Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Vero o falso? 15 risposte ad alcuni luoghi comuni sul raffreddore

Lo sport ti rende più vulnerabile al raffreddore? Quanto dura la malattia? Come avviene il contagio? 15 risposte sul raffreddore.

1. Gli adulti hanno il raffreddore circa tre volte all'anno,

Vero i bambini da cinque a otto volte. Circa un bambino su dieci, altrimenti sano, si ammala di raffreddore più di dodici volte all'anno. Per i bambini dell'asilo nido, è normale una media annuale di 13 raffreddori mentre per gli adulti la media è generalmente di tre raffreddori all'anno. La media sale per chi ha a che fare con i bambini piccoli. Gli anziani hanno statisticamente il minor numero di raffreddori.

2. Il raffreddore si sviluppa quando ci si raffredda.

Sì e no. Il raffreddore è sempre causato da un agente patogeno, generalmente un virus. L'ipotermia gli facilita il gioco perché ostacola la circolazione del sangue nelle mucose. Spesso nella fase iniziale del «raffreddore» è utile fare un breve bagno caldo. In caso di febbre è invece meglio evitare i bagni caldi perché aumentano il carico sull'apparato circolatorio.

3. Un whisky o un grog possono allontanare il freddo.

Assolutamente no. L'alcol non fa bene all'organismo e lo rende ancora più vulnerabile ai raffreddori. È importante bere a sufficienza per mantenere le mucose umide. Se le mucose si asciugano gli agenti patogeni riescono a penetrare più facilmente. Invece dell'alcol è preferibile bere una tisana per il raffreddore, latte e miele (in caso di tosse) o acqua.

4. La carenza di sonno e lo stress favoriscono il raffreddore.

Vero. Alcuni studi hanno dimostrato che le persone che dormono meno di sei o sette ore per notte tendono ad essere più vulnerabili al raffreddore. La mancanza di sonno ha un effetto negativo sul sistema immunitario. Lo stesso vale anche per lo stress permanente.

5. Una buona igiene delle mani può dimezzare il numero di raffreddori.

Vero La maggior parte dei raffreddori si trasmette con le mani. L'igiene delle mani è quindi uno dei modi più efficaci per evitare di prendere il raffreddore. L'acqua e il sapone sono più che sufficienti. I saponi speciali antimicrobici non sono necessari per un uso normale.

6. L'esercizio fisico può rendere più vulnerabili al raffreddore .

Sì. In generale, le persone atletiche tendono ad essere più resistenti dei «pantoffolai». Ma durante gli allenamenti molto intensi o dopo le competizioni, gli atleti diventano più vulnerabili ai raffreddori.

7. La vaccinazione antinfluenzale protegge dal raffreddore.

No. Protegge alcuni dei vaccinati dalla vera influenza. La sua efficacia dipende, tra l'altro, dall'età e dalla capacità del vaccino di coprire dai virus influenzali in circolazione. Non offre alcuna protezione dagli altri virus del raffreddore.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

8. Il raffreddore dura una settimana.

Solo se sei fortunato, di solito dura più a lungo. La tosse può durare tre settimane, un forte raffreddore da due a tre settimane. In media il raffreddore dura dieci giorni.

9. Il raffreddore passa più rapidamente con l'antibiotico.

Falso. Più del 90% dei raffreddori sono causati da virus e nessun antibiotico è efficace contro i virus. Questi medicinali sono utili solo per combattere i batteri. Nonostante questo molti pazienti si aspettano ancora che venga loro prescritto un antibiotico quando hanno il raffreddore. Ma l'antibiotico è utile solo nei pochi casi in cui la malattia è causata da batteri.

10. La febbre può essere utile.

Vero. Quando si ha la febbre il sistema immunitario entra pienamente in attività. Inoltre ostacola la replicazione di alcuni virus e batteri nell'organismo. La febbre ha anche un vantaggio per gli altri che potrebbero infettarsi perché quando si è febbricitanti si è più propensi a rimanere a casa. Sarebbe però un errore dedurne che la febbre è indispensabile per combattere le infezioni, perché il sistema immunitario è in grado di combattere molte infezioni anche senza febbre.

11. La febbre alta è pericolosa.

Dipende. Può esserlo, ma non necessariamente. Visto che chi non è esperto difficilmente è in grado di fare una valutazione, in caso di febbre alta il consiglio è di rivolgersi tempestivamente al medico. Quando si ha la febbre, le condizioni generali, l'età, il comportamento e le patologie (croniche) del paziente sono almeno altrettanto importanti quanto la temperatura corporea.

12. I raffreddori gravi si riconoscono dalla febbre alta.

Devono rivolgersi tempestivamente al medico...
  • le donne incinte, le persone molto giovani e molto anziane
  • le persone che soffrono di immunodeficienza, asma o broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)
  • chi presenta segnali di allarme.

I segnali di allarme sono:

  • febbre per tre o più giorni
  • il raffreddore peggiora invece di migliorare nel corso di cinque o dieci giorni
  • respirazione accelerata o difficoltà respiratorie
  • brividi di freddo
  • pazienti che non riescono più a bere o non espellono quasi più l'urina
  • pazienti che non reagiscono più normalmente quando li si chiama o che si svegliano a fatica
  • pazienti che si comportano in modo insolito, per esempio che emettono suoni anomali simili a rantolii

Falso. Ci sono infezioni gravi che sono accompagnate solo da un leggero aumento della temperatura o addirittura da un'ipotermia (sotto i 36 gradi). I bambini sotto i due mesi, ad esempio, spesso non sono in grado di febbre alta. Si può avere una temperatura leggermente alta o addirittura normale nonostante una grave malattia. Bisogna prestare particolare attenzione con i bambini sotto i due anni di età.

13. Quando si ha la febbre è bene riposare a letto.

Sì, è utile non affaticarsi. Come regola generale, si può tornare a scuola o al lavoro solo dopo aver trascorso almeno un giorno senza febbre. Subito dopo aver superato un raffreddore non si dovrebbe pretendere il massimo dal proprio corpo e, ad esempio, allenarsi molto intensamente. È meglio aspettare fino a quando ci si sente di nuovo in forma.

14. In sauna si elimina il raffreddore sudando.

No. Quando il raffreddore si è già manifestato è troppo tardi per la sauna, che a questo punto non farebbe che appesantire la circolazione più di quanto già non faccia il raffreddore. Fare regolarmente la sauna può invece aiutare a prevenire il raffreddore.

15. Dopo un raffreddore si è immuni per un po'.

Sì e no. Si è immuni all'agente patogeno, quasi sempre un virus, per un po' di tempo. Ma esistono centinaia di altri virus e tipi di virus che possono causare il raffreddore. I «rinovirus» sono responsabili circa della metà di tutti i raffreddori. Ne esistono più di 100 tipi diversi e ci si immunizza solo contro il tipo da cui si è appena stati infettati. Oltre ai rinovirus esistono anche gli adenovirus, i virus parainfluenzali, quattro tipi di coronavirus che circolano da tempo nel nostro paese, i virus respiratori sinciziali e così via...

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 02.11.2021

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche:

Posta di natale Migros: non lasciamo nessuno da solo

Iscriviti ora
Desktop_2880x1260.jpg