Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Spazzolini elettrici: rotazione vs ultrasuoni

Con uno spazzolino elettrico la pulizia dei denti è più veloce ed efficace che con uno manuale. Ma quale scegliere? Uno con testina rotonda a oscillazione e rotazione o uno a ultrasuoni?

Uno studio condotto dalla comunità di ricerca indipendente Cochrane ha dimostrato che gli spazzolini elettrici eliminano effettivamente un po’ più di placca rispetto a uno spazzolino tradizionale (utilizzato correttamente) e causano un numero leggermente inferiore di infiammazioni gengivali. Attualmente sono due i sistemi che si dividono il mercato, dominato dai due produttori Braun con la sua linea  Oral-B e Philips con Sonicare.

Ecco come pulisce la testina rotonda oscillante

Le setole di uno spazzolino elettrico a testina tonda oscillante si muovono velocemente avanti e indietro, mentre la testina allo stesso tempo vibra leggermente. La tecnica di pulizia è semplice: la testina rotante permette di spazzolare ogni singolo dente esercitando solo una leggera pressione. Non è necessario spingere eccessivamente, perché i movimenti e le oscillazioni della testina fanno sì che la placca si stacchi dal dente, senza intaccare le gengive. Chi vuole pulire i denti ancora meglio e più rapidamente applicando più pressione rischia di nuocere alle gengive tramite le testine che ruotano a velocità elevata, analogamente allo sfregamento dello spazzolino manuale.

Come funziona uno spazzolino a ultrasuoni?

Manutenzione e costi

Ma qual è il prezzo della comodità? Una nuova testina a setole, da cambiare ogni 6-8 settimane, costa in media 7 franchi e dopo 2-3 anni spesso anche i componenti elettronici del manico smettono di funzionare ed è quindi necessario acquistarne uno nuovo. Costo complessivo: a partire da 70 franchi.

Gli spazzolini sonici funzionano in base a un principio simile, sebbene il nome sia fuorviante: le onde sonore non sono utilizzate per la pulizia, ma per permettere alla testina di muoversi su e giù producendo fino a 30 000 oscillazioni al minuto. Le elevate oscillazioni non rimuovono solo la placca dal dente, ma puliscono a fondo gli spazi interdentali grazie al mix tra saliva e dentifricio. Anche in questo caso è sufficiente esercitare una leggera pressione sui denti durante la pulizia, perché una eccessiva danneggerebbe le gengive. (Continua a leggere qui di seguito...)

Questi spazzolini da denti puliscono in modo efficace

Spazzolino elettrico: per quanto tempo bisogna pulire i denti?

Lo spazzolino elettrico raggiunge un buon risultato di pulizia in soli due minuti. Il risparmio di tempo rispetto allo spazzolino manuale è dovuto al fatto che quello elettrico evita all'utente di compiere molti movimenti per spazzolare i denti e che la tecnica è semplice da apprendere.

Lavare i denti, tuttavia, non è sufficiente a proteggerli. È necessario utilizzare anche un dentifricio contenente fluoro che rinforza e protegge la superficie dentale. Il filo o gli scovolini interdentali rimuovono la placca ostinata che si forma tra i denti, piuttosto difficile da raggiungere con lo spazzolino. Il raschietto pulisci lingua elimina la maggior parte dei batteri presenti all’interno della cavità orale. Infine, sarebbe opportuno andare dal dentista almeno una volta all’anno, perché un professionista è anche in grado di accorgersi se lo spazzolino è utilizzato correttamente.

Lo spazzolino da denti manuale è out?

Il requisito fondamentale per rimuovere la placca è uno: il tempo. Solo il movimento meccanico, infatti, ne rimuove efficacemente gli strati che possono provocare carie e parodontosi. Tuttavia, dai risultati dei sondaggi emerge che molte persone impiegano in media solo un minuto per lavarsi i denti.

Per un’efficace rimozione della placca con lo spazzolino tradizionale sono necessari tre minuti e l’utilizzo della tecnica corretta. Molti, però, continuano ad utilizzare setole troppo dure e si limitano a strofinare i denti da sinistra a destra, invece di eliminare la placca spazzolando delicatamente i denti dal basso verso l’alto partendo dalle gengive. Le setole troppo dure e la tecnica di pulizia errata col tempo portano le gengive a ritirarsi e a lasciare scoperto il colletto dentale, parte molto sensibile. I vantaggi dello spazzolino manuale sono sostanzialmente l’economicità, la leggerezza e la resistenza in caso di caduta.

di Andreas Grote,

pubblicato il 28.09.2018

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche: