Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Eruttazione, nausea, pesantezza: cosa aiuta davvero?

La cosa più efficace è un semplice test che va alla ricerca di specifici batteri. Sono queste le conclusioni di un recente studio.

Mal di stomaco, malessere dopo i pasti e altri disturbi gastrici: almeno un adulto su cinque prova questi sintomi una volta nella vita. Su dieci persone affette, quattro vanno dal medico per curare questa cosiddetta «dispepsia».

Cosa è meglio fare, sapendo che per tre persone su quattro non vengono individuate cause concrete? Fare subito una gastroscopia? Contrastare semplicemente i sintomi, ad esempio con olio essenziale di menta piperita, erbe digestive o altri rimedi? Oppure provare con un inibitore della pompa protonica per contrastare l’acidità?

Tutta colpa dei batteri?

Secondo una recente analisi, la risposta è «testare e curare», cioè fare innanzitutto un breath test o un esame delle feci per cercare eventuali tracce di Helicobacter pylori.

Questo batterio può infatti provocare l’ulcera gastrica. Per contrastarlo occorre una terapia antibiotica. (Continua a leggere qui di seguito…)

Una variante più costosa

Questa è la procedura più diretta e semplice per liberarsi da disturbi di questo tipo. A questa conclusione è giunta una meta-analisi di 15 studi in cui sono stati somministrati trattamenti diversi, in modo casuale, a soggetti adulti con tali sintomi per scoprire quale fosse il trattamento migliore.

Altrettanto efficace è la gastroscopia, ma è più costosa e complessa. Gli interessati la preferiscono al metodo «testare e curare», probabilmente perché molti temono segretamente di avere un tumore gastrico e ritengono quindi che una gastroscopia dia rapidamente una risposta certa.

Raramente si tratta di tumore allo stomaco

Un timore quasi sempre immotivato: secondo quest’analisi, su 1000 persone che hanno consultato un medico per tali disturbi, a 996 non è stato diagnosticato, statisticamente, un tumore gastrico.

Sempre secondo lo studio, le altre strategie, cioè combattere solo i sintomi o provare a prendere un inibitore della pompa protonica, sono tendenzialmente (ma non marcatamente) peggiori del metodo «testare e curare». Lo svantaggio del ricorso a un inibitore della pompa protonica è che agli interessati viene prescritta una gastroscopia con maggior frequenza rispetto al metodo «testare e curare». (Continua a leggere qui di seguito…)

Ciò che devi sapere sulla digestione

Vai al dossier

Provare con un farmaco

Il presupposto per partecipare agli studi era l’insorgenza per la prima volta di disturbi gastrici e l’assenza di segnali di avvertimento, ad esempio un inspiegabile calo di peso, difficoltà di deglutizione, vomito continuo, anemia o disturbi gastrici ricorrenti.

In caso di familiarità per tumore gastrico o intestinale e a partire dai 55 anni, il rischio di cancro è maggiore per cui viene prescritta una gastroscopia con maggior frequenza.

Fonte: «BMJ»

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche:

Dimagrire, ritrovare la forma, vivere più sani? Avvia ora un programma e vinci

Comincia ora