzione di liquidi si manifesta con un aumento della frequenza della minzione, che a sua volta causa una significativa perdita di minerali che andrebbero reintegrati. 

Sonno
junger-mann-schlaeft.jpg
Stella C., Airolo
Esistono rimedi per non russare?
andre-dietschi
Dott. med. André Dietschi, Medico specialista

Purtroppo non esistono rimedi per smettere di russare. Il russamento può essere riconducibile a diversi fattori, ad esempio a un naso congestionato, a un setto nasale deviato o a un ingrossamento della base linguale (la parte posteriore della lingua). Spesso anche il fatto di respirare con la bocca durante il sonno può essere all’origine del disturbo. Il tipico rumore del russamento è generato dall’oscillazione dell’ugola. Durante il sonno, i muscoli della parte superiore della gola si rilassano analogamente a tutti gli altri. La lingua scivola all’indietro e restringe le vie respiratorie. Per far sì che, nonostante tutto, possa arrivare ossigeno sufficiente ai polmoni, si respira con maggiore forza. La corrente d’aria può causare la vibrazione dell’ugola e generare quindi il classico suono rauco del russare. Assumere una posizione supina o consumare alcolici prima di dormire favoriscono il fenomeno. Nell’ultimo caso, ciò avviene perché l’alcol accentua il rilassamento dei muscoli.

Primo soccorso
masern.jpg
Bruno E., Altdorf
Mio figlio ha il morbillo. Quanto è contagioso?
andre-dietschi
Dott. med. André Dietschi, Medico specialista

Il morbillo fa parte delle malattie infettive altamente contagiose per l’uomo. Più di nove persone su dieci non vaccinate si ammalano dopo essere entrate in contatto con il virus. È sufficiente uno starnuto o un colpo di tosse per trasmettere l’agente patogeno da un organismo ad un altro. Anche un semplice viaggio con i trasporti pubblici può rivelarsi decisivo per contrarre l’infezione. Molte delle persone contagiate, infatti, si accorgono di avere il morbillo solo dopo la tipica eruzione cutanea che lo caratterizza. Tuttavia, sono contagiose anche da prima. Si consiglia dunque alle persone non vaccinate di tenersi a debita distanza dagli ammalati. Il vaccino è l’unico strumento sicuro per proteggersi dalla malattia.

Poni qui le tue domande

Potrebbe interessarti anche: