Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Come i profumi influenzano il nostro benessere

L'effetto delle gardenie è simile a quello del valium, gli aranci scacciano la stanchezza e la lavanda distende, spiega Hanns Hatt, Professore di fisiologia della cellula alla Ruhr-Universität Bochum.

frau-entspannt-bei-schaumbad.jpg

Per le persone insonni il profumo del gelsomino è più efficace del valium, così la sua recente scoperta.

Desidero precisare quest'affermazione: nel nostro laboratorio abbiamo scoperto un profumo che ricorda i fiori di gelsomino, ma che non ha niente a che fare con la pianta. In natura si trova nei fiori della gardenia e il suo effetto è, in effetti, paragonabile a quello di un sonnifero. Come il linalolo nella lavanda, ci fa addormentare meglio.

Qual è il modo migliore per impiegare il profumo?

Mettersi la pianta della gardenia in camera, ad esempio. Anche un cuscino riempito di fiori essiccati va bene. Oppure si bagnano le lenzuola con qualche goccia di olio essenziale, che sviluppa i suoi effetti anche come additivo da bagno o in un'emulsione.

Lavanda, gardenia e melissa - calmano e rilassano persino quando non si percepisce nessun profumo.

Contrariamente agli aromi artificiali del caffè, che aleggiano da molti bar, le sostanze profumate con effetto farmacologico si possono impiegare indipendentemente dal funzionamento del nostro olfatto. Raggiungono il sangue veicolati dall'aria che si respira, attraverso la pelle o con il cibo e da là sono trasportate al cervello, dove influiscono ad esempio sul nostro senso di stanchezza.

Cosa tenere presente quando si intende profumare gli ambienti?

I profumi non devono essere utilizzati in forma concentrata, questa è la cosa più importante. Altrimenti possono causare mal di testa e nausea, La miglior soluzione è l'impiego di atomizzatori o umidificatori dell'aria. Meglio evitare le lampade profumate con candele. Spesso gli oli essenziali sono surriscaldati e modificati nella loro struttura.

hanns-hatt.jpg
Prof. dott. dott. dott. habil. Hanns Hatt

Hanns Hatt è Professore di fisiologia della cellula alla Ruhr-Universität Bochum.

Quali profumi scacciano la stanchezza e ci rendono più attenti?

Il profumo di limoni e aranci, ma anche di menta o di bergamotto, aiuta a svegliarsi e a focalizzarsi. Studi hanno dimostrato che gli alunni sono più attenti, se l'aula profuma di limone o rosmarino. Tuttavia qualsiasi profumo può sviluppare la concentrazione - ma dobbiamo condizionarci sul fatto di utilizzarlo soltanto in determinate situazioni, ad esempio durante un esame.

Dunque le mele marce nel cassetto hanno forse veramente ispirato Schiller. Anche lei ricorre in determinate situazione al trucco con i profumi?

Sì, lo faccio. Quando sulla scrivania mi attende un lavoro importante che richiede particolare concentrazione, la mattina spruzzo un po' di profumo di limone sulla manica della mia giacca e ogni tanto vi do un'annusatina. Utilizzo questo profumo esclusivamente per questo scopo. A proposito, i profumi andrebbero spruzzati soltanto sugli indumenti o sui capelli e non direttamente sulla pelle. Siamo riusciti a dimostrare che alcuni dei sensori olfattivi presenti nel naso si ritrovano anche nelle cellule della pelle e purtroppo le nostre conoscenze dei loro effetti sono ancora troppo esigue. 

Ogni giorno lei è circondato da numerosi profumi. Cosa è ancora in grado di sedurre il suo naso?

Mi piace sentire gli odori di cibi e bevande squisiti. I miei preferiti sono i profumi freschi della cucina toscana, come l'origano o il basilico, ma anche le note di limone.

Pubblicato il 27.09.2017,

di Ümit Yoker


Potrebbe interessarti anche: