Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Influenza estiva: manda i virus in vacanza

Si può prendere il raffreddore anche con le calde temperature estive. Dove si nascondono le tipiche insidie e come non farsi sorprendere.

Come combattere l’influenza estiva
  • A causa dell’aria secca, nei locali climatizzati i soggetti sani dovrebbero bere dai due ai tre litri di liquidi al giorno.
  • I ventilatori andrebbero accesi solo per poco tempo e posizionati ad una distanza sufficientemente ampia.
  • Cosa non fare in auto: lasciare i finestrini aperti quando si è sudati o impostare al massimo l’aria condizionata e puntarsi il getto d’aria direttamente addosso.
  • Togliersi il prima possibile i vestiti bagnati o umidi; in caso di attività sportiva, avere sempre con sé dei vestiti di ricambio.
  • Rafforzare le difese immunitarie con docce alternate di acqua calda e fredda, percorsi Kneipp o saune.
  • Una buona prevenzione include un’alimentazione bilanciata e ricca di sostanze minerali e vitamine, nonché il movimento regolare all’aria aperta.

Prendere il raffreddore con 30 gradi all’ombra? In fondo è spesso legato alle basse temperature; eppure nel 20 percento dei casi il raffreddore non colpisce in autunno o inverno, ma proprio durante la stagione calda.

Anche la cosiddetta influenza estiva consiste in un’infezione virale che si trasmette per vie aeree tramite starnuti, tosse o quando si parla. E dal momento che il contatto con persone raffreddate comporta il rischio di contagio, in estate continuano a valere le stesse regole di igiene dell’inverno, come ad esempio lavarsi le mani il più spesso possibile.

Con le alte temperature la diffusione degli agenti patogeni è sicuramente minore, ma condizionatori, correnti d’aria, umidità o bevande ghiacciate abbassano la temperatura delle mucose, causando un calo dell’irrorazione che indebolisce il sistema immunitario non specifico. In questo modo, i microbi riescono a penetrare più facilmente nelle cellule della mucosa.

Brividi e piedi freddi sono il primo sintomo di un’infezione già avvenuta.

Come evitare i fattori scatenanti

Spesso la causa dell’infezione influenzale estiva è un eccessivo raffreddamento. Indossare abiti troppo leggeri, viaggiare in macchina con i finestrini aperti, esporsi alle correnti d’aria, lasciare perennemente in funzione ventilatori e condizionatori o tenere addosso i costumi umidi troppo a lungo sono comportamenti che rendono la vita più facile agli agenti patogeni.

Inoltre l’aria climatizzata secca le mucose e le rende ancora più soggette alle infezioni. Anche le intense esposizioni al sole possono gravemente indebolire il sistema immunitario. (Continua a leggere qui di seguito...)

Maggiori informazioni sull'influenza

Tutto sul tema

Cosa fare in caso di raffreddore?

Prurito alla gola, formicolio al naso, brividi, mal di testa e dolori articolari... I sintomi dell’influenza estiva sono identici a quelli di un raffreddore invernale. Per permettere al sistema immunitario di combattere i virus, il riposo è fondamentale, dunque stare a letto, riguardarsi e non praticare sport.

Se non sussistono gravi disturbi cardiaci o renali, bisognerebbe bere quotidianamente dai due ai tre litri d’acqua e assumere tisane alle erbe, in modo da inumidire le mucose e compensare le perdite di liquidi.

Se l’influenza dovesse durare più di tre o quattro giorni e la febbre continuasse a salire, o in caso di patologie preesistenti, è necessario rivolgersi al medico di famiglia, soprattutto in presenza di ulteriori disturbi come la diarrea.

di Barbara Kandler-Schmitt,

pubblicato il 15.08.2019


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter e vinci un controllo sanitario da medbase

Vai all'iscrizione