Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Il caffè è migliore di quanto si creda

Per la maggior parte delle persone è difficile immaginare la vita senza caffè, ma alcuni hanno ancora sensi di colpa quando lo bevono. A torto.

Molte persone hanno bisogno del caffè come stimolante quotidiano e non ne possono fare a meno. Il motivo principale? La caffeina non solo tiene svegli, ma aumenta anche i livelli di serotonina e quindi migliora l’umore. Definire il caffè come una droga sarebbe però sbagliato. Finora i ricercatori non hanno trovato alcuna prova del fatto che provochi dipendenza nelle aree cerebrali corrispondenti.

Molti pregiudizi

Eppure sono molte le persone che hanno sensi di colpa quando consumano questa bevanda, perché hanno paura di danneggiare la loro salute. Il caffè è accusato, tra le altre cose, di essere dannoso per lo stomaco, di disidratare il corpo, di far aumentare la pressione sanguigna e di renderci nervosi. Ma è vero?

Il caffè non colpisce lo stomaco

L’effetto sulla salute probabilmente dipende soprattutto dalla quantità consumata. Gli ultimi risultati delle ricerche ci sorprendono, affermando che il caffè in quantità moderate non causa problemi al cuore o allo stomaco.

Effettivamente la pressione sanguigna aumenta dopo il consumo di caffè, ma solo per breve tempo. Il timore dell’effetto «disidratante» del caffè è infondato: bevendolo, si introducono liquidi nel corpo.

Conseguenze positive

La caffeina ha anche effetti positivi, per esempio sulla muscolatura dei bronchi polmonari. In questo caso, al pari di un farmaco per l’asma, porta a un rilassamento e a un’espansione del tessuto dei polmoni.

Informazioni sorprendenti sul consumo di caffè
  • Distende i muscoli: la caffeina porta a un rilassamento e a un’espansione del tessuto dei polmoni.
  • Brucia grassi: grazie al suo effetto stimolante sulla cistifellea, la caffeina favorisce la digestione dei grassi.
  • Le sostanze bioattive aiutano il sistema immunitario e le vitamine del gruppo B sono importanti per i nervi.

Il caffè favorisce anche il rilascio degli ormoni biliari e stimola la digestione dei grassi. Inoltre, questo stimolante dal colore scuro fornisce numerose sostanze bioattive e vitamine del gruppo B importanti per i nervi.

Una questione di dosi

Resta solo la domanda cruciale: qual è la quantità da non superare? I ricercatori dicono dalle quattro alle cinque tazzine al giorno, per una quantità di caffeina pari a circa 300 milligrammi.

Se si supera 1 grammo di caffeina possono presentarsi sintomi da intossicazione come insonnia, irrequietezza, problemi legati all’udito e alla vista, palpitazioni cardiache e aritmie. Una dose di circa dieci grammi di caffeina risulta mortale per un adulto, ma si tratterebbe di bere centinaia di caffè espresso.

di Marianne Botta Diener


Potrebbe interessarti anche: