Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Il metodo Kneipp rinfresca il corpo e la mente

L’idroterapia di Kneipp rappresenta un investimento per la salute. Camminare nell’acqua fredda consente di liberarsi della fatica fisica in un attimo. Chi lo fa regolarmente rafforza anche il proprio sistema immunitario.

Breve guida all’idroterapia di Kneipp

Immergere le gambe per alcuni secondi o minuti nell’acqua fredda e poi asciugarle con cura. L’acqua deve essere tanto fredda da far percepire una sorta di leggero formicolio.

Lo stesso si può fare con le braccia, quando per esempio si è in ufficio e bisogna stimolare la circolazione. Se il getto di acqua fredda risultasse troppo fastidioso, è possibile anche alternare l’uso di acqua calda e fredda.

L’acqua fredda stimola la vascolarizzazione e favorisce le capacità rigenerative del nostro corpo rafforzandone le difese. Inoltre, il freddo promuove il rilascio di endorfine, alleviando così il dolore.

Per ridurre i tempi di recupero dopo sessioni di allenamento particolarmente intense, gli atleti professionisti immergono le gambe nell’acqua fredda. Questo stimola la vascolarizzazione, sciogliendo così la muscolatura. Inoltre, favorisce il rilascio delle endorfine, gli ormoni del benessere prodotti dal nostro corpo che hanno un effetto eccitante e analgesico.

Una pratica che stimola l’autoguarigione

L’idroterapia di Kneipp ha radici antiche. Questa pratica infatti è stata sviluppata dall’abate e naturopata tedesco Sebastian Kneipp (1821-1897). L’acqua fredda non solo favorisce la vascolarizzazione, ma stimola anche la circolazione, il sistema nervoso e il metabolismo. Tutto questo ha un effetto positivo sulle nostre capacità di difesa e autoguarigione. Ma non è tutto: una volta trovato il coraggio di immergersi nell’acqua fredda, se ne esce distesi e rivitalizzati. Anche se l’efficacia di questo trattamento non è ancora stata dimostrata scientificamente, molti sportivi assicurano che funziona. Ecco quindi che i ciclisti del Tour de France si immergono nell’acqua fredda al termine di una tappa per sentirsi di nuovo in piena forma il giorno successivo. (Continua a leggere qui di seguito …)

Kneipp in versione «light» anche in ufficio

Fondamentalmente, l’idroterapia di Kneipp è consigliata a scopi preventivi, ma non per le patologie croniche. A breve termine, favorisce il benessere: ad esempio, chi dopo essere stato in piedi per molto tempo ha le gambe gonfie trarrà giovamento dall’immergerle in acqua fredda. Un’altra esperienza fantastica è tuffarsi in un lago di montagna dopo una faticosa camminata. Alla fine, è come se la fatica venisse sciacquata via. Il bello è che questa pratica è possibile quasi ovunque, in qualsiasi momento.

Poiché il metodo Kneipp è una terapia delicata, è praticamente adatta a tutti. Qualora però si dovesse sentire dolore alle gambe, è meglio interrompere il trattamento. È possibile sottoporsi a una versione «light» dell’idroterapia di Kneipp anche a casa o nel bagno del proprio ufficio, tenendo le braccia per qualche secondo sotto un getto di acqua fredda. Tuttavia, non è certo paragonabile all’esperienza che si vive all’aria aperta. 

di Dott. med. Arnold Eggerschwiler,

pubblicato il 21.12.2017


Potrebbe interessarti anche: